Society
di Gabriele Ferraresi 28 Luglio 2016

1993, quando le bombe esplodevano (anche) a Milano

Sono passati 23 anni dalla Strage di via Palestro: un grande rimosso di cui ancora oggi non si conoscono tutti i misteri

 

Sono passati esattamente 23 anni dalla Strage di via Palestro a Milano. Era la sera del 27 luglio del 1993 e davanti al Padiglione d’Arte Contemporanea esplose un’autobomba che uccise 5 persone.

Quella bomba è tutt’ora, malgrado “tanta nostalgia degli anni novanta”, malgrado le serie tv dedicate a quegli anni – 1992, per dirne una – e al culto un po’ passatista di un’epoca vissuta da bambini (culto di cui ammetto essere il primo officiante) un grande rimosso della nostra storia recente. Poniamo rimedio oggi.

Prima di tutto, inquadriamo la situazione: che cosa succedeva nell’Italia di quegli anni? Erano anni di transizione violentissima, tellurica, da un sistema all’altro, e accadeva qualcosa di impensabile oggi. Crollava un sistema politico giunto allo zenit della corruzione – la Prima Repubblica, sotto i colpi del pool di Mani Pulite – e crollava un altro sistema fatto di intrecci e legami quantomeno opachi, per usare un eufemismo, tra politica ed economia.

 

gardini_suicidio  Pochi giorni prima delle bombe del 27 e 28 luglio, il 23 luglio 1993 sempre a Milano si toglie la vita Raul Gardini

 

Il resto del mondo? Stava sfasciandosi la divisione in blocchi: il comunismo era agli sgoccioli da un pezzo, almeno dal 1989 con il crollo del Muro di Berlino, l’ex URSS si stava frantumando per diventare da terra dei Soviet a terra degli oligarchi, nel 1991 invece era scoppiata pure una Guerra nel Golfo, contro un misterioso dittatore sconosciuto ai più in occidente, Saddam Hussein. Nessuno immaginava che sarebbe stata solo la prima, di Guerra nel Golfo.

Insomma: crollava tutto. Cambiava tutto, e anche in Italia, ci si preparava ad altro.

Al di là delle vicende internazionali, la dimenticatissima Strage di via Palestro del 27 luglio del 1993 si inseriva in una cornice più ampia, molto più ampia di quel periodo: la strategia stragista mafiosa, partita già nel 1992.

 

movente strage via palestro milano  Wikipedia - Cronologia degli attentati avvenuti tra il 1992 e il 1994

 

Le due stragi di Capaci e via d’Amelio, in cui perdono la vita i giudici Falcone e Borsellino, e poi altri omicidi mirati, come quello di Salvo Lima – che per convenzione dà il via alla strategia del terrore voluta da Totò Riina – o attentati falliti, buoni però per scatenare altro terrore, per esempio quello al giornalista Maurizio Costanzo.

Ma perché Cosa Nostra si imbarca in una strategia del genere?

Per due anni fa esplodere bombe in tutta Italia, a Palermo, Roma, Firenze, Milano, uccide giudici simbolo, devasta luoghi dell’arte italiana noti in tutto il mondo – la Strage di via dei Georgofili a Firenze – nel complesso uccide 21 persone, non è una cosa da poco, neanche per un’organizzazione criminale potente e ramificata. Perché farlo?

Principalmente per potersi sedere – in un momento difficile della sua storia – a un tavolo e trattare con lo Stato: l’offerta è semplicissima, chiara, “Noi smettiamo con le stragi e le bombe, voi ci date qualcosa in cambio”. Ed è questa la famosa trattativa Stato-mafia – discutibile e discutibilissima, su tanti fronti – ma quello è. Un modo per sedersi a un tavolo e negoziare: infatti dal 1993 in poi, qualcosa cambia, le bombe smettono di esplodere e così i giudici di saltare in aria.

Il 12 marzo del 2012, a vent’anni da quel 1992 di sangue, su Repubblica Palermo si leggeEra l’ottobre del 1993, quando, fallito l’attentato all’Olimpico, Cosa nostra tornò al silenzio. Tra promesse di linee morbide, attenuazioni del 41 bis, riforme legislative. Segnali concreti per un ritorno alla coesistenza pacifica. Con il nuovo ordine, il traguardo era ora la finanza. Un altro modo per dare le carte. Lontano dai riflettori, gli amici calabresi lo stavano già facendo“.

La Strage di via Palestro a Milano si inserisce quindi in questo contesto, nella stessa notte in cui esplodono altre due bombe, due ordigni che non fanno vittime però, a Roma: San Giovanni Laterano e San Giorgio in Velabro – pur se con qualche dubbio, e qualche mistero ancora oggi irrisolto: per esempio, c’è chi sostiene che l’obiettivo non fosse in realtà il PAC, ma il Palazzo dei Giornali in piazza Cavour, oppure una loggia massonica poco distante. Probabilmente non lo sapremo mai.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >