Society
di Simone Stefanini 1 Ottobre 2014

Vi presentiamo una delle piaghe della modernità: il cacciatore di autografi

Il cacciatore di autografi, collezionista di cimeli, non è un fan normale. Per lui il concerto, la conferenza o quel che è, potrebbe anche non avvenire, perchè questo abietto ed amorale personaggio altro non fa che attenderne la fine. Ogni momento in cui l’artista è sul palco, è tempo in cui lui non può avvicinare l’idolo. Egli conosce ogni tipo di tecnica paramilitare per sorprendere il malcapitato vip in modo che quest’ultimo, visibilmente provato, debba concedergli l’autografo, la foto insieme, la stretta di mano documentata, una spallina della giacca e un set di gadget esclusivi commemorativi dell’evento.

Esistono vari tipi di cacciatori di autografi e sono tutti svitati:

IL NERD (quello vero)

giphy-1

In questi ultimi anni siamo soliti utilizzare questo appellativo per indicare giovani attraenti con ciuffo ed occhiali alla Buddy Holly. No, porca miseria. Quelli sono persone normali che seguono la moda per arrivare alla seconda base con le tipe, nei club alla milanese di tutta Italia. Il nerd, quello vero, è BRUTTO. Altrimenti, mi spieghi per quale cazzo di motivo durante l’adolescenza avrebbe giocato a cartine Magic, a D&D, a WoW, avrebbe frequentato Lucca Comics negli anni della sfiga, invece di scoprire le gioie del sesso? Il nostro eroe si è rifugiato nel mondo fittizio dell’immaginazione e per compensare questo squilibrio, essendo egli ateo convinto per via della poca avvenenza, deve continuamente collezionare, catalogare, possedere. Lo trovi a Parigi, alla presentazione del libro di Stephen King, dopo 16 ore di viaggio e 8 di fila, sudatissimo e puzzolente come un girone infernale, inavvicinabile eppure lì, col suo corollario di mosche e cattivi pensieri, pronto ad estorcere all’autore un autografo che possa riabilitarlo. Certo non tra le fighe. La vittoria del nerd consiste nel possedere qualcosa in più dell’amico che versa nella sua stessa situazione e batterlo in meschinità.

LO STALKER

881354

Egli sa tutto. L’ora precisa in cui il vip scenderà dall’aereo, il ristorante nel quale andrà a mangiare, il cibo preferito, i numeri di telefono dei lavapiatti che lavorano lì, l’uscita secondaria, dove l’autista ha parcheggiato la macchina ecc. Lui, all’evento, manco ci va. Attende fuori, nelle ombre, stretto in quel labile confine tra l’elfo della notte ed il maniaco sessuale, pronto a spaventare l’idolo con la sua agghiacciante presenza. Nelle foto con la star, lo si riconosce perchè lui sorride e sembra a suo agio, il famoso invece lancia sguardi preoccupati ai bodyguard. Difficilmente viene tradotto nelle patrie galere poichè conosce benissimo tutta la legislazione penale riguardo lo stalking. Se deve stare a 5 metri, lui sta a 5 metri e 10 centimetri, ma si fa allungare chirurgicamente le braccia per poter comunque cingere l’oggetto delle sue ossessioni. Vive in una camera senza finestre, tappezzata di foto del vip, con le quali parla poichè privo di amici per scelta. Lo distrarrebbero dall’obiettivo finale: possedere l’idolo e replicare quella commedia romantica intitolata “Misery non deve morire”.

LA TEENAGER

faultscreech

Non me ne abbiate per aver declinato al femminile questo personaggio, ma converrete con me che ai concerti degli One Direction ci vadano più ragazzine che ometti. Ella è dotata di ugola perforante e di ghiandola lacrimale inesauribile. Prende per sfinimento familiari, bodyguard, manager ed infine la star, minacciando il suicidio se non potrà avere un selfie con lamoredellasuavita, per poi guardarlo all’infinito con le amichette isteriche.

LA GROUPIE

tumblr_lr8k3ofCsD1r22325o1_500

Te la ritroverai davanti, dopo che tu hai fatto 3 ore di morigerata e civile fila per l’autografo. Lei entra, tu no. Esce insieme al musicista, vanno via. Tu piangi, lei ride. È la storia della tua vita, ammettilo.

TU

giphy-3

Tu sei quello moderato, che vai ai concerti per la musica e alle conferenze per i contenuti. Hai una vita vera, una relazione, un lavoro, cane, gatto, palestra, gita fuori porta. Il vip è una persona come te, che fa un lavoro diverso. Però non ce la fai a non scattare una foto e condividerla sui social e se vedi che lui è uscito e sta firmando gli autografi, ti avvicini e ti metti in fila. Come la mettiamo?

LEI

Lei che ha fatto dell’adorazione della star una fede e ne ha ricavato fama mondiale, con il più grosso epic fail mai visto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >