Society
di Marco Villa 25 Agosto 2014

Le critiche all’Ice Bucket Challenge non hanno senso

Una raccolta fondi di beneficenza ha avuto successo, qual è il vostro problema?

lewis-stacy-icebucket-640x360

Quella che si è appena conclusa è stata la settimana dell’Ice Bucket Challenge, pochi dubbi a riguardo. Proviamo a ricostruire come è andata. L’Ice Bucket Challenge è stato lanciato negli Stati Uniti per raccogliere fondi a favore della ALS, un’associazione impegnata nella ricerca contro la sclerosi laterale amiotrofica. Il meccanismo è semplice. Giro un video in cui mi rovescio in testa una secchiata di acqua gelata e sfido degli amici a fare lo stesso, chiedendo loro di fare una donazione in beneficenza: 10 dollari in caso accettino la sfida (e quindi facciano girare ulteriormente la campagna), 100 dollari in caso non la accettino. Questa differenza si è presto persa, ma la sostanza non è cambiata di molto: un video per diffondere il nome dell’associazione e coinvolgere altre persone.

Negli Stati Uniti la campagna è partita subito forte, adottata da vip e star di ogni tipo e levatura. Con i consueti due-tre giorni di ritardo, l’iniziativa è arrivata in Italia e anche da noi hanno aderito tanti nomi famosi: personaggi dello spettacolo, sportivi, musicisti, fino al premier Matteo Renzi.

Un fenomeno virale, che ha portato a conseguenze tangibili: gli ultimi dati diffusi parlano di oltre 70 milioni di dollari raccolti negli Stati Uniti (a fronte dei 2 milioni dello stesso periodo lo scorso anno) e di 185mila in Italia. Soldi che, senza l’Ice Bucket Challenge, non ci sarebbero stati. E questo è un fatto.

Un altro fatto è che negli ultimi giorni i social network italiani siano stati inondati da commenti ipercritici e negativi nei confronti dell’iniziativa.

I motivi? La top 5:
– Non si risolve così il problema della SLA
– È uno sfoggio di esibizionismo e narcisisimo
– Fra tre giorni tutti si saranno dimenticati
– Agli italiani interessano solo le magliette bagnate e le prossime nomination
– L’hanno fatta X e Y, quindi è una cazzata e io non la faccio

Alcuni argomenti sono fondati, per quanto basati su un pensiero stile “sogno la pace nel mondo” di qualche Miss Italia, altri sono solo una forma diversa di quello stesso esibizionismo che viene criticato. Di base, resta una sola certezza: senza il virale, nessuno in questi giorni avrebbe parlato di SLA e senz’altro non l’avrebbero fatto i detrattori dell’Ice Bucket Challenge. Si può parlare quanto si vuole, girando a lungo intorno all’argomento, ma per una volta un meccanismo virale non è stato fine a se stesso: la sua consistenza è un dato di fatto e quel dato di fatto si può misurare in dollari e in euro.

In estrema sintesi: una raccolta fondi di beneficenza ha avuto successo, qual è il vostro problema?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >