Society
di Claudia Mazziotta 18 Marzo 2020

Il vino ai tempi del Coronavirus: l’impatto sui consumatori e il wine delivery

Stop al turismo significa calo dell’export nei prossimi mesi e, in generale, si beve da casa, anche grazie al delivery alcolico (e non).

Turismo, commercio, agricoltura, tutto bloccato. Le ricadute economiche di questa situazione saranno davvero pesanti e, se per ognuno di noi le priorità al momento sono altre, rimaniamo consapevoli del fatto che il made in Italy e il nostro sistema economico rischiano di perdere molto, complici l’isolamento dei pilastri Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna: tre regioni capaci di incidere, da sole, su circa il 40% del Pil. (il Sole24ore)

In generale, si teme che la psicosi da coronavirus possa innescare speculazioni contro i prodotti italiani, favorendo plagi stranieri a scapito delle esportazioni, ma questo lo potremo valutare solo alla fine di questa pandemia. Un dato certo, però, è che per il mondo del vino “sarà il periodo più difficile dallo scandalo del metanolo del 1985”, secondo Pierpaolo Penco, corrispondente italiano di Wine Intelligence: “una volta risolta l’emergenza, il consumatore italiano riprenderà la sua storia d’amore con gli aperitivi e le varie occasioni di socializzazione ma fino ad allora prevedo alcune difficoltà per le aziende vinicole, soprattutto quelle di piccole dimensioni, che hanno concentrato una parte importante delle loro vendite dirette in cantina e si sono affidate sempre di più ai turisti internazionali”. (Wine News)

Secondo Ottavio Cagiano de Azevedo, direttore di Federvini, intervistato dal Sole 24 Ore qualche giorno fa, ci si aspetta un calo dell’export del 20% e i dati di aprile, relativi ai primi due mesi del 2020, saranno positivi, ma poi arriverà la riduzione.

Guarda caso, proprio in un contesto del genere, si diffonde una curiosa rassicurazione legata al consumo moderato di vino: “un bicchiere di vino può aiutare a combattere il coronavirus!”. Un’affermazione subito smentita dagli esperti, che un po’ fa tenerezza considerando il clima di crisi che si respira anche nel settore vinicolo, come ad implorare di non smettere di comprare vino, anzi, di consumarne abitualmente in questi giorni casalinghi perché un po’ di alcol che passa in gola, si sa, disinfetta. Anche l’aceto, volendo. Per i meno audaci, invece, basta andare sul classico: H2O e si sciacquano via tutti i possibili rischi di contrarre il virus: una super fake news che persino il New York Times ha pensato bene di smentire.

Tornando alle cose serie, se non si può andare a fare l’aperitivo, si beve da casa, a maggior ragione se si ha la possibilità di farsi portare a domicilio in 30 minuti bevande alcoliche (e non) alla temperatura ideale ma anche con ghiaccio e snack.

Tra le app per bere, Winedelivery, che ti porta a casa vino, birra, alcolici, cocktail, acqua e ghiaccio, direttamente dal produttore e quindi persino risparmiando sul prezzo del prodotto. In queste due ultime settimane l’app ha registrato un +25% generale nelle vendite con un 50% nelle città del nord Italia. Un trend che potrebbe accelerare e che di certo non troverà il nostro dissenso, data la situazione e la necessità di trovare un modo alternativo per passare il weekend. Moderatezza, mi raccomando! Specie se siete da soli e vorreste null’altro che affogare la vostra solitudine nell’alcol. Bene tenere l’umore alto e bene far girare l’economia di un settore in crisi, ma non esagerate!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >