Society
di Simone Stefanini 25 Settembre 2019

Le offese a Greta Thunberg: il bullismo social degli adulti uccide ogni causa

Il cinismo social non si ferma davanti a niente e seppellisce anche la più nobile delle cause

Greta Thunberg è nata nel 2003 e al momento è l’attivista più famosa per lo sviluppo sostenibile contro il cambiamento climatico. In seguito alle ondate di calore e agli incendi boschivi nella sua Svezia, il 20 agosto 2018 ha iniziato a scioperare per attirare l’attenzione del governo svedese sul tema. È rimasta seduta davanti al Parlamento del suo Paese per obbligare i politici a varare provvedimenti che riducessero le emissioni di anidride carbonica. Lo slogan era Skolstrejk för klimatet (Sciopero della scuola per il clima).

La notizia della protesta è diventata virale e Greta è diventata famosa in tutto il mondo. Ha lanciato il movimento studentesco internazionale Fridays for Future, ha partecipato a molte manifestazioni e forum internazionali sul tema e, a bordo dello yatch Malizia II ha raggiunto gli Stati Uniti, dove ha parlato il 23 settembre scorso all’apertura del Climate Action Summit. Un discorso accorato e commosso, già entrato nella storia.

Essere un simbolo al tempo dei social è cosa pericolosa, specie se un argomento trasversale, intergenerazionale e apolitico come il cambiamento climatico diventa il soggetto dello scontro politico tra le diverse fazioni sempre più polarizzate su posizioni totalmente divergenti, ma spesso solo sulla carta. L’opinione pubblica sui social, al contrario, fa le veci della curva ultras allo stadio e, una volta trovato l’obiettivo, inizia la gara a chi colpisce più duro.

È capitato quindi che Greta diventasse per alcuni una specie di Santa laica, una creatura Celeste paragonabile solo a Martin Luther King o Gandhi, mentre per gli altri una ragazzina viziata che non sa quel che dice, comandata a bacchetta dai poteri forti, antipatica e tutti il resto. Offese irripetibili, ben più pesanti di quelle dedicate al presidente brasiliano Bolsonaro quando dice che la foresta amazzonica non è patrimonio dell’umanità.

Senza santificare eccessivamente la sua figura, stiamo parlando di una ragazza che sta lottando per la salute del pianeta e per il futuro, cosa c’è di tanto sbagliato in tutto questo? Perché un argomento così importante non riesce a unire le persone anziché dividerle in fronti opposti? Ma soprattutto: perché le persone sui social hanno tolto ogni freno inibitorio e si sentono in diritto di offendere una ragazza di 16 anni, prendendola in giro anche per la sindrome di Asperger da cui è affetta?

Il cinismo social sta seppellendo ogni causa, dalla più futile alla più nobile e i commentatori seriali non si accorgono più di stare parlando di persone, hanno bisogno di riversare la bile sull’argomento del giorno, per poi prendere posizione su quello successivo, che sia X Factor, un barcone o la partita.

Greta sta antipatica, le augurano di morire, la prendono in giro per l’aspetto e per l’Asperger, diventa il soggetto per migliaia di meme e pure giornali e tg, nel parlare di lei sono di due cuori, spesso scadendo nel caciarone. Di sicuro c’è che Greta Thunberg ha attirato su di sé l’attenzione di milioni di persone e ha convogliato questo potere per veicolare un messaggio, ha influenzato migliaia di giovani a rispettare di più l’ambiente, lo sta facendo diventare un trend e non c’è niente di sbagliato; la generazione digitale ha bisogno di influencer e Greta lo sta facendo bene, non a caso i commenti più velenosi non vengono quasi mai dai ragazzi ma dagli adulti, che magari hanno figli dell’età di Greta a cui non rivolgerebbero mai appellativi tanto disgustosi.

È un nostro diritto tentare di salvare il Pianeta, ma è un compito impossibile se prima non ci riconciliamo con la nostra umanità, non ritroviamo l’empatia nei confronti degli altri e non la smettiamo di sfogare le nostre frustrazioni giornaliere su persone che neanche conosciamo. Torniamo a essere adulti, che non è necessariamente  il sinonimo di stronzi, piuttosto il contrario.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >