Society
di Elisabetta Limone 3 Aprile 2019

I metodi infallibili per ritrovare gli oggetti smarriti

Vi è mai capitato di perdere qualcosa di veramente importante e di non venire a capo della questione per settimane o addirittura mesi?

Non ci riferiamo, evidentemente, ai calzini spaiati, che non appartengono alla categoria oggetti smarriti ma anzi a quella delle “cause perse” (a meno che non vi decidiate a smontare il filtro della lavatrice, non si sa mai).

Calzini a parte, insomma, la faccenda degli oggetti smarriti è quanto mai seria. Soprattutto se si tratta di chiavi (di casa o della macchina, peggio ancora) o di telefoni cellulari. Ma vediamo di fare un po’ di chiarezza sul tema, e di capire non tanto quale strana alchimia ci fa smarrire di tutto e di più, ma piuttosto i metodi infallibili per ritrovare gli oggetti smarriti che temiamo di aver perso per sempre. Per fare ciò ci viene in aiuto l’infografica dal titolo “Ho perso la testa!” realizzata da AdHoc, azienda specializzata nella realizzazione di gadget per aziende.

Mantenere la calma

Non è infrequente perdere qualcosa di molto utile e di decisamente importante proprio quando si va particolarmente di fretta.

Pensiamo, ad esempio, alle chiavi. State per uscire e siete già in ritardo? Non trovate più le chiavi di casa o della vostra automobile? E’ un classico. Il segreto per ritrovarle quanto prima è mantenere calma e sangue freddo. Se vi agitate, il vostro nervosismo probabilmente vi impedirà di vedere le vostre agognate chiavi anche qualora le abbiate proprio sotto il naso! Il primo metodo per ritrovare gli oggetti smarriti quanto prima, dunque, è proprio mantenere la calma.

Non precipitarsi nella ricerca, ma elaborare un piano

Rovistare a destra e sinistra in modo compulsivo non vi porterà a nessun risultato. E’ meglio elaborare un piano di ricerca che abbia un minimo di senso logico. Ecco alcune strategie da applicare:

  • ripercorrere (mentalmente o fisicamente) il proprio itinerario a ritroso;
  • ragionare sulle ultime azioni compiute con quel particolare oggetto tra le mani;
  • cercare di focalizzare dove e quando lo si è visto e/o utilizzato l’ultima volta;
  • chiedersi se qualcuno può averlo preso o spostato.

E se la “cercatrice” è una donna?

Il discorso cambia nel caso in cui la “cercatrice” sia una donna. Nonostante le donne siano statisticamente meno propense a perdere gli oggetti, è anche vero che esse sono particolarmente inclini a cambiare borsa e capospalla piuttosto frequentemente. Cercare nelle borse o nelle tasche dei capi indossati l’ultima volta che si è uscite di casa, può essere una buona strategia.

Guardare bene, ma proprio bene, anche dove si è già guardato

Se (rimandando al punto 1) vi sarete fatti prendere da un irresistibile nervosismo, è molto probabile che abbiate rovistato in giro con fare agitato e, paradossalmente, distratto, finendo per non trovare il vostro oggetto smarrito. È dunque il momento per ritrovare la calma perduta e riprendere la ricerca dal principio. Tra i metodi infallibili per ritrovare gli oggetti smarriti, infatti, troviamo quello di cercare di nuovo dove si è già cercato, ma stavolta con calma e attenzione.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >