Society
di Dailybest 8 Aprile 2015

I premi più bizzarri del pianeta: 5 award divertenti da conoscere

Non tutti i premi vengono ricevuti per particolari meriti. Questi, ad esempio, si assegnano per demeriti di ogni genere

Oltre al premio Oscar, al Nobel, all’oro olimpico e alla maglia gialla esistono una serie di premi scherzosi, meno ambiti degli insigni cugini ma certamente più divertenti. Ogni anno, infatti, non vengono celebrati solo i migliori artisti, sportivi e professionisti, ma anche i peggiori.

Golden Raspberry Award

Razzies

Il premio del lampone dorato, chiamato anche Razzie, è forse uno dei più famosi riconoscimenti alternativi e corrisponde all’Oscar per i peggiori attori, registi, sceneggiatori e film dell’anno prima. Con tanto di solenne cerimonia a Los Angeles, i Razzie Awards si svolgono il giorno prima degli Oscar e nel 2015 compiono trentaquattro anni. Un Razzie non deve certo rattristare gli artisti, che in alcune occasioni si riprendono velocemente: Halle Berry, ad esempio, ricevette il Golden Raspberry Award nel 2004 come peggior attrice dell’anno per aver recitato in Catwoman e solo due anni dopo vinse l’Oscar per Monster’s Ball – L’ombra della vita. Sandra Bullock è poi riuscita a fare di meglio nel 2009, guadagnandosi un Razzie come peggior attrice in A proposito di Steve e vincendo l’Oscar il giorno dopo per The Blind Side.

 

Ig Nobel Prize

IgNobelCertificate

Dal momento che esiste un premio speculare all’Oscar, è facile aspettarsene uno anche per il Nobel. Il cosiddetto “riconoscimento ignobile” spetta a tutti quegli scienziati che fanno scoperte bizzarre e insignificanti. La cerimonia si tiene annualmente, da ventiquattro anni, presso l’Università di Harvard e il premio viene dato dalla rivista statunitense Annals of Improbable Research, che lo sponsorizza. In questo caso esiste una sola persona che si è guadagnata sia il Nobel che l’Ig Nobel e si tratta del fisico russo Andrej Gejm. Gejm vince infatti il “premio ignobile” nel 2000 per la rana volante e il Nobel per la fisica nel 2010 con i suoi esperimenti sul grafene, materiale bi-dimensionale.

Sorvoliamo sui Big Brother Awards, con i quali Privacy International premia individui, aziende e governi che violano la privacy delle persone comuni, sullo Stella Award, che premia la causa legale più stupida dell’anno in USA e sul Foot in Mouth Award (il premio del piede in bocca), assegnato in Gran Bretagna al personaggio pubblico che dice la sciocchezza più grossa, e concentriamoci su di un premio serio, ma ridicolo nella forma. Stiamo parlando del premio spagnolo eGaming che, pochi giorni fa, ha assegnato il “papero d’oro” a Rafa Nadal.

premios_egaming01

Il terzo miglior tennista al mondo è testimonial di PokerStars e si è guadagnato il “papero d’oro”, una vera e propria paperella da bagno tutta dorata, proprio grazie al suo ruolo di ambasciatore nel settore del gaming online. Nadal è famoso, oltre che per l’assidua partecipazione a tavoli verdi charity, per i video divertenti in cui gioca a poker dallo smartphone o dal tablet grazie all’applicazione di PokerStars per mobile. In uno di questi il campione gira per la città giocando a poker e, data la concentrazione, non si accorge di essere seguito da una folla che alla fine esulta con lui.

 

Tra gli altri premi irriverenti è necessario invece volare in Francia per conoscere la Lanterne Rouge.

lanternerouge.WimVansevenant.

Ancora una volta viene chiamato in causa uno sportivo, in questo caso il ciclista che termina il Tour de France in ultima posizione. Tale tradizione è la più antica, nascendo, seppur in modo non ufficiale, nel 1903, e si riferisce alla lanterna rossa appesa sul vagone di coda di un treno. Vari italiani hanno conquistato la lanterna rossa, fra cui Fabio Sabatini nel 2011, Adriano Malori nel 2010 e Rodolfo Massi nel 1990, ma solo un ciclista è riuscito nella tripletta. Si tratta del belga Wim Vansevenant, che ha ricevuto la lanterna nel 2006, 2007 e 2008.

 

Concludiamo con un premio che nessuno al mondo vorrebbe ricevere: il Darwin Award.

darwin-awards

Consegnato spesso postumo, questo riconoscimento viene dato a chi muore nel modo più stupido possibile oppure a chi, dopo un esperimento, rimane sterile. Non vengono premiati incidenti causati da terzi, cadute, scivoloni o effetti della noncuranza, ma episodi in cui chi è morto o è divenuto sterile lo ha fatto in modo spettacolare e sciocco. Il titolo rimanda allo scienziato Charles Darwin, teorico dell’evoluzionismo, perché il premio vuole ringraziare coloro che aiutano a migliorare il pool genetico umano mettendosi nella condizione di non riprodursi. Chiunque provi a testare la resistenza della vetrata di un grattacielo saltandoci sopra oppure accarezzi degli squali affamati ha diritto di ricevere un Darwin Award.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >