Society
di Simone Stefanini 19 Ottobre 2016

Con gli insulti a Bebe Vio abbiamo toccato VERAMENTE il fondo

Sui social è stato raggiunto un nuovo livello di degrado morale ed etico

L’arrivo a Washington di Bebe Vio e Roberto Benigni (Foto Ambasciata Italiana) Facebook - L’arrivo a Washington di Bebe Vio e Roberto Benigni (Foto Ambasciata Italiana)

 

Beatrice Vio, detta Bebe è una ragazza di 19 anni, campionessa paraolimpica e mondiale di fioretto individuale. A causa di una meningite fulminante, a 11 anni ha perso gambe e braccia e ha riportato cicatrici sul volto. Bebe è una campionessa e in quanto tale è stata invitata dal premier Matteo Renzi alla cena di Stato alla Casa Bianca, ospite del presidente americano Barack Obama.

Insieme a loro, tra gli altri, la first lady italiana Agnese Renzi e Roberto Benigni. Al di là delle considerazioni politiche sull’incontro, che da molti è stato visto come uno spot referendario per il Sì, la nostra attenzione si è concentrata sulla mole spropositata di commenti al veleno inviati all’indirizzo dell’atleta da parte degli hater di professione e dei semplici cittadini italiani.

Tra ieri e oggi, tanti hanno fatto raccolte di questi commenti, che vanno dalla condanna “politica” alla richiesta di spiegazioni per l’abbigliamento scelto, ma abbiamo deciso di non riportarli, per non creare l’effetto morboso dell’automobilista che rallenta per guardare l’incidente stradale.

Preferiamo invece fare un passo indietro e soffermarci sul degrado culturale ed etico che porta una persona comune a insultare uno sconosciuto su un social. Cosa spinge un essere umano a usare parole irripetibili o battute di infima lega su di una ragazza di 19 anni che ce l’ha fatta, nonostante abbia dovuto affrontare difficoltà che la stragrande maggioranza delle persone non subirebbe nemmeno in 5 vite consecutive?

Il dubbio è che questi commenti siano il segno di un imbarbarimento che ci porta a non accettare l’esistenza di una storia positiva, in grado di ispirare nel senso più alto del termine. Il cinismo e l’abitudine alla distruzione spinge sempre verso il sangue, metaforico o concreto.

Bebe è un esempio per tutti e il fatto che sia stata scelta come eccellenza italiana dovrebbe farci esultare. Ma è troppo difficile accettare che qualcuno partito con evidenti svantaggi abbia ottenuto qualcosa nella vita: ecco allora che persone non riescono a trattenere il proprio risentimento e al posto di lavorare e impegnarsi per costruire un futuro migliore, al posto di scendere in strada per protestare contro il Governo, preferiscono prendersela anonimamente contro una ragazza di nemmeno 20 anni che ne ha passate tante e che è riuscita a rialzarsi.

Una desolazione morale, spirituale e umana che deve fare vergognare anche il più nichilista degli uomini e dalla quale ci dissociamo in maniera forte e decisa, sicuri che la felicità di Beatrice Vio non verrà scalfita da una serie di insulti miserabili, che nella realtà dei fatti offendono solo chi li fa, non chi li riceve.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >