Society
di Gabriele Ferraresi 11 Maggio 2016

Il giornale online di Matteo Salvini è il peggio dell’internet, e per questo funzionerà

Il Populista è terrificante, xenofobo, sbagliato. E di sicuro andrà alla grande

Il Populista di Matteo Salvini  Non è accaduto niente del genere. Ma non importa: benvenuti su Il Populista

 

È online da circa una settimana Il Populista, il magazine online di cui Matteo Salvini è condirettore, mentre a dirigere l’orchestra c’è il meno noto Alessandro Morelli, ex di Radio Padania. È un esperimento interessante da seguire, soprattutto perché val la pena di citare quello che scrisse Leonardo Bianchi a proposito della pagina Facebook Informare x Resistere, dato che Il Populista ha ottime possibilità di diventare la nuova discarica dell’internet. E per questo funzionerà alla grande.

Il Populista di Matteo Salvini tiene fede al nome della testata, non c’è dubbio. È un magazine online che contiene solo notizie perfette per titillare l’elettorato leghista/gentista. È chiaramente un’operazione per rubare pubblico al M5S sul suo campo, e ci sta. È un’operazione molto intelligente, spregiudicata.

 

il populista di matteo salvini  Un titolo con doppia hit combo per Il Populista. Se solo il giudice si fosse chiamato Merkel…

 

Sa di esserlo: visto che nelle note legali del sito si legge che “Il Populista non si assume alcuna responsabilità in merito al contenuto delle notizie pubblicate sul sito internet, né per qualsiasi danno, diretto o indiretto, dovesse derivare dall’uso delle informazioni contenute nel presente sito o dai contenuti del sito stesso“.

Il Populista di Matteo Salvini è anche, certamente “audace, istintivo, fuori controllo” come leggiamo poco sotto la testata, presenta un progetto grafico ben fatto e non approssimativo, ha una sezione video – Il TelePopulista – ma soprattutto è la declinazione in salsa leghista del modello con cui il Movimento 5 Stelle ha colonizzato l’internet gentista, quello delle bufale, del complotto, del credulonismo, della faciloneria da clic e dell’indignazione con tanti !1!111!

 

 

Le differenze con la presenza online del M5S? Il contenitore informativo leghista/gentista raccoglie tutto quanto possa titillare il popolo leghista, decisamente diverso da quello di cinque anni fa, come vi avevamo raccontato qualche mese fa.

Cambiatissimo dall’era Bossi, molto presente online e attivissimo sulle potenti fan page di Matteo Salvini, che su Facebook ha costruito con intelligenza un comizio permanente con una platea adorante e prontissima al like e alla condivisione.

Salvini del resto può vantare una potenza di fuoco notevole, tra la sua fan page, la fan page Noi con Salvini, e anche quella della Lega Nord Ufficiale, e da tutte e tre vengono condivisi i contenuti pubblicati su Il Populista: i fan si pesano e non si contano, ma quando metti insieme una audience di quasi 2milioni di fan su Facebook – certo, molti saranno sovrapposti, ma sono comunque numeri grossi – e condividi contenuti tagliati su misura per vellicare i più bassi istinti di quel pubblico, è fatta. Sai che la ricetta del successo è lì, a portata di mano. Il Populista di Matteo Salvini è il prodotto perfetto per quel pubblico.

E infatti sta funzionando, come del resto accade con tutto il peggio del peggio che vediamo sull’internet. Ma torniamo alla cornice del tutto. Il progetto di Matteo Salvini ricalca con qualche anno di ritardo quella che era stata la carta vincente del grillismo: colonizzare l’internet gentista, delle bufale, del complotto. Se l’obiettivo di Beppe Grillo – insieme a Gianroberto Casaleggio, certamente –  era quello di attaccare il Grande Complotto, i Poteri Forti, Bilderberg, Trilateral, eccetera, per Salvini e soci il nemico è uno solo, lo straniero.

Le notizie de Il Populista di Matteo Salvini infatti sono quasi tutte ispirate – non uso questa parola a caso: hai voglia a metterti a fare fact checking sul Populista… – a fatti in cui sono coinvolti immigrati, rom, profughi, nuovi italiani di ogni genere.

Dicevamo del fact checking? Ecco un esempio.

 

La notizia de Il Populista

carcere_piacenza_populista

 

La notizia dell’ANSA

carcerapiacenza_ansa

 

Ho solo fatto un controllo a campione, ci mancherebbe. Proseguendo, nei nemici de Il Populista ci sono ovviamente l’Europa, le banche, un colpetto ogni tanto ai no global – manco fossimo nel 2001… – per prendersi un po’ del pubblico trasversale delle destre, et voilà, Il Populista è fatto. Non c’è dubbio di credere che purtroppo, funzionerà benissimo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >