Society
di Simone Stefanini 17 Ottobre 2018

In Giappone si va a scuola di pianto per superare lo stress

Piangere fa bene e in Giappone si va a lezione per tirare fuori le emozioni, per evitare lo stress

 

Cosa c’è di meglio di un bel pianto per superare un momentaccio, lo stress che dura per settimane, l’insonnia e migliorare in definitiva la propria salute mentale? Probabilmente niente, però non è proprio così semplice. Provate in Italia a prendervi un quarto d’ora in ufficio per piangere a dirotto e poi rientrare a lavorare come se niente fosse: avreste colleghi, capi, corrieri che si trovano lì per caso a fare il capannello per chiedervi cosa sia successo di così tanto drammatico da farvi piangere.

Eh sì, amici cari, il pianto è una di quelle pratiche del tutto naturali, che l’essere umano compie dalla notte dei tempi, eppure ancora oggi è una roba del tutto segreta, intima, difficilmente condivisibile. Se storicamente le ragazze sono intitolate a piangere, per noi maschietti c’è poi un veto di quelli atavici: boys don’t cry, punto e basta. Se ti capita di farlo sul lavoro o a scuola, sei marchiato per tutta la vita di Debolezza, una delle infamie più invalidanti dell’epoca super macho che stiamo vivendo.

 

 

Com’è già capitato innumerevoli volte, fortunatamente quando le cose si fanno buie ci viene incontro il Giappone, con la sua cultura a volte assurda, altre illuminata. La notizia è questa: sempre più aziende e scuole giapponesi stanno invitando dipendenti e scolari a piangere per superare lo stress e stare meglio. Gli esperti consigliano di tirare fuori le emozioni, qualunque esse siano e di esplodere in piati di felicità o tristezza, così da scaricare la tensione e rilassare il sistema nervoso.

 

 

 

Hidefumi Yoshida è un ex professore di liceo che si definisce namida sensei, cioè profesore del pianto. Da 5 anni elargisce lezioni di pianto in scuole e aziende giapponesi, per insegnare a tutti i benefici di una bella pioggia di lacrime di quelle fatte bene. Solo negli ultimi tempi è stato ingaggiato da più  di 100 società, a riprova del fatto che il pianto calmi i nervi più del riso o addirittura del sonno. Grazie ai film strappalacrime, alle canzoni tristi e ai libri drammatici, il pianto è assicurato e se piangiamo almeno una volta a settimana, avremo una vita più serena. Pronti? Via.

 

 

FONTE | rainews.it

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >