Society
di Simone Stefanini 22 Novembre 2017

Scandalo molestie sessuali, in Italia ancora troppa omertà

In Italia manca ancora un’inchiesta seria, fatta da giornalisti di testate autorevoli, sullo scandalo delle molestie sessuali nel mondo dello spettacolo

Le principali accusatrici di Harvey Weinstein pintrest - Le principali accusatrici di Harvey Weinstein

 

Negli Stati Uniti ultimamente stanno cambiando un po’ di cose, quando si parla di industria dello spettacolo. Abbiamo scoperto che esisteva un sistema corrotto, perverso e criminale che si fondava su alcuni dogmi, oggi pronti per essere scardinati: che il potente fosse intoccabile, che l’uomo potesse impunemente dispensare attenzioni di natura sessuale, che a volte per lavorare si dovesse scendere a compromessi di natura sessuale.

Dopo gli scandali che hanno portato alla luce il sistema Harvey Weinstein, ma anche gli atteggiamenti espliciti e inaccettabili di Kevin Spacey, Dustin Hoffman, Sylvester Stallone e Louis CK, sembra che oggi persino i più potenti possano essere messi in discussione. Anche il capo della Pixar John Lasseter si è autosospeso per sei mesi a causa di abbracci poco opportuni e commenti di natura sessuale. Lo tsunami non si sta fermando al solo cinema, è notizia recente che Nick Carter, cantante dei Backstreet Boys, avrebbe stuprato la collega Melissa Schuman.

Ciò che fino a qualche mese fa sarebbe finito nel dimenticatoio o in una qualche pratica insabbiata, oggi può fare notizia a livello mondiale e contribuire in maniera notevole a cambiare un sistema marcio, in cui le vittime sono sia coloro che hanno subito violenza, sia chi non ne ha voluto sapere e di conseguenza ha subito isolamento e mobbing.

Negli Stati Uniti, le inchieste sono stare fatte da testate autorevoli come il New Yorker e il New York Times, che hanno messo la faccia e i potenti mezzi a disposizione per superare muri di omertà e portare alla luce uno status quo terrificante. Il prestigio dei giornalisti che hanno partecipato alle inchieste ha sollevato anche un moto di solidarietà in tutto lo show business, in cui persino gli amici degli “imputati” si sono dissociati da quei comportamenti e hanno dichiarato pubblicamente quanto, pur facendo terribilmente male, questa rivoluzione fosse necessaria (vedi il video di Sarah Silverman su Louis CK).

 

 

Facciamo un salto transoceanico e torniamo alla nostra Italia bella, qui come vanno le cose in tal senso? A naso, peggio. Siamo il paese diventato tristemente famoso per aver insultato Asia Argento, l’attrice che ha messo in gioco la faccia e la credibilità per rivelare il sistema Weinstein, facendola passare per poco di buono. Questo la dice lunga sulla morale comune con cui si deve scontrare chi decida di condividere un’esperienza di tale natura.

Di fronte a una presunzione di reato, la presunta vittima dovrebbe avere lo stesso beneficio del dubbio del presunto colpevole, specialmente per crimini difficilmente provabili come le molestie e le violenze sessuali.

Quando il nome del regista Fausto Brizzi è uscito fuori da molte bocche perlopiù anonime di ragazze che ne hanno denunciato le molestie durante un servizio della trasmissione d’intrattenimento Le Iene, è stato difeso da gran parte dello show business: colleghi registi, attori e attrici che spesso hanno definito le accuse falsità attuate da ragazze alla ricerca di celebrità facile.

In questo contesto, il problema più grande del nostro paese sembra sia mancanza di qualche inchiesta seria, di giornalisti di spessore che vogliano mettere faccia ed esperienza per tentare di far luce sul sistema Weinstein (o presuntamente Brizzi) anche in Italia. Un sistema che detto in parole poverissime, potrebbe riassumersi con “Vieni a letto con me e avrai la parte, se non ci vieni dirò a tutti di non farti lavorare”. Come mai nessun telegiornale, testata giornalistica o programma di approfondimento di prestigio hanno (ancora) voluto scavare a fondo sull’argomento delle molestie sessuali? Quali sono i problemi che deve fronteggiare chi ci prova? Perché in Italia ci sono così poche rivelazioni e di esse se ne deve occupare un programma non giornalistico, famoso per avere anche abboccato a clamorose bufale? Queste sono le domande che ci dovremmo fare più spesso di “Questa storia sarà vero o no?”.

Dovremmo pretendere un approfondimento per l’argomento che ha provocato un terremoto senza precedenti nell’industria dello spettacolo più famosa del mondo e che invece, qui in Italia sembra sia diventato una brezza leggera, buona solo per battute di dubbio gusto e meme sui social.

Se domani un produttore italiano ci provasse in maniera esplicita con un’attrice e lei gli dicesse “Le cose sono cambiate, io ti denuncio”, non vorremmo fosse costretta a trovare come risposta “A chi? Alle Iene?” condita da un sinistro sorriso sardonico.

 

 leggo

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >