Society
di Simone Stefanini 14 Novembre 2014

Basta con gli hipster, è il turno dei new normal. Ma sarà vero?

Il new normal sarà un hipster ripulito e vestito normale. Ma ironico, per celebrare la normalità altrui. Da non vedere l’ora, proprio.

Giorni fa, le testate ed i telegiornali nazionali hanno dato una notizia di mesi fa (se ne parlava in estate), col piglio di chi sa di cosa sta parlando: gli hipster sono morti, largo ai new normal. Sono andato a leggere un po’ di cose sull’argomento e mentre il Corriere della Sera ne parla  in questi termini “Sono lontani i tempi in cui i barbuti di Brooklyn sfidavano nudi in bicicletta il conservatorismo degli ebrei chassidici del quartiere e abbandonavano le galline in strada (il pollaio in casa è uno dei pilastri dell’immaginario neo-hipster)” dando subito la misura della news (ah, si parla di New York, quindi a noi sticazzi), il NY Times già a giugno strutturava la questione: il normcore (ribattezzato new normal in Italia perché guai ad imparare un suffisso nuovo) rende la noia di moda. Il look del new normal è anti-fashion, ripesca tutte le nefandezze anni ’90. E ci mostra questa foto:

03zNORMCORE1-master675

Felpaccia col cappuccio, maglietta bianca della Fruit, pantaloni con le tasche da fonico, marsupio, sandali Birkenstock, occhiali da sole da wrestler, New Balance, jeans che lasciano respirare la coscia. Praticamente, vestiti come un italiano medio.

Dunque, il gioco hipster è: abbiamo fatto tutto quello che era umanamente possibile in campo di moda e taglio di capelli. Abbiamo abbinato fuseaux a fiori per uomo con la camicia hawaiiana, la collana di alghe Guam, la barba di Padre Pio e l’acconciatura di Johnny Cash, abbiamo fatto sembrare tutte le ragazze uscite da “Cercasi Susan Disperatamente”, siamo morti dai calli per aver indossato mocassini di pelle senza calzini, tutto per trasgredire il sistema e poi ci siamo accorti di essere noi stessi il sistema, perché abbiamo lanciato una moda che ha raggiunto anche Cecina (LI), di 25k abitanti nel quale non proprio tutti sanno perché si stanno facendo crescere la barba. Allora basta! Torniamo normali ma pimpiamo la normalità. Anni ’80, andate affanculo, noi ci riappropriamo delle nefandezze che negli anni ’90 avevamo sepolto nei cimiteri indiani per non vederle più e che invece, come nel miglior “Pet Sematary”, sono tornate in versione zombie. Vestiamoci normali, anzi, normaloni.

Tagliamoci le barbe, facciamo fallire tutti quei barbieri anni ’50 che sono proliferati come le botteghe dei cinesi, togliamoci quei pantaloni talmente stretti alle palle da aver bisogno della visita di un andrologo, ricompriamo i calzini! Diciamo alle nostre ragazze che è ok anche se non sembrano la stagista di Vogue, che le collane d’oro sopra la camicia totalmente abbottonata e le ballerine e quell’aria un po’ cazzoguardinonticago ci hanno fatto bramare l’accessibilità del culone di Kim Kardashian. Dimentichiamoci a casa gli accessori ed il wi-fi.

we-found-where-the-hipsters-are-coming-from

Vabè, come piano può anche funzionare, ma a New York.

Perché se lì vestire normale is the new vestire a scemo, nel 90% del nostro paese, vestire normale è come si veste la gente di tutti i giorni. Quelli che non hanno mai abbandonato il marsupio e se lo mettono a tracolla come i finanzieri in borghese, quelli che le New Balance durano una vita e costano il giusto, col cazzo che mi compro le Nike che costano il doppio e sono catarifrangenti come i giubbotti dell’Anas. Quelli che con la maglietta e la felpa della Fruit ci sono passato dai centri sociali al cullare il figlio piccolo ed hanno sempre fatto il loro dovere. Quelli che d’estate pantaloni larghi con le tascone e sandali per 3 mesi e c’hanno sempre beccato le tedesche in vacanza, squadra che vince non si cambia. Quelli a cui la barba da Frate Indovino dà irritazione oppure a lavoro non è gradita.

Dunque la notizia qual è? Che gli hipster italiani vestiranno come le persone normali ma il loro abbigliamento sarà portato ironicamente a differenza di quello della gente per strada? Che però non ci dovrà essere nessun estremismo per non cadere nel fauxcore ed andare fuori tema, così da non celebrare a dovere la normalità (degli altri)?

Benissimo, da non vedere l’ora, proprio.

sharemchic.com-Normcore-philly-mag

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >