Viaggi
di Elisabetta Limone 19 Marzo 2020

Quali differenze ci sono tra il visto americano e l’ESTA?

In un mondo sempre più globalizzato, è importante conoscere quali sono le autorizzazioni da richiedere per un viaggio al di fuori dell’ambito comunitario, per essere in regola ed evitare di trovarsi in situazioni spiacevoli.

In particolare, per chi si reca negli Stati Uniti, sono necessari il visto americano e l’ESTA. Ma quali sono le loro caratteristiche? Quando è più utile richiedere un ESTA e quando un visto americano tradizionale?

Cos’è l’autorizzazione ai viaggi ESTA

ESTA è l’acronimo di Electronic System for Travel Authorization, il sistema elettronico di autorizzazione di viaggio necessario se ci si vuole recare negli Stati Uniti. È importante precisare che l’ESTA non è una forma di visto, anche se spesso si affiancano questi due termini, ma è un’autorizzazione, introdotta dopo il 2009, per semplificare alcune tipologie di spostamenti, e che viene rilasciata dal Governo americano per un determinato periodo di tempo e soprattutto per specifici motivi.

Prima di procedere alla richiesta, si consiglia di verificare se si potrà ricevere l’autorizzazione ESTA, per non perdere del tempo. Infatti, sarà necessario essere un cittadino di uno dei paesi membri che hanno aderito al dispositivo ESTA e che per ora sono 39, tra i quali l’Italia.

Il Sistema Elettronico di Autorizzazione viene rilasciato solo nel caso in cui si debba viaggiare negli Stati Uniti per eseguire delle cure mediche brevi, che siano inferiori a 3 mesi, per corsi di lingua o stage che prevedono una durata limitata e con meno di 18 ore settimanali. Inoltre, si potrà ottenerlo se si decide di entrare negli Stati Uniti per l’acquisto di un immobile o la sua vendita, la partecipazione a convegni e fiere o per firmare dei documenti o contratti. Infine, è previsto il suo rilascio per viaggi di affari in generale e sempre per breve tempo.

Altra aspetto da valutare è se vi siano delle condizioni che impediscono il viaggio negli Stati Uniti, come nel caso in cui la richiesta non abbia ottenuto il visto, oppure ci si trovi con una condanna penale. Infine, si suggerisce di controllare che il proprio passaporto sia in corso di validità ed elettronico, oppure che supporti le nuove realtà biometriche.

Le caratteristiche dell’autorizzazione ESTA

Come effettuare la richiesta dell’autorizzazione ESTA? Il procedimento dovrà essere eseguito completamente online, utilizzando il sito predisposto per la richiesta e compilando i singoli form con i relativi documenti. Una volta completato il processo, i tempi di risposta sono brevi, dato che si otterrà un parere positivo o negativo nel giro di 72 due via email.

L’autorizzazione ESTA è valida per due anni, durante i quali si potrà accede negli Stati Uniti senza dover chiedere un’altra autorizzazione. Il sistema ESMA è stato creato, dunque, per andare incontro a chi effettua diversi viaggi all’anno negli Stati Uniti, ma che si svolgono con una tempistica ristretta. Infatti, il visto ha la validità di soli 90 giorni e permette un accesso per un numero di volte illimitato ma per un massimo di 180 giorni all’anno.

Il visto americano: come ottenerlo

Il visto americano tradizionale continua ad essere necessario quando vi sono tempistiche e motivazioni che non rientrano nell’autorizzazione elettronica ESTA. Si consiglia di richiederlo nel caso in cui si debba soggiornare negli USA per un periodo di tempo che va da uno a sei mesi, e per motivi che riguardano attività lavorative, come il ricercare un lavoro o frequentare corsi di studi prolungati, per finalità turistiche o nel caso in cui si decida di volersi trasferire in maniera permanente negli USA.

I visti americani presenti sono due: il B1 previsto per i viaggi di affari e il B2 per quanto concerne le attività collegate ai viaggi turistici o visite mediche prolungate.La richiesta del visto dovrà essere eseguita in modalità cartacea, consegnando la domanda e i documenti presso l’ambasciata a Roma o in uno dei consolati americani nei diversi capoluoghi delle Regioni. Una volta visionata la documentazione, se in regola, si dovrà affrontare un colloquio con il funzionario dell’immigrazione statunitense e rispondere a una serie di domande. A questo punto, se il processo è avvenuto senza nessun intoppo, si otterrà il visto.

Visto americano ed ESTA: le differenze

Ma quali sono i vantaggi di effettuare la richiesta del visto americano o dell’ESTA? Di seguito vengono messi a confronto i singoli aspetti che si consiglia di valutare prima di inoltrare una delle due domande:

  • Richiesta: la domanda dell’autorizzazione ESTA avviene direttamente online, mentre nel caso del visto americano sarà richiesta la compilazione di documenti cartacei e la necessità di doversi presentare presso un’ambasciata o consolato in Italia.
  • Tempo di rilascio: l’ESTA viene rilasciato entro 72 ore e, in particolari momenti dell’anno, in caso di molte richieste, non oltre una settimana. La richiesta del visto americano prevede una tempistica maggiore. Infatti, non solo sarà necessario collezionare i documenti richiesti in modo cartaceo, ma anche consegnarli a mano e attendere il colloquio con il responsabile immigrazione.
  • Durata: l’ESTA ha una durata di 2 anni e si potrà utilizzare l’autorizzazione per accedere negli Stati Uniti. Il visto americano scade a conclusione del tempo di rilascio, che va da un mese a un massimo di 6 mesi, e prevede la necessità di richiederlo ogni volta che si entra negli USA.
  • Accesso agli USA: si consiglia di richiedere un ESTA se è necessario entrare e uscire diverse volte negli Stati Uniti, dato che l’autorizzazione elettronica permette un accesso illimitato rispettando le tempistiche dei 3 mesi. Il visto tradizionale, invece, prevedrà un singolo utilizzo.

Scopo del viaggio: il visto tradizionale può essere rilasciato per attività lavorative, turistiche e mediche, mentre per l’ESTA sono previste altre situazioni che possono spingere un soggetto a recarsi negli Stati Uniti, come per esempio necessità formative o semplicemente un transito per un’altra destinazione.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >