Society
di Claudia Mazziotta 18 Marzo 2020

Il vino ai tempi del Coronavirus: l’impatto sui consumatori e il wine delivery

Stop al turismo significa calo dell’export nei prossimi mesi e, in generale, si beve da casa, anche grazie al delivery alcolico (e non).

Turismo, commercio, agricoltura, tutto bloccato. Le ricadute economiche di questa situazione saranno davvero pesanti e, se per ognuno di noi le priorità al momento sono altre, rimaniamo consapevoli del fatto che il made in Italy e il nostro sistema economico rischiano di perdere molto, complici l’isolamento dei pilastri Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna: tre regioni capaci di incidere, da sole, su circa il 40% del Pil. (il Sole24ore)

In generale, si teme che la psicosi da coronavirus possa innescare speculazioni contro i prodotti italiani, favorendo plagi stranieri a scapito delle esportazioni, ma questo lo potremo valutare solo alla fine di questa pandemia. Un dato certo, però, è che per il mondo del vino “sarà il periodo più difficile dallo scandalo del metanolo del 1985”, secondo Pierpaolo Penco, corrispondente italiano di Wine Intelligence: “una volta risolta l’emergenza, il consumatore italiano riprenderà la sua storia d’amore con gli aperitivi e le varie occasioni di socializzazione ma fino ad allora prevedo alcune difficoltà per le aziende vinicole, soprattutto quelle di piccole dimensioni, che hanno concentrato una parte importante delle loro vendite dirette in cantina e si sono affidate sempre di più ai turisti internazionali”. (Wine News)

Secondo Ottavio Cagiano de Azevedo, direttore di Federvini, intervistato dal Sole 24 Ore qualche giorno fa, ci si aspetta un calo dell’export del 20% e i dati di aprile, relativi ai primi due mesi del 2020, saranno positivi, ma poi arriverà la riduzione.

Guarda caso, proprio in un contesto del genere, si diffonde una curiosa rassicurazione legata al consumo moderato di vino: “un bicchiere di vino può aiutare a combattere il coronavirus!”. Un’affermazione subito smentita dagli esperti, che un po’ fa tenerezza considerando il clima di crisi che si respira anche nel settore vinicolo, come ad implorare di non smettere di comprare vino, anzi, di consumarne abitualmente in questi giorni casalinghi perché un po’ di alcol che passa in gola, si sa, disinfetta. Anche l’aceto, volendo. Per i meno audaci, invece, basta andare sul classico: H2O e si sciacquano via tutti i possibili rischi di contrarre il virus: una super fake news che persino il New York Times ha pensato bene di smentire.

Tornando alle cose serie, se non si può andare a fare l’aperitivo, si beve da casa, a maggior ragione se si ha la possibilità di farsi portare a domicilio in 30 minuti bevande alcoliche (e non) alla temperatura ideale ma anche con ghiaccio e snack.

Tra le app per bere, Winedelivery, che ti porta a casa vino, birra, alcolici, cocktail, acqua e ghiaccio, direttamente dal produttore e quindi persino risparmiando sul prezzo del prodotto. In queste due ultime settimane l’app ha registrato un +25% generale nelle vendite con un 50% nelle città del nord Italia. Un trend che potrebbe accelerare e che di certo non troverà il nostro dissenso, data la situazione e la necessità di trovare un modo alternativo per passare il weekend. Moderatezza, mi raccomando! Specie se siete da soli e vorreste null’altro che affogare la vostra solitudine nell’alcol. Bene tenere l’umore alto e bene far girare l’economia di un settore in crisi, ma non esagerate!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >