Society
di Simone Stefanini 31 Marzo 2015

Ho visto il nuovo Karaoke di Pintus, così non dovete vederlo voi

Il passato non torna, vogliamo farcene una ragione sì o no?

Ok, dopo la prima puntata di 1992, la serie tv di Sky, c’è presa un po’ a tutti la 90 mania, probabilmente stanchi degli ultimi 10 anni vissuti idolatrando gli anni 80. A tal proposito, l’idea geniale Mediaset è stata: “rifacciamo il Karaoke, che spopolava proprio nel 1992”.  Se non vi dispiace, partiamo sottolineando l’ovvio: è un’idea del menga.

Schermata 2015-03-31 alle 13.38.34

Se eravate piccoli in quegli anni, oggi siete probabilmente tra quelli che si guardano i film in streaming, che comunicano su whatsapp e s’informano attraverso i social, che la televisione la usano sporadicamente per attaccarci l’hard disk e guardarci i file .mkv, per finire “Last of Us” oppure per intontirsi tra Real Time e Fine Living finché non sopraggiunge la morte cerebrale. Se invece eravate grandicelli nel 1992, oggi la maggior parte di voi non conosce a memoria la canzone di Annalisa né quella dei Modà (grazie a dio). Sono passati 23 anni, per l’amor del cielo.

Schermata 2015-03-31 alle 14.02.41

Fiorello (pieno di doping) aveva un programma perfetto per il tempo, teneva la platea dentro una mano, faceva cantare anche i muti, aveva dei completi impossibili ed il ciuffo staccascalpo. Angelo Pintus chi è? È davvero uno che fa battute tipo “Ah ti chiami Assunta, hai un lavoro?” Nessun carisma, nessun tratto distintivo rispetto ai 14000 comici tristi nati tra l’ultimo Zelig e tutto il Colorado Cafè. Ma la colpa nemmeno è sua, è che oggi, televisivamente, niente è più naif, quindi non fa più ridere l’uomo della strada che canta stonato, anzi, dopo decenni di Corrida e di Boot camp dei talent, infastidisce quasi più della Marcuzzi alle prese con Grande Fratello 2014.

Schermata 2015-03-31 alle 14.00.12

Chi vuole avere 15 minuti di gloria in campo canoro, fa la fila e va a The Voice, a X Factor o a Amici. Quel tipo di festa di piazza non esiste più dal cambio del nome della Festa dell’Unità. Dopo anni di televisione verità, si capisce che il pubblico del programma è sistemato a favore di camera e che la piazza è vuota. Anche le interazioni presentatore-concorrenti sono già scritte, con gag in stile [concorrente] “Io ho 50 anni e mi sono sposato a 40 ma so che tu hai 40 anni quindi tra poco ti tocca” [presentatore] “Anche no.” Devastante pensare che anche HBO sia una televisione, alla stesa stregua di Italia 1.

Schermata 2015-03-31 alle 14.04.35

Pintus parte a razzo, finge contentezza ma sa di essere in una DeLorean (la macchina di Ritorno al Futuro) senza benzina e durante la mezz’ora di programma si spegne anche lui. La famiglia Berlusconi sembra Gloria Swanson in “Viale del Tramonto”, si aggrappa con le unghie e con i denti ad un passato che non è più, confidando erroneamente nell’immortalità. Oggi tutti i bestseller del gruppo di famiglia, dal Drive In a Striscia la Notizia, da Non è la Rai al Karaoke, dal Grande Fratello a Sarabanda, rimangono belli (chi  più chi meno, intendiamoci) solo nella memoria, più che altro perché ci ricordano di quando eravamo più giovani e francamente non se ne può più del passatismo. Crea sabbie mobili. Tanto più, se l’aggiornamento è visibilmente peggiore del modello originale.

Ecco cos’è successo, volevo scrivere qualcosa di divertente in proposito, invece alla fine, la visione di questo programma mi ha lasciato con un velo di tristezza. Vaffanculo, Karaoke.

Schermata 2015-03-31 alle 14.20.18

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >