Society
di Simone Stefanini 26 Febbraio 2015

La marijuana fa meglio dell’alcol, secondo un nuovo studio scientifico

La marijuana è 114 volte meno letale dell’alcol. Però è illegale. Perché? Leggete qui

Certe cose, se siete uomini e donne di mondo, già le sapete, ma quando vengono anche supportate da uno studio scientifico comparativo accurato, allora è il caso di condividerle e di farsi anche qualche domanda.

Prima, la notizia riguardante lo stato americano del Colorado, che ha legalizzato la marijuana e solo a gennaio 2015 ha incassato 2 milioni di dollari in più di tasse, mentre le 14 società che hanno iniziato a produrre marijuana a scopo ricreativo per lo stato, hanno fatturato 14 milioni di dollari.

marijuana-1

Ora, a sponsorizzare l’uso della ganja, ci si mette anche uno studio governativo americano, che paragona alcol, marijuana e tabacco ed altre droghe, per poi trarre le conseguenze che ci immaginiamo. La marijuana è 114 volte meno letale dell’alcol. Cioè? Ogni 114 persone che morirebbero per motivi legati all’alcolismo, tipo cirrosi, fegato da buttare via, rissa, incidente stradale e così via, uno morirebbe per cause legate indirettamente alla ganja, tipo quando vi mettete in macchina dopo aver fumato l’impossibile e vi sembra di andare a 140 km/h, invece state viaggiando ad una media oraria di 23 km/h e il tipo dietro di voi, un filino spazientito, vi sperona e vi fa fuori, oppure quando ridete in faccia ad un buttafuori e lui la prende male?

No, in realtà lo studio è ben più serio: in ordine di letalità, le sostanze più mortali sono: alcol, eroina, cocaina, tabacco, ecstasy, metanfetamina e all’ultimo posto la marijuana, con una differenza gigantesca. I ricercatori hanno determinato il rischio di mortalità confrontando dosi letali delle droghe di cui abbiamo parlato prima con le dosi che normalmente uno assume per godersela. La marijuana è risultata essere una droga a rischio di mortalità basso, mentre le altre, tutte medio o alto.

marijuana-2

Questi studi contraddicono alla grande gli sforzi fatti dagli Stati per mantenere la marijuana illegale, per contrastare la depenalizzazione e soprattutto sputtanano tutta una serie di comportamenti della polizia che tratta il ragazzo che si è fatto una cannetta alla stessa stregua di un tossico. Per non parlare del fatto che lo Stato guadagna dalle sigarette e dall’alcol, clamorosamente più pericolosi.

Questi studi comparativi sono sempre stati pochi, nel tempo. Fino al decennio scorso, non c’erano vere e proprie classificazioni tra sostanze stupefacenti. Prima degli studi scientifici in materia, la valutazione del rischio di abuso di droga era basata su prove aneddotiche e spesso, alcune decisioni politiche importanti in materia, sono state prese un po’ a caso, basandosi su congetture abbastanza telecomandate.

marijuana

A proposito dell’alcol, i ricercatori hanno specificato, manco ce ne fosse il bisogno, che non è che se uno beve un amaro la sera è più a rischio di uno che si fa di roba in vena, dato che al pericolo implicito dell’eroina si aggiunge quello degli aghi sporchi, delle condizioni ambientali ecc. L’alcol, affrontato con reale moderazione, è meno pericoloso anche della cocaina e del meth, fortunatamente. Moderazione significa non aver mai sfiorato il coma etilico, non tornare tutti i weekend privo di sensi, non pasteggiare col Negroni (come ho visto fare lo scorso sabato in un pub a dei ragazzini di 18 anni, allibito). Come, quando si parla di marijuana, non si usa il termine generico per definire anche le canne di hashish plasticone, di ceretta, di pongo, che quando lo respiri vedi i mostri e ti senti male. Si parla della possibilità di trovare marijuana buona, che rilassa dopo due tiri senza il bisogno di fumarne 40 e di intossicarsi coi polimeri o con i diserbanti.

marijuana-3

In ogni caso, ambasciator non porta pena, noi vi abbiamo solo detto le cose come stanno, ma vi ricordiamo anche che la marijuana è sempre illegale in Italia, quindi spegnete le lampade tropicali che usate nella stanza degli ospiti per far crescere le piantine, per ora, se vi sgamano,  son sempre dolori.

[tutte le foto © i rispettivi autori]

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >