Society
di Federica Calvo 17 Aprile 2018

Il dito medio di Galileo Galilei è la reliquia simbolo di tutti gli eretici

Foto © Oliver Quinlan Flickr - Foto © Oliver Quinlan

 

Sarai libero, mai più Medioevo col Dito medio di Galileo nel didietro’

Così cantava Caparezza nella canzone ‘Il Dito Medio di Galileo’ dall’album ‘Il sogno eretico’ pubblicato nel 2011. Ebbene sì per chi non lo sapesse all’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, denominato poi Museo di Galileo, si trovano i reperti dello scienziato che 500 anni fa cambiò la visione della forma del mondo.

Furono prelevati dai resti mortali 100 anni dopo la sua morte da un suo super fan, tale Anton Francesco Gori, che in occasione della traslazione della salma rubò un pezzo di dito al maestro inaugurando così una lunga odissea per la povera falange conclusasi solo nel 1927. Per aggiungere un altro puzzle bisogna aspettare il 2009 quando furono ritrovate altre due dita e un dente e il direttore del Museo di Storia della Scienza non ha dubbi sull’autenticità della scoperta. Oggi il dito medio è conservato in un piccolo bicchiere a forma di vetro su una base di marmo con l’iscrizione di Tommaso Pirelli esaltante le virtù scientifiche e morali del pisano del sedicesimo secolo. Viene venerato stile Padre Pio di San Giovanni Rotondo, piccola differenza: Galileo era considerato eretico.

 

Ritratto di Galileo Galilei di Justus Sustermans  Ritratto di Galileo Galilei di Justus Sustermans

 

In un mondo in cui il passo per l’Inquisizione era veloce se non si era tifosi della teoria geocentrica sostenuta dalla Chiesa, Galileo Galilei invece non ha mai abbandonato la sua idea, il Sole al centro dell’universo e del sistema solare e i pianeti ruotanti attorno a esso, battezzata già in precedenza con il nome: teoria eliocentrica. È ammirevole come nemmeno la morte possa fermare la tenacia di un uomo per le sue tesi e l’unica colpa che davvero si può attribuire a Galileo Galilei era quella di essere un visionario, non conforme allo status quo, non capito e di conseguenza perseguitato.

 

 

Allora cosa ci fa un cantante hip-hop degli anni 2000 con un pezzo della mano di uno scienziato rivoluzionario del 1500? Il collegamento è semplice, l’eresia è il tema dell’album. Caparezza vuole fare un omaggio a chi è stato demonizzato dalla società perché controcorrente e il dito medio è una sorta di schiaffo morale ai sapientoni della fede e a chi si è sempre considerato dalla parte del giusto. Chi è l’eretico ora?

 

 

Galileo Galilei è un Maurizio Cattelan di ieri e nell’opera ‘Love’ c’è tutta la analogia che vogliamo trovare tra i due ‘provocatori’. È il Marilyn Manson senza il metal e la cipria sulla faccia. È il tuo dito medio che puoi usare contro chi non ha creduto (abbastanza) in te.

Ah, per chi passa a Padova c’è anche la vertebra di Galileo da non perdere.

 

 wikimedia

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >