Society
di Simone Stefanini 26 Febbraio 2015

Impara a limonare con una guida fotografica del 1942

Siete davvero dei gran baciatori oppure siete solo buoni a vantarvi al bar? Scopriamolo.

1942. Guerra Mondiale. L’Europa è allo stremo delle forze, le città sono distrutte, la paura serpeggia. Ma gli uomini sono tali perché riescono trovare la bellezza anche nelle cose più truci. Date un’occhiata alle immagini qui sotto: sono tratte da un articolo del LIFE Magazine di quell’anno e spiegano al maschio, deputato a prendere l’iniziativa, come baciare una femmina.

Viste oggi fanno un po’ sorridere, ma alla fine possono risultare utili, se comparate alle limonate sfrenate di cui sarete certo protagonisti.

Guardiamo di trarne fuori qualcosa di interessante per la vostra vita mondana, analizzando una ad una le foto che gentilmente il passato ci fornisce per capire meglio se siete davvero quei baciatori eccellenti che vi vantate di essere al bar:

[immagini via]

lemons

Se siete abituati a sdraiare le tipe sui divanetti del club che siete soliti frequentare e a cingere la loro testa con la presa soporifera, tipica del wrestling anni ’80, volta a far addormentare la malcapitata e a proporle la lingua in bocca senza che lei possa fare resistenza: numero uno è reato perseguibile penalmente, numero due occhio all’ascella, che dopo due ore di rimorchio duro, ballando come ossessi, finisce che odora di caseificio e basta già quell’esperienza per far svenire la malcapitata.

IHbVm5K

 

Gli Enzo Miccio del ’42, che curavano la rubrica “Ma come limoni?”, sostenevano che questa mossa fosse OK. In realtà, la tipa è evidentemente priva di conoscenza, vuoi perché le avete somministrato tre litri di Long Island, vuoi per il discorso ascelle di prima. Se poi oltre al limone alcolico le proponete anche la mossa dell’appoggio, siete davvero dalle parti del processo per molestie sessuali. Fate ammodo, perdìo, la vita non è 50 sfumature di grigio ed in ogni caso, lui era ricco e poteva permettersi un avvocato.

X9kftGU

 

Dunque, a meno che non siate entrambi sofferenti di sciatica o che non abbiate una forte pubalgia, il limone con i corpi a distanza regolamentare di tre metri, manco foste in barriera durante un calcio di punizione, non va bene per niente. Se per puro caso qualche pazzo che sta ballando i Die Antwoord vi viene addosso, ci rimettete incisivi, setto nasale e apparato oro-faringeo. In rari casi, se questa pratica sconveniente avviene sopra un pavimento su cui è stata data la cera o più presumibilmente, viste le vostre facce, nei cessi umidicci e vomitati dei localacci, il rischio che uno di voi due faccia lo scivolone del pattinatore alle Olimpiadi è reale, e da lì al pronto soccorso è un attimo.

tayeYLP

 

Oh, finalmente! Ci voleva tanto? Un bel limone alla Humphrey Bogart in “Casablanca”, braccio maschile a cingere il punto vita di lei, per capire in un attimo la capienza e la consistenza di tette-e-culo, senza farsi sgamare troppo (dal momento che lei c’è stata solamente perché le avete detto di averle composto una poesia, che in realtà era un testo minore del giovane Baglioni, ma lei non lo sa perché ascolta Moreno), altra mano maschile appoggiata sul collo della ragazza, volta ad avvicinarla con garbo alla vostra bocca e, laddove foste di fronte ad una tipa dalla timidezza disarmante, a muoverle la testa per portare a compimento la missione limonata. Guardate quanto le bocche si sfiorino a fatica, a differenza vostra, che siete abituati durante il limone a fare l’ortopantomografia (cercate su Google) con la lingua, a leccare voluttuosamente palato, altrui lingua, labbra, capelli, eventuale sigaretta o cannuccia di long drink, collo, golfino, sudore, mascara dagli occhi, lobi delle orecchie, piercing, narici, il dolce estuario delle minne e ad apporre le mani nei luoghi dell’intimità, tipo intersezione delle chiappe, fiocchettino della mutandina alla ricerca dell’arca perduta, a fare rally dentro il reggiseno per trovare i pulsanti del joystick analogico. Insomma, a fare nei locali, davanti a tutti, ciò per cui dovreste essere arrestati in macchina oppure ciò che potreste svolgere nel privato dei vostri appartamenti, senza mostrare per forza alla comunità che non siete vergini. Ormai quasi nessuno lo è. Deal with it.

15lxLJg

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >