Society
di Simone Stefanini 13 Aprile 2015

Le pazze pazze automobili sperimentali dell’era sovietica

Il futuro automobilistico immaginato dal regime sovietico. Tutti prototipi che non hanno mai raggiunto il mercato.

Nell’Unione Sovietica, la voglia di stupire il popolo con i viaggi nello spazio e le innovazioni tecnologiche era fortissima, al punto da creare una classe di ingegneri che costruissero delle futuribili autovetture, dei prototipi ad uso e consumo della fantasia e della voglia di evadere delle classi meno abbienti. Spoiler: non avevano nomi accattivanti. Guardiamo le più famose nel dettaglio:

FONTE | awesomy.com

 

La ZIS-112 (1951) era una macchina lunga 6 metri, a due posti, con cappotta removibile. Era usata nelle gare e raggiungeva i 200 all’ora. Era soprannominata “Il Ciclope” per via del suo aspetto

soviet car zis112

L’ hover-car sperimentale GAZ-16. Non sappiamo niente di questa macchina e non che è stata prodotta nel 1962

soviet car gaz16

La Moskvitch G2 era un’auto aerodinamica sportiva, costruita nel 1956. Raggiungeva i 223 km/h ed è riuscita a battere ben 3 volte il record di velocità Sovietico in corse dalla lunga distanza. Ne sono state costruite due e sono state smantellate nel 1963 per usarne singole parti meccaniche.

soviet car moskvichg2

La VAz 1801 (1979) era un’auto elettrica, tipo una caddy da golf, prodotta per le Olimpiadi di Mosca del 1980. Usava due batterie al nichel-zinco, pesava solo 180 kg e raggiungeva i 40 km/h. Con una carica faceva 110 km.

soviet car vaz1801

La GAZ-24-95 era una versione 4×4 della GAZ-24 Volga. Ne sono state costruite solo 5

societ car gaz2495

La Moskvich 408 Tourist (1964) raggiungeva la velocità di 130 km/h ed avrebbe potuto essere la vera cabriolet per la classe media Sovietica, ma ai tempi il partito decise che sarebbe stata troppo lussuosa per i proletari. Tentarono quindi di esportarla con risultati miseri, poiché l’auto non passò i test di sicurezza europei.

societ car moskvich408tourist

La ZIA 101A Sport (1939) era troppo pesante per il suo motore ed arrivava a fatica a 160 km/h, ma la sua carrozzeria non era adatta a quella velocità. L’inizio della Seconda Guerra Mondiale mise fine al progetto.

soviet car zis101asport

La GAZ-A-Aero (1934) fu un esperimento Sovietico di aerodinamica. Aveva la carrozzeria di legno coperta di metallo. Ne fu costruito un solo esemplare.

soviet car gazaaero

La ZIL-2906 era un veicolo con cingoli simili a viti, creato specificatamente per ritrovare i cosmonauti atterrati nei posti più inaccessibili: paludi, acque aperte, pozze.

soviet car zil2906

La NAMI-031 (1957) è stato un tentativo di produrre una micro-car per i lavoratori ed i disabili.

soviet car nami031

La NAMI-013 (1953) fu il prototipo di un minivan a sei posti. A parte il suo look futuristico, aveva alcune innovazioni, tipo il motore sul retro e  le sospensioni indipendenti per ogni ruota.

soviet car nami013

La Pobeda Sport (1950) fu la prima vera auto sportiva Sovietica di successo. Fu disegnata dagli ingegneri aeronautici e vinse tre campionati URSS (1950, 1955, 1956)

soviet car pobedasport

La NAMI A50 Belka (1955) era un’auto compatta con 5 posti a sedere che raggiungeva la velocità di 76 km/h. Non raggiunse mai la produzione di massa

soviet car belka

La VNIITE-PT (1964) era stata concepita come taxi dall’Istituto del Design Industriale Sovietico

soviet car taxi

La Torpedo – GAZ (1951) fu una macchina da corsa che poteva raggiungere la velocità di 191 km/h. Fatta di duralluminio e coperta di placche di alluminio.

soviet car torpedo

la VAZ-2 103 Porsche. Nel 1975 il presidente della Porsche Ernst Fuhrmann incontrò il Ministro per l’Industria Automobilistica Sovietica Viktor Polyakov e si misero d’accordo su una partnership di tre anni in cui la Porsche avrebbe aiutato a costruire la Lada. Questo è il risultato di quel fallimento.

soviet car porsche

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >