Society
di Gabriele Ferraresi 2 Novembre 2016

Bene così: anche il Ku Klux Klan sostiene Trump per le Presidenziali USA

Più che un endorsement, una condivisione valoriale del KKK per il candidato Repubblicano alla Casa Bianca: dalle colonne di The Crusader…

kkk_trump ku klux klan donald trump  PBS

 

Manca ormai pochissimo all’8 novembre, giorno delle elezioni Presidenziali degli Stati Uniti: oggi intanto salta fuori una notizia che sembra presa da un romanzo di James Ellroy, una notizia che sembra fiction invece è cronaca. Il Ku Klux Klan infatti supporta ufficialmente Donald Trump e lo annuncia dalle colonne di The Crusader, ovvero Il Crociato, storica testata legata al movimento razzista statunitense.

Ma è davvero un endorsement pieno e senza dubbi quello dato dagli incappucciati white suprematist al miliardario dai curiosi capelli in corsa per la Casa Bianca? In realtà le cose sono un po’ più sfumate, ma l’appoggio della “resistenza bianca” come nota per esempio Vox è innegabile.

Innanzitutto partiamo dal titolo che vediamo su The Crusader, ovvero “Make America Great Again“, slogan per la corsa presidenziale sotto al quale immersa nel testo campeggia proprio una foto di Donald Trump.

Nell’articolo, firmato da Pastor Thomas Robb – da tempo ai vertici del KKK come leggiamo in questo pezzo di Newsweek intitolato Rebranding hate in the age of Obama – troviamo una serie di artifici e domande retoriche bislacche, come l’America possa tornare “grande”, proprio come desidera Trump. Per il KKK e per Thomas Robb ovviamente facendo leva sulle radici “bianche”, ritornando al passato, pregare Dio, eccetera, eccetera e via delirando.

 

 

È una condivisione valoriale più che un endorsement pieno e a chiare lettere. Però non scherziamo: diciamo che sono più vicini che lontani il KKK e Donald Trump, almeno da quella prima pagina lì.

Ovviamente l’entourage di Trump ha preso le distanze da questi poco simpatici compagni di strada – si legge qualcosa a riguardo su Salon, per esempio – dove leggiamo poi lo stesso Pastor Thomas Robb, che avrebbe precisato che per quanto riguarda i ragazzi incappucciati del Klan “In generale, apprezziamo la sua visione nazionalista e le sue parole riguardo alla chiusura delle frontiere agli immigrati clandestini, ma il nostro non è un endorsement, perché come con chiunque ci sono cose sulle quali non siamo d’accordo. Ma in qualche modo [Trump] riesce a riflettere quello che sta accadendo in giro per il mondo. C’è una rinascita del nazionalismo, e le nazioni rivogliono le loro frontiere” o quantomeno il loro controllo.

Tradotto per gli umani: “Ma certo, noi del KKK voteremo in massa Trump. Cosa credevate?“. Se volete farvi un’idea vostra, potete leggere il pezzo integrale uscito su The Crusader qui sotto.

 

ku klux klan donald trump  PBS

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >