Society
di Simone Stefanini 29 Aprile 2015

5 gruppi dell’epoca grunge migliori dei Nirvana

Col documentario su Kurt Cobain si è riaccesa la Nirvanamania, ma al tempo c’erano band ben migliori.

L’uscita del film documentario “Montage of Heck” sulla figura di Kurt Cobain, ha riacceso il fuoco delle condivisioni ed in questo paio di giorni, ci sentiamo tutti di nuovo avvinti dalla Nirvana-mania. Sul film non mi pronuncio, semplicemente ho deciso di non andarlo a vedere. Non ora, perlomeno. Un po’ perché non mi sembra giusto di essere eccitato nel guardare i filmini privati di un giovane musicista che non ci sta con la testa, con grossi problemi di tossicodipendenza, che ha deciso di spararsi in faccia. Quando successe, ci stetti male un bel po’.  King Buzzo dei Melvins ultimamente si è scagliato contro la mitizzazione della figura di Kurt Cobain, appellandolo come il più grande dei perdenti, la cui tragedia non ha niente di romantico.

Fatta questa dovuta (e personalissima) introduzione, parliamo di musica. Il grunge, in due parole, non era solo lo stile musicale retaggio dell’hard rock anni 70 e del punk, registrato con i suoni sporchi e spesso costruito come una canzone pop. Era soprattutto un momento storico particolare, che va sottotraccia per quasi tutti gli anni 80 e trova la sua esplosione nei primi anni 90, condizionando il decennio e quelli a venire. Via le tastiere, via i capelli cotonati e i leggings leopardati del glam metal, benvenuti capelli sporchi, abiti di seconda mano, chitarre vintage. Basta con la cocaina, bentornata eroina.

I Nirvana sono stati certamente la band più famosa del genere, ma probabilmente non la più bella. Quelle che seguono sono, secondo il mio opinabile gusto, alcune band ben migliori dei Nirvana.

SPOILER: nella prossima lista non ci sono i Pearl Jam. Neppure i Mudhoney e di quelli mi dispiaccio molto.

grunge

 

Smashing Pumpkins

Il primo video in heavy rotation della band di Billy Corgan. Quello che mi ha fatto innamorare. L’album “Siamese Dreams” è eccezionale, il doppio album “Mellon Collie and the Infinite Sadness”, resta il capolavoro insuperato di un’era. Non sono di Seattle, bensì di Chicago.

 

Alice In Chains

Gli Alice in Chains hanno registrato un Unplugged in condizioni analoghe ai Nirvana, suonando divinamente. Il cantante originale, Layne Staley, sembra essere legato a doppia mandata al destino di Kurt, al punto da morire nello stesso giorno (5 aprile) per un’overdose.

 

Melvins

Tra i padri fondatori del genere. Più sporchi, più cattivi e più pesanti della maggior parte dei colleghi, hanno dato i natali al grunge, impastandolo con lo sludge metal, a volte con la psichedelica più oscura ed insensata. Sono tuttora tra le migliori band live del pianeta.

 

Screaming Trees

Con gli Screaming Trees del teppista adolescente Mark Lanegan, chi ha bisogno dei Pearl Jam o degli Stone Temple Pilots? La voce più bella di tutte, chitarroni che sembrano scrivere la storia del rock americano. Avrebbero meritato ben maggiore fortuna, come band. la storia di Lanegan, poi, parla da sé.

 

Dinosaur Jr.

Strappano il cuore, da sempre. Sarà la voce alla Neil Young ma più tossico di J. Mascis, saranno i suoi lunghissimi assolo di chitarra, che sembrano non finire mai e che ti scavano dentro, sarà che sono perfetti per quando ci si sente giù, con la loro naturale malinconia elettrica. Insuperabili, come il tonno.

 

BONUS: Sonic Youth (che non sono grunge)

Reading Festival 1991. In “Teenage Riot” c’è tutto quello che cerchi su quegli anni lì. Anche Kurt.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >