Society
di Simone Stefanini 10 Ottobre 2014

Napoli e l’errore più grave: difendere il bullismo

Innanzitutto i fatti: Vincenzo è un ragazzino  di 14 anni. Martedì 8 ottobre, poco dopo le 19, si trovava nei pressi di un autolavaggio nel quartiere di Pianura, Napoli, quando è stato raggiunto da un piccolo branco. Tre ragazzi di 24 anni, uno di loro lo prende di mira perchè grasso. Poi lo immobilizzano, lo denudano e lo seviziano con la pistola ad aria compressa dell’autolavaggio, mentre provano a riprendere tutto col cellulare. “Sei grasso, ti gonfiamo come una palla”.

Il ragazzino viene portato all’ospedale, è in pericolo di vita, con l’intestino lacerato. Viene sottoposto ad un’operazione lunga sette ore, gli viene asportato il colon, per due giorni lotta tra la vita e la morte. I carabinieri configurano questa violenza sessuale come tentato omicidio. L’aggressore materiale è un 24enne padre di un bambino di due anni, tutti e tre hanno precedenti per reati contro il patrimonio e spaccio.

La madre della vittima rilascia alcune dichiarazioni dall’ospedale: “Devo stare con lui. Ha paura di questo reparto, vuole tornare a casa. Non sa ancora quello che è successo. Io gli ho detto che lo hanno operato per togliergli l’aria dalla pancia. Ha 14 anni, ma è un ragazzino dolcissimo e timido. Non si meritava quello che gli hanno fatto”. 

Intanto i parenti di uno degli aggressori, accusati di tentato omicidio, reagiscono così alle accuse:

Parlano di scherzo ingenuo, fatto senza malizia, con l’unica colpa di ignorare che un compressore sia molto pericoloso se infilato nell’ano. “Non si può infamare un bravo ragazzo  per uno scherzo. Non l’ha ucciso, non aveva una pistola” . “Omicidio colposo è quello che spara, non questo.” “Mio figlio, (dopo l’aggressione n.d.a.) l’ha pure portato all’ospedale e il giorno dopo si è spontaneamente recato dai Carabinieri. I malviventi non fanno così”. 

I malviventi invece fanno proprio così. Agiscono in branco, aggrediscono una persona più debole (in questo caso anche di 10 anni più piccola, in tre contro uno) prima verbalmente, poi fisicamente, senza cedere un attimo al pensiero che l’azione possa avere delle conseguenze, nè dal punto di vista penale, nè da quello della vittima.

Salta chiaro alla mente che la piaga sociale semplificata come bullismo non sia mai stata trattata alla stregua della vera e propria criminalità, solo perchè in rari casi ci scappa il morto. Non si tiene conto dei profondissimi danni psicologici causati alla vittima, fuorviati dal fatto che in ogni scuola o in ogni compagnia giovanile ci siano sempre stati gli arroganti che opprimono i più sensibili.

Per gli occhiali troppo grandi, per l’apparecchio ai denti, per la forma fisica, per la statura, per l’orientamento sessuale, per l’abbigliamento, per antipatia generica, priva del più banale motivo. Non si parli di gioco finito male, non si lasci passare come semplice notizia di cronaca da sostituire con un’altra quanto prima. Lasciamo i bulli ai film degli anni ’50, chiamiamo le persone con il loro vero nome. In questo caso, criminali.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >