Society
di Simone Stefanini 14 Giugno 2016

Le 5 peggiori reazioni dei politici italiani alla strage di Orlando

Talvolta, nemmeno il silenzio è d’oro

attentato Twitter - Tutto vero

 

Domenica scorsa, l’attentato al Pulse, un locale frequentato dalla comunità LGBT di Orlando, Florida, ci ha lasciati davvero senza fiato: 49 persone rimaste uccise e altre 53 ferite dai colpi sparati a caso dall’attentatore Omar Mateen, in seguito anch’egli ucciso dalla polizia. In questi giorni i tg non hanno parlato d’altro, eppure l’onda di empatia che si era sviluppata a livello social nel caso delle altre stragi di matrice terroristica o di odio, stavolta non c’è stata.

Il motivo è tristemente noto: la comunità omosessuale e l’Italia non sono mai andate tanto d’accordo. Finché rimangono macchiette in televisione, vanno pure bene, ma l’entrata in società, quella non c’è mai stata. Il Papa, che pure ha condannato la strage, ogni volta che fa un passo d’apertura in favore dei gay, poi ne fa due indietro ed i rappresentanti laici di tale comunità, come Vladimir Luxuria, riescono a mettersi in ridicolo in scenate come quella all’ultimo Gay Pride romano, in cui ha litigato con una trans che sfilava crocifissa, urlandole di smetterla di offendere la religione. Che sia proprio la religione, intesa in senso generale, la matrice dalla quale si diffonde l’odio?

Il corto circuito poi è arrivato anche ai partiti di destra, come la Lega, il Movimento 5 Stelle o i vari esponenti di partiti minori, perché da una parte andava attribuita la colpa ai musulmani, ancor prima di una qualsiasi rivendicazione, mentre dall’altra non si poteva appoggiare così apertamente la comunità LGBT dopo averla ostacolata in ogni senso.

Alcuni, come vedrete, hanno scelto di non parlarne affatto, per evitare del tutto la presa di posizione. O per definirla, senza ombra di dubio.

 

Carlo Taormina

Carlo Taormina, ex avvocato di Silvio Berlusconi, è un esponente di Lega Italia, un partito che fonde i due fiori all’occhiello della politica italiana. Questo suo tweet, prima ancora di offendere la comunità LGBT, offende la totalità delle persone intelligenti. Abbiamo voluto sperare nel fake, e invece è tutto vero.

 

Carlo Taormina Bis

Non ricordiamo di un Gay Pride in cui ci sia stata una strage. Sappiamo solo della sparatoria al Pulse. Certo, va da sé che per una persona che vuole rimanere nell’ignoranza, una cosa vale l’altra. Un’adunata di gay è pur sempre un’adunata di gay. In questo caso, l’avvocato Taormina decide di mantenere un tono minaccioso, il modo migliore per stemperare il clima d’odio.

 

Matteo Salvini

Da Matteo Salvini, leader della Lega, nessuna solidarietà per le 49 vite spezzate. Evidentemente i gay contano meno dei lombardi nella sua scala di percezione. Però la sua la vuole dire lo stesso e il problema per lui nasce dalla sinistra, non dall’idea che armare le persone e farle crescere nel razzismo e nell’omofobia crei stragi. Questo ragionamento non gli vuole nemmeno entrare in testa. Nemmeno la regola dei tre puntini di sospensione, ma quello è un altro discorso.

 

Mario Adinolfi

Ahi. Qui Mario Adinolfi la dice giusta, niente da eccepire, se non fosse che viene dalla stessa persona che si è battuta con ogni suo mezzo a disposizione per negare i diritti alle coppie omosessuali. Ha addirittura tuonato contro Elton John, reo di aver adottato un figlio col suo compagno, Adesso invece diventa solidale con la comunità LGBT e quando quest’ultima spedisce al mittente la solidarietà, si offende pure.

 

Beppe Grillo

Perché abbiamo postato questo commento? Perché, il giorno dopo la più grande strage commessa negli Stati Uniti con un’arma da fuoco uno dei principali partiti del paese tace. Sulla bacheca del capo, Beppe Grillo, solo appelli per le balene, per il reddito di cittadinanza, per il ballottaggio e nessun accenno di alcun tipo alla notizia del giorno, quella che ha sconvolto il mondo. Un silenzio eloquente, che non ci va di commentare in alcun modo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >