Society
di Simone Stefanini 20 Aprile 2016

Il dj, lo youtuber e tutti gli altri lavori che faremo fino a 75 anni, prima della pensione

La nostra è una generazione destinata a essere forever young: suo malgrado

ustydyzvfb Newstatesman

 

L’avete letta la notizia? Allarme dell’Inps, la classe 1980 potrebbe andare in pensione a 75 anni. Una nuova preoccupazione che apre subito un paio di domande interessanti: cosa pago a fare l’Inps se dovrò lavorare per sempre? Come potrò svolgere il mio lavoro a 74 anni?

La nostra è una generazione destinata a essere forever young suo malgrado, se vuole avere la possibilità di lavorare anche in età anziana. Prendete tutti i lavori della new economy, quelli relativi ai social, gli altri per i quali state facendo gli stagisti da anni, senza un minimo di versamento di contributi ed è subito l’Ansia.

Prima di buttare giù tutto il flacone di Xanax, meglio inventarsi qualcosa che renda la nostra lunga vita lavorativa una cosa possibile, tenendoci stretto il lavoro nel quale siamo ormai diventati bravissimi. Certo, magari la cubista o l’atleta a 75 anni la vediamo dura, però tutti gli altri lavori possono essere trasformati e ricollocati nella società degli anziani, che in ogni caso saranno nostri coetanei, figli dei social, dei dj set e degli aperitivi.

Prendiamo uno per uno i lavori che ci sembrano impossibili durante la vecchiaia e invertiamo la tendenza:

 

L’instagrammer di cantieri

tsuyvb repubblica.it

Immagina, puoi. L’instagrammer durante l’anzianità avrà la possibilità di fotografare e di condividere coi suoi milioni di follower tutte le foto dei migliori cantieri di questa pazza pazza Italia, geolocalizzate come nell’app Umarells e potrà rendere partecipi i vecchini delle impalcature, dei tralicci e delle coperture, così anche gl’infermi ne potranno godere da casa e commentare lo sdegno.

 

Il food blogger di semolini

Nonna Ida insegna. Altro che nouvelle cuisine, cibo vegano o cose macrobiotiche che sembrano pasti già digeriti. Verso i 70 anni i food blogger si occuperanno di pollo lesso, mela cotta, piselli sconditi e semolino, dando mille e più ricette per mangiare anche senza la dentiera.

 

L’influencer per la Kukident

kukident-sampling-tour rtssports

Se invece proprio la dentiera vi provocherà dolori, potrete utilizzare tutta la fama che un giorno eravate soliti mettere al servizio di eventi, di prodotti o di crowdfunding, nella Kukident o in un’altra azienda che produce pasta adesiva per denti finti, con un sacco di foto, tweet e post su Facebook in cui fate vedere tutti i vantaggi di tale spettacolare invenzione, ad uso e consumo dei vostri innumerevoli fan anziani.

 

Il promoter di eventi di una casa di riposo

festa_anziani_rsa casadiripososovere.it

Basta coi concerti, con le feste, con la droga, con la promiscuità. A 70 anni, la vita è il bingo, la tombola, il ballo liscio, la gitarella a Lourdes. Se per una vita avete fatto il promoter, perché non sfruttare le vostre immense capacità nell’organizzazione di eventi per la vostra casa di riposo? Ci potrete far entrare anche il contrabbando di pentole in acciaio inox 18/10.

 

Il fonico di liscio

KLF_1773-1169 lastampa.it

Dopo una certa età, dopo aver ascoltato tutti i generi musicali che il dio del ruock ha messo in terra, dopo aver sentito le mille lamentele del divetto di turno ed essere diventati mezzi sordi, niente di meglio che fare il fonico per le orchestre di liscio, che suonano con la base preregistrata per far ballare altri vecchini mezzi sordi, tra un femore che si spezza e una displasia dell’anca.

 

Lo youtuber di ginnastica dolce

Una vita a fare video e poi arriva la vecchiaia. Che si fa? Si continua, imperterriti, registrando le sedute di ginnastica dolce o di fitness passivo, tipo un’ora solo per far vedere un macchinario che muove un arto. Che poi alla fine è anche un po’ una roba d’autore, magari ve la prendono pure al Sundance.

 

Il dj che mette gli Strokes nel 2050

old-DJ unoms.biz

Per chi non balla il liscio, ma rimane ancorato alla musica di 50 anni prima, daje con gli Strokes (che fra l’altro significa anche “colpo apoplettico”, in inglese), gli Interpol, gli Arctic Monkeys, a fare il giovane tra gli anziani che si vogliono sentire giovani. Mi raccomando poi i discorsi del tipo che musica bella così oggi non si fa più.

 

 

Lo spacciatore di pastiglie per l’ipertensione

Schermata 2016-04-20 alle 13.09.44 incentro.geolocal.it

Nonno, basta con la bamba. C’hai un’età, ma che ti metti a fare? Il nuovo business è quello dei medicinali agli anziani, tipo pasticche per l’ipertensione, antidepressivi, ovuli contro il colesterolo e marijuana travestita da cura palliativa. Sarai il true king, l’Heisenberg di Villa Arzilla e tutte le signore ti guarderanno con la cataratta sexy.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >