Society
di Simone Stefanini 25 Settembre 2019

Le offese a Greta Thunberg: il bullismo social degli adulti uccide ogni causa

Il cinismo social non si ferma davanti a niente e seppellisce anche la più nobile delle cause

Greta Thunberg è nata nel 2003 e al momento è l’attivista più famosa per lo sviluppo sostenibile contro il cambiamento climatico. In seguito alle ondate di calore e agli incendi boschivi nella sua Svezia, il 20 agosto 2018 ha iniziato a scioperare per attirare l’attenzione del governo svedese sul tema. È rimasta seduta davanti al Parlamento del suo Paese per obbligare i politici a varare provvedimenti che riducessero le emissioni di anidride carbonica. Lo slogan era Skolstrejk för klimatet (Sciopero della scuola per il clima).

La notizia della protesta è diventata virale e Greta è diventata famosa in tutto il mondo. Ha lanciato il movimento studentesco internazionale Fridays for Future, ha partecipato a molte manifestazioni e forum internazionali sul tema e, a bordo dello yatch Malizia II ha raggiunto gli Stati Uniti, dove ha parlato il 23 settembre scorso all’apertura del Climate Action Summit. Un discorso accorato e commosso, già entrato nella storia.

Essere un simbolo al tempo dei social è cosa pericolosa, specie se un argomento trasversale, intergenerazionale e apolitico come il cambiamento climatico diventa il soggetto dello scontro politico tra le diverse fazioni sempre più polarizzate su posizioni totalmente divergenti, ma spesso solo sulla carta. L’opinione pubblica sui social, al contrario, fa le veci della curva ultras allo stadio e, una volta trovato l’obiettivo, inizia la gara a chi colpisce più duro.

È capitato quindi che Greta diventasse per alcuni una specie di Santa laica, una creatura Celeste paragonabile solo a Martin Luther King o Gandhi, mentre per gli altri una ragazzina viziata che non sa quel che dice, comandata a bacchetta dai poteri forti, antipatica e tutti il resto. Offese irripetibili, ben più pesanti di quelle dedicate al presidente brasiliano Bolsonaro quando dice che la foresta amazzonica non è patrimonio dell’umanità.

Senza santificare eccessivamente la sua figura, stiamo parlando di una ragazza che sta lottando per la salute del pianeta e per il futuro, cosa c’è di tanto sbagliato in tutto questo? Perché un argomento così importante non riesce a unire le persone anziché dividerle in fronti opposti? Ma soprattutto: perché le persone sui social hanno tolto ogni freno inibitorio e si sentono in diritto di offendere una ragazza di 16 anni, prendendola in giro anche per la sindrome di Asperger da cui è affetta?

Il cinismo social sta seppellendo ogni causa, dalla più futile alla più nobile e i commentatori seriali non si accorgono più di stare parlando di persone, hanno bisogno di riversare la bile sull’argomento del giorno, per poi prendere posizione su quello successivo, che sia X Factor, un barcone o la partita.

Greta sta antipatica, le augurano di morire, la prendono in giro per l’aspetto e per l’Asperger, diventa il soggetto per migliaia di meme e pure giornali e tg, nel parlare di lei sono di due cuori, spesso scadendo nel caciarone. Di sicuro c’è che Greta Thunberg ha attirato su di sé l’attenzione di milioni di persone e ha convogliato questo potere per veicolare un messaggio, ha influenzato migliaia di giovani a rispettare di più l’ambiente, lo sta facendo diventare un trend e non c’è niente di sbagliato; la generazione digitale ha bisogno di influencer e Greta lo sta facendo bene, non a caso i commenti più velenosi non vengono quasi mai dai ragazzi ma dagli adulti, che magari hanno figli dell’età di Greta a cui non rivolgerebbero mai appellativi tanto disgustosi.

È un nostro diritto tentare di salvare il Pianeta, ma è un compito impossibile se prima non ci riconciliamo con la nostra umanità, non ritroviamo l’empatia nei confronti degli altri e non la smettiamo di sfogare le nostre frustrazioni giornaliere su persone che neanche conosciamo. Torniamo a essere adulti, che non è necessariamente  il sinonimo di stronzi, piuttosto il contrario.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >