Society
di Simone Stefanini 13 Aprile 2015

Le pazze pazze automobili sperimentali dell’era sovietica

Il futuro automobilistico immaginato dal regime sovietico. Tutti prototipi che non hanno mai raggiunto il mercato.

Nell’Unione Sovietica, la voglia di stupire il popolo con i viaggi nello spazio e le innovazioni tecnologiche era fortissima, al punto da creare una classe di ingegneri che costruissero delle futuribili autovetture, dei prototipi ad uso e consumo della fantasia e della voglia di evadere delle classi meno abbienti. Spoiler: non avevano nomi accattivanti. Guardiamo le più famose nel dettaglio:

FONTE | awesomy.com

 

La ZIS-112 (1951) era una macchina lunga 6 metri, a due posti, con cappotta removibile. Era usata nelle gare e raggiungeva i 200 all’ora. Era soprannominata “Il Ciclope” per via del suo aspetto

soviet car zis112

L’ hover-car sperimentale GAZ-16. Non sappiamo niente di questa macchina e non che è stata prodotta nel 1962

soviet car gaz16

La Moskvitch G2 era un’auto aerodinamica sportiva, costruita nel 1956. Raggiungeva i 223 km/h ed è riuscita a battere ben 3 volte il record di velocità Sovietico in corse dalla lunga distanza. Ne sono state costruite due e sono state smantellate nel 1963 per usarne singole parti meccaniche.

soviet car moskvichg2

La VAz 1801 (1979) era un’auto elettrica, tipo una caddy da golf, prodotta per le Olimpiadi di Mosca del 1980. Usava due batterie al nichel-zinco, pesava solo 180 kg e raggiungeva i 40 km/h. Con una carica faceva 110 km.

soviet car vaz1801

La GAZ-24-95 era una versione 4×4 della GAZ-24 Volga. Ne sono state costruite solo 5

societ car gaz2495

La Moskvich 408 Tourist (1964) raggiungeva la velocità di 130 km/h ed avrebbe potuto essere la vera cabriolet per la classe media Sovietica, ma ai tempi il partito decise che sarebbe stata troppo lussuosa per i proletari. Tentarono quindi di esportarla con risultati miseri, poiché l’auto non passò i test di sicurezza europei.

societ car moskvich408tourist

La ZIA 101A Sport (1939) era troppo pesante per il suo motore ed arrivava a fatica a 160 km/h, ma la sua carrozzeria non era adatta a quella velocità. L’inizio della Seconda Guerra Mondiale mise fine al progetto.

soviet car zis101asport

La GAZ-A-Aero (1934) fu un esperimento Sovietico di aerodinamica. Aveva la carrozzeria di legno coperta di metallo. Ne fu costruito un solo esemplare.

soviet car gazaaero

La ZIL-2906 era un veicolo con cingoli simili a viti, creato specificatamente per ritrovare i cosmonauti atterrati nei posti più inaccessibili: paludi, acque aperte, pozze.

soviet car zil2906

La NAMI-031 (1957) è stato un tentativo di produrre una micro-car per i lavoratori ed i disabili.

soviet car nami031

La NAMI-013 (1953) fu il prototipo di un minivan a sei posti. A parte il suo look futuristico, aveva alcune innovazioni, tipo il motore sul retro e  le sospensioni indipendenti per ogni ruota.

soviet car nami013

La Pobeda Sport (1950) fu la prima vera auto sportiva Sovietica di successo. Fu disegnata dagli ingegneri aeronautici e vinse tre campionati URSS (1950, 1955, 1956)

soviet car pobedasport

La NAMI A50 Belka (1955) era un’auto compatta con 5 posti a sedere che raggiungeva la velocità di 76 km/h. Non raggiunse mai la produzione di massa

soviet car belka

La VNIITE-PT (1964) era stata concepita come taxi dall’Istituto del Design Industriale Sovietico

soviet car taxi

La Torpedo – GAZ (1951) fu una macchina da corsa che poteva raggiungere la velocità di 191 km/h. Fatta di duralluminio e coperta di placche di alluminio.

soviet car torpedo

la VAZ-2 103 Porsche. Nel 1975 il presidente della Porsche Ernst Fuhrmann incontrò il Ministro per l’Industria Automobilistica Sovietica Viktor Polyakov e si misero d’accordo su una partnership di tre anni in cui la Porsche avrebbe aiutato a costruire la Lada. Questo è il risultato di quel fallimento.

soviet car porsche

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >