Society
di Mattia Nesto 7 Aprile 2017

Il museo più inutile del mondo è a Torino ed è bellissimo: Il Museo della Frutta

Via http://illustrati.logosedizioni.it  Via http://illustrati.logosedizioni.it

 

Abituati come siamo ormai a musei sempre più tecnologici e al passo con i tempi, tra le guide al Louvre con Super Mario Bros e le installazioni super-futuristiche del Museum fur Naturkunde di Berlino (dinosauri in 3d che si animano davanti ai tuoi occhi, tanto per dire), il Museo Francesco Garnier Valletti, meglio conosciuto come Il Museo della Frutta di Torino, sembra proprio un oggetto proveniente da un passato remoto ( noi che eravamo convinti che dopo il successo dell’orrido Fruit Ninja dovessimo per sempre dire addio a mele, pere e banane).

 

 

Già avete capito bene: a Torino c’è un intero museo completamente dedicato alla frutta, cioè a quell’alimento che, insieme alle odiatissime verdure, è il più bistrattato e antipatico per i bambini. La cosa curiosa, e un po’ paradossale, è che questo museo si trova di fianco  (anzi per essere precisi sullo stesso pianerottolo) del Museo di Antropologia Criminale Cesare Lombroso, di cui noi vi abbiamo già parlato qui dicendovi meraviglie. Insomma uno dei musei indiscutibilmente più fighi ed inquietanti del mondo si trova esattamente di fianco a quello che, almeno di primo acchito, parrebbe come il museo più noioso del mondo? Diciamo che le cose non stanno esattamente così.

 

Via https://media-cdn.tripadvisor.com  Via https://media-cdn.tripadvisor.com

 

Inaugurato il 12 febbraio 2007, quindi in tempi recenti, il Museo della frutta consta di una collezione di più di  mille frutti artificiali plastici, realizzati, naturalmente a mano (senza avvalersi di queste fantasmagoriche stampanti 3d) a fine Ottocento da Francesco Garnier Valletti. Quindi le mele e le pere di questo museo sono delle vere e proprie opere d’arte, modellati con grande sapienza da Garnier Valletti, il classico uomo dell’Ottocento mezzo pazzo mezzo genio, una sorta di artigiano-artista-scienziato non troppo dissimile, seppur nelle forti differenze, del suo “vicino di pianerottolo” Cesare Lombroso. Da un lato crani di assassini, coltelli di serial-killer e camicie di forza, dall’altro piccole mele rosse, delicate pere e simpatici limoni paglierini.

 

Via https://media-cdn.tripadvisor.com  Via https://media-cdn.tripadvisor.com

 

Viaggiare per le sale del piccolo ed intimo museo è così un’esperienza molto affascinante, perché davvero si respira un’aria un po’ fané un po’ aristocratico così caratteristica dell’ex capitale sabauda. Vero e proprio fiore all’occhiello del museo è la collezione pomologica, ovvero dei frutti con semi provenienti da tutti gli angoli del mondo. Molto interessante è anche la sezione dedicata alla marcescenze dei frutti: cioè vi sono intere bacheche che mostrano le diverse tappe che portano un frutto a diventare marcio. Magari detto così non suona troppo catchy e seducente ma vi assicuriamo che, vuoi per l’esposizione impeccabile, vuoi per l’atmosfera particolare, questi frutti mezzi marci e mezzi no hanno un fascino pazzesco.

 

Via http://signorinabloggy.altervista.org  Via http://signorinabloggy.altervista.org

 

La cosa veramente particolare è che l’attuale allestimento è stato ricostruito fedelmente sulla falsa riga di quello originale, avvalendosi  di immagini fotografiche offerte dagli eredi. Quindi visitare oggi il Museo della Frutta di Torino è una delle esperienze di viaggio nel tempo più a portata di mano che si conoscano. In fondo se in un famoso monologo Woody Allen sosteneva che uno dei motivi per cui valesse la pena vivere fossero “quelle incredibili mele e pere dipinte da Cézanne”, andando a Torino potremo approfondire la questione.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >