Society
di Simone Stefanini 26 Febbraio 2015

Impara a limonare con una guida fotografica del 1942

Siete davvero dei gran baciatori oppure siete solo buoni a vantarvi al bar? Scopriamolo.

1942. Guerra Mondiale. L’Europa è allo stremo delle forze, le città sono distrutte, la paura serpeggia. Ma gli uomini sono tali perché riescono trovare la bellezza anche nelle cose più truci. Date un’occhiata alle immagini qui sotto: sono tratte da un articolo del LIFE Magazine di quell’anno e spiegano al maschio, deputato a prendere l’iniziativa, come baciare una femmina.

Viste oggi fanno un po’ sorridere, ma alla fine possono risultare utili, se comparate alle limonate sfrenate di cui sarete certo protagonisti.

Guardiamo di trarne fuori qualcosa di interessante per la vostra vita mondana, analizzando una ad una le foto che gentilmente il passato ci fornisce per capire meglio se siete davvero quei baciatori eccellenti che vi vantate di essere al bar:

[immagini via]

lemons

Se siete abituati a sdraiare le tipe sui divanetti del club che siete soliti frequentare e a cingere la loro testa con la presa soporifera, tipica del wrestling anni ’80, volta a far addormentare la malcapitata e a proporle la lingua in bocca senza che lei possa fare resistenza: numero uno è reato perseguibile penalmente, numero due occhio all’ascella, che dopo due ore di rimorchio duro, ballando come ossessi, finisce che odora di caseificio e basta già quell’esperienza per far svenire la malcapitata.

IHbVm5K

 

Gli Enzo Miccio del ’42, che curavano la rubrica “Ma come limoni?”, sostenevano che questa mossa fosse OK. In realtà, la tipa è evidentemente priva di conoscenza, vuoi perché le avete somministrato tre litri di Long Island, vuoi per il discorso ascelle di prima. Se poi oltre al limone alcolico le proponete anche la mossa dell’appoggio, siete davvero dalle parti del processo per molestie sessuali. Fate ammodo, perdìo, la vita non è 50 sfumature di grigio ed in ogni caso, lui era ricco e poteva permettersi un avvocato.

X9kftGU

 

Dunque, a meno che non siate entrambi sofferenti di sciatica o che non abbiate una forte pubalgia, il limone con i corpi a distanza regolamentare di tre metri, manco foste in barriera durante un calcio di punizione, non va bene per niente. Se per puro caso qualche pazzo che sta ballando i Die Antwoord vi viene addosso, ci rimettete incisivi, setto nasale e apparato oro-faringeo. In rari casi, se questa pratica sconveniente avviene sopra un pavimento su cui è stata data la cera o più presumibilmente, viste le vostre facce, nei cessi umidicci e vomitati dei localacci, il rischio che uno di voi due faccia lo scivolone del pattinatore alle Olimpiadi è reale, e da lì al pronto soccorso è un attimo.

tayeYLP

 

Oh, finalmente! Ci voleva tanto? Un bel limone alla Humphrey Bogart in “Casablanca”, braccio maschile a cingere il punto vita di lei, per capire in un attimo la capienza e la consistenza di tette-e-culo, senza farsi sgamare troppo (dal momento che lei c’è stata solamente perché le avete detto di averle composto una poesia, che in realtà era un testo minore del giovane Baglioni, ma lei non lo sa perché ascolta Moreno), altra mano maschile appoggiata sul collo della ragazza, volta ad avvicinarla con garbo alla vostra bocca e, laddove foste di fronte ad una tipa dalla timidezza disarmante, a muoverle la testa per portare a compimento la missione limonata. Guardate quanto le bocche si sfiorino a fatica, a differenza vostra, che siete abituati durante il limone a fare l’ortopantomografia (cercate su Google) con la lingua, a leccare voluttuosamente palato, altrui lingua, labbra, capelli, eventuale sigaretta o cannuccia di long drink, collo, golfino, sudore, mascara dagli occhi, lobi delle orecchie, piercing, narici, il dolce estuario delle minne e ad apporre le mani nei luoghi dell’intimità, tipo intersezione delle chiappe, fiocchettino della mutandina alla ricerca dell’arca perduta, a fare rally dentro il reggiseno per trovare i pulsanti del joystick analogico. Insomma, a fare nei locali, davanti a tutti, ciò per cui dovreste essere arrestati in macchina oppure ciò che potreste svolgere nel privato dei vostri appartamenti, senza mostrare per forza alla comunità che non siete vergini. Ormai quasi nessuno lo è. Deal with it.

15lxLJg

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >