Society
di Eva Cabras 9 Luglio 2015

Il catalogo Victoria’s Secret del 1979: arredamento orribile e capelli cotonati

Il catalogo di Victoria’s Secret nel 1979 era l’equivalente del nostro Postalmarket, sezione intimo

Se pensate all’immagine suprema di bellezza e sensualità nel mondo contemporaneo probabilmente vi verranno in mente le stangone con le ali che sfilano per Victoria’s Secret. Ma le splendide modelle con indosso intimo talmente sexy da far partire embolie istantanee sono tutt’altro che storia recente. La Victoria’s Secret nasce infatti nel 1977 e all’inizio della sua attività veniva pubblicizzata attraverso i cataloghi. Proprio così, i cataloghi come il Postalmarket, iconico feticcio cartaceo sul quale i giovani adulti di un tempo usavano esplorare l’entusiasmante mondo della masturbazione.

A testimonianza imperitura della divergenza tra i canoni estetici di oggi e l’ideale di strafiga vintage c’è una interessantissima serie di foto tratte dal catalogo di Victoria’s Secret del 1979. Che il viaggio indietro nel tempo abbia inizio.

FONTE | ufunk.net

Una menzione speciale va subito all’arredamento. Minimal? Glamour? No, ma le quattro diverse fantasie di tappeto, tende e carta da parati crea un mix incredibile.

Victoria Secret vintage catalog 1979 10

Ricordiamoci che siamo sul finire degli anni ’70: cofana rules.

Victoria Secret vintage catalog 1982 5 

Alla Victoria’s Secret piaceva un sacco l’idea di strutturare le foto su schema piramidale. Oppure era semplicemente un modo per attirare l’attenzione tramite suggerita threesome lesbo.

Victoria Secret vintage catalog 1979 4 

Passino le cofane, passino le pose imbarazzanti, ma un designer d’interni non se lo potevano proprio permettere?

Victoria Secret vintage catalog 1982 4 

Attenzione, questa foto contiene colori abbinati a caso, prima della visione consultare un medico.

Victoria Secret vintage catalog 1979 1 

Un tripudio di camice da notte, di quelle belle che vostra nonna teneva in fondo al cassetto della biancheria buona.

Victoria Secret vintage catalog 1979 2 

Nel catalogo c’erano anche gli inserti tematici ovviamente. Qui abbiamo lo speciale vecchio West e un’imperdibile offerta sull’intimo contenitivo.

Victoria Secret vintage catalog 1982 2

Le modelle ammiccano, ma siamo ben lontani dalla quantità di pelle che si vede sulle passerelle della Victoria’s Secret di oggi.

Victoria Secret vintage catalog 1979 3 

Boccoli, rosa e pizzo. Sempre con mobili orribili sullo sfondo, ci mancherebbe.

Victoria Secret vintage catalog 1982 10 

Struttura piramidale, di nuovo.

Victoria Secret vintage catalog 1979 9 

Pigiama party ambiguo. Siamo sicuri che fosse un catalogo?

Victoria Secret vintage catalog 1979 5 

Ah beh, come la posa con braccio sopra la testa non ce n’è. Un classico. L’altra c’è rimasta un po’ male però.

Victoria Secret vintage catalog 1982 8 

Siamo sui toni del celeste per le due ragazze a cui spetta il turno condominiale di pulire le scale.

Victoria Secret vintage catalog 1982 3 

C’è anche tempo per la lettura in questo salotto degli orrori ricolmo di donne svestite.

Victoria Secret vintage catalog 1979 6 

Il total white fa sempre il suo lavoro.

Victoria Secret vintage catalog 1982 6 

Anche per le illibate spose che attendono con ardore il primo congresso carnale tra pizzi e vestaglioni.

Victoria Secret vintage catalog 1982 9

Dalle spose candide alle orge con i cani il passo è però piuttosto breve.

Victoria Secret vintage catalog 1979 7 

Non so voi, ma ora ho una voglia irrefrenabile di avere quelle ciabattine con il pelo.

Victoria Secret vintage catalog 1979 8 

La fantasia di quel tappeto popolerà i vostri sogni più oscuri stanotte.

Victoria Secret vintage catalog 1979 11 

Eccole, le ciabattine adorabili. Le facevano anche in rosa, chissà se sono ancora in tempo per ordinarle…

Victoria Secret vintage catalog 1982 1 

In chiusura abbiamo una coppia di giovani protagoniste di quadri preraffaelliti, altro che modelle con le ali.

Victoria Secret vintage catalog 1982 7

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >