Society
di Dailybest 8 Aprile 2015

I premi più bizzarri del pianeta: 5 award divertenti da conoscere

Non tutti i premi vengono ricevuti per particolari meriti. Questi, ad esempio, si assegnano per demeriti di ogni genere

Oltre al premio Oscar, al Nobel, all’oro olimpico e alla maglia gialla esistono una serie di premi scherzosi, meno ambiti degli insigni cugini ma certamente più divertenti. Ogni anno, infatti, non vengono celebrati solo i migliori artisti, sportivi e professionisti, ma anche i peggiori.

Golden Raspberry Award

Razzies

Il premio del lampone dorato, chiamato anche Razzie, è forse uno dei più famosi riconoscimenti alternativi e corrisponde all’Oscar per i peggiori attori, registi, sceneggiatori e film dell’anno prima. Con tanto di solenne cerimonia a Los Angeles, i Razzie Awards si svolgono il giorno prima degli Oscar e nel 2015 compiono trentaquattro anni. Un Razzie non deve certo rattristare gli artisti, che in alcune occasioni si riprendono velocemente: Halle Berry, ad esempio, ricevette il Golden Raspberry Award nel 2004 come peggior attrice dell’anno per aver recitato in Catwoman e solo due anni dopo vinse l’Oscar per Monster’s Ball – L’ombra della vita. Sandra Bullock è poi riuscita a fare di meglio nel 2009, guadagnandosi un Razzie come peggior attrice in A proposito di Steve e vincendo l’Oscar il giorno dopo per The Blind Side.

 

Ig Nobel Prize

IgNobelCertificate

Dal momento che esiste un premio speculare all’Oscar, è facile aspettarsene uno anche per il Nobel. Il cosiddetto “riconoscimento ignobile” spetta a tutti quegli scienziati che fanno scoperte bizzarre e insignificanti. La cerimonia si tiene annualmente, da ventiquattro anni, presso l’Università di Harvard e il premio viene dato dalla rivista statunitense Annals of Improbable Research, che lo sponsorizza. In questo caso esiste una sola persona che si è guadagnata sia il Nobel che l’Ig Nobel e si tratta del fisico russo Andrej Gejm. Gejm vince infatti il “premio ignobile” nel 2000 per la rana volante e il Nobel per la fisica nel 2010 con i suoi esperimenti sul grafene, materiale bi-dimensionale.

Sorvoliamo sui Big Brother Awards, con i quali Privacy International premia individui, aziende e governi che violano la privacy delle persone comuni, sullo Stella Award, che premia la causa legale più stupida dell’anno in USA e sul Foot in Mouth Award (il premio del piede in bocca), assegnato in Gran Bretagna al personaggio pubblico che dice la sciocchezza più grossa, e concentriamoci su di un premio serio, ma ridicolo nella forma. Stiamo parlando del premio spagnolo eGaming che, pochi giorni fa, ha assegnato il “papero d’oro” a Rafa Nadal.

premios_egaming01

Il terzo miglior tennista al mondo è testimonial di PokerStars e si è guadagnato il “papero d’oro”, una vera e propria paperella da bagno tutta dorata, proprio grazie al suo ruolo di ambasciatore nel settore del gaming online. Nadal è famoso, oltre che per l’assidua partecipazione a tavoli verdi charity, per i video divertenti in cui gioca a poker dallo smartphone o dal tablet grazie all’applicazione di PokerStars per mobile. In uno di questi il campione gira per la città giocando a poker e, data la concentrazione, non si accorge di essere seguito da una folla che alla fine esulta con lui.

 

Tra gli altri premi irriverenti è necessario invece volare in Francia per conoscere la Lanterne Rouge.

lanternerouge.WimVansevenant.

Ancora una volta viene chiamato in causa uno sportivo, in questo caso il ciclista che termina il Tour de France in ultima posizione. Tale tradizione è la più antica, nascendo, seppur in modo non ufficiale, nel 1903, e si riferisce alla lanterna rossa appesa sul vagone di coda di un treno. Vari italiani hanno conquistato la lanterna rossa, fra cui Fabio Sabatini nel 2011, Adriano Malori nel 2010 e Rodolfo Massi nel 1990, ma solo un ciclista è riuscito nella tripletta. Si tratta del belga Wim Vansevenant, che ha ricevuto la lanterna nel 2006, 2007 e 2008.

 

Concludiamo con un premio che nessuno al mondo vorrebbe ricevere: il Darwin Award.

darwin-awards

Consegnato spesso postumo, questo riconoscimento viene dato a chi muore nel modo più stupido possibile oppure a chi, dopo un esperimento, rimane sterile. Non vengono premiati incidenti causati da terzi, cadute, scivoloni o effetti della noncuranza, ma episodi in cui chi è morto o è divenuto sterile lo ha fatto in modo spettacolare e sciocco. Il titolo rimanda allo scienziato Charles Darwin, teorico dell’evoluzionismo, perché il premio vuole ringraziare coloro che aiutano a migliorare il pool genetico umano mettendosi nella condizione di non riprodursi. Chiunque provi a testare la resistenza della vetrata di un grattacielo saltandoci sopra oppure accarezzi degli squali affamati ha diritto di ricevere un Darwin Award.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >