Natale curiosità coca cola
Society
di Emanuele Gironi 16 Dicembre 2019

Tutto quello che avreste sempre voluto sapere sul Natale, ma non avete mai osato chiedere

È vero che Babbo Natale è un’idea della Coca Cola? Chi ha inventato il presepe? Perché proprio il 25 dicembre? Risponde Emanuele Gironi di ArcheoCafe

Babbo Natale, un'invenzione della Coca Cola?  Babbo Natale: un’invenzione della Coca Cola?

Il Natale ormai è alle porte e con lui tutta quella serie di cene e aperitivi per salutare colleghi e amici  prima di chiudersi in famiglia e mettersi all’ingrasso. Il problema di queste occasioni è che spesso si finisce a parlare sempre delle stesse cose. Se siete stanchi di addentrarvi nell’ennesimo discorso politico o di attaccare l’ultimo maglione di Natale brutto, perché allora non parlare proprio del Natale, ma quello vero, nel senso più accademico e storico del termine.

Emanuele Gironi, archeologo e ricercatore che gestisce la pagina Facebook ArcheoCafè, ci dà qualche dritta per fare bella figura durante le feste partendo dalla domanda più gettonata di tutte.

Babbo Natale l’ha davvero inventato la Coca Cola?

Per certi versi è vero, Babbo Natale è un’invenzione della Coca Cola: prima del 1931 Santa Claus veniva rappresentato in centinaia di modi diversi, spesso con abiti bizzarri dai colori sgargianti (dal verde acceso al blu notte), ma già dall’inizio del ventesimo secolo l’uomo più ricercato del mondo comincia ad avere quelle caratteristiche che conosciamo tutti. Nel 1923, quattro anni prima che la Coca Cola lo introducesse in una campagna pubblicitaria, il New York Times descriveva Santa Claus così: “Un Babbo Natale standardizzato appare ai bambini. Altezza, peso, statura, sono ormai standard in modo preciso, come i vestiti rossi, il cappuccio e la barbona bianca. Il sacco pieno di giocattoli, le guancione e il naso rosso, le ciglia cespugliose e l’effetto panciuto sono parti inevitabili per un make up perfetto”. 

Ma allora cosa centra la Coca Cola? La famosa società americana ha contribuito in maniera evidente a rafforzare questa immagine grazie alla diffusione commerciale dei disegni di Haddon Sundblom che, in pochissimo tempo, inondarono riviste come Ladies Home Journal, National Geographic, The New Yorker e altre. Il nuovo Babbo Natale era più vecchio ed era ispirato ad un venditore in pensione, sorridente e dalla folta barba bianca. Da quel momento in poi, nessuno riuscì a cambiare questo modello e Babbo Natale è rimasto il panciuto signore anziano che si cala dal camino ogni notte del 24 dicembre.

San Nicola in un'icona del XIII secolo  San Nicola in un’icona del XIII secolo

Babbo Natale in realtà è San Nicola?

La tradizione che vede Babbo Natale come portatore di doni è diventata una nostra tradizione abbastanza recentemente. Fino a pochi secoli fa i bambini non si aspettavano i regali da lui, ma da San Nicolò, il cui arrivo era previsto per la sera del 5 dicembre, vigilia della festa di San Nicola. Quest’ultimo era un vescovo vissuto in Asia Minore nel VI secolo d.C., patrono dei fanciulli, degli studiosi, delle vergini, dei mercanti e dei marinai e, appunto, portatore di doni. La festa di San Nicola è stata sempre celebrata il 6 dicembre, ma dopo la Riforma, i protestanti tedeschi vollero attribuire a Gesù Bambino il ruolo di portatore di doni e fecero scivolare la data al 25 dicembre. La figura del Bambinello e del santo portatore di doni finirono per fondersi, così che San Nicola divenne il personaggio che oggi noi riconosciamo come Babbo Natale e che nei Paesi nordici ed anglosassoni è chiamato Santa Claus.

 

Natale curiosità coca cola

 

Gesù è nato veramente il 25 dicembre?

I Vangeli non fanno alcun riferimento né al mese, né al giorno di nascita di Gesù. Ma allora perché proprio il 25 dicembre? Non era meglio scegliere una data più calda e magari sorseggiare spumante ghiacciato davanti una spiaggia? Il 25 dicembre era un giorno importante per i pagani. Questa data corrispondeva con il Solstizio Invernale ed era il giorno in cui gli adoratori di Mitra celebravano il Dies Natalis Solis Invicti. Simbolicamente questo evento astronomico rappresentava il momento in cui il Sole, arrivato nel punto limite della lotta tra luce e tenebra diveniva “invicto”, cioè invincibile, e riprende vigore attraverso un nuovo natale”, una nuova rinascita: “Il Natale del Sole invincibile”.

Chi ha inventato il presepe?

Il primo presepe venne realizzato da San Francesco d’Assisi nel 1223, ma siamo sicuri che i meriti di questa tradizione siano tutti suoi? Furono i romani per primi a collocare le statuette degli antenati defunti (lares familiares) in un piccolo ambiente bucolico in miniatura. La data era quella del 20 dicembre, la festa era detta Sigillaria e corrispondeva pressappoco con il Solstizio d’Inverno.

 

Natale curiosità coca cola

 

Chi sono in realtà i Re Magi?

Il termine Epifania deriva dal greco Epifaneia”, cioè “manifestazione”, “illuminazione” e si riferisce al primo manifestarsi dell’umanità e divinità di Gesù Cristo ai Re Magi, dieci giorni dopo la sua nascita. Questi personaggi vengono nominati nel Vangelo di Matteo e nel Vangelo armeno dell’infanzia (apocrifo). In particolare, quest’ultimo fornisce informazioni sul numero e il nome di questi sapienti orientali facendo il nome di tre sacerdoti persiani: Melkon, Gaspar e Balthasar. In realtà molti studiosi sostengono che i Re Magi rappresenterebbero le tre popolazioni del mondo allora conosciuto – Europa, Asia e Africa infatti sarebbero un persiano che reca oro in dono, un arabo meridionale che offre l’incenso ed un etiope che con sé porta la mirra.

Che c’entra la Befana con con l’Epifania?

In realtà la Befana – il cui nome appare già dal XV secolo e deriverebbe dalla corruzione della parola Epifania e strettamente connessa alla venuta dei Re Magi – ha un’antica storia che si perde nella notte dei tempi. Tradizionalmente si ipotizza che tale personaggio vada associato a usi e consuetudini legati al calendario agrario. In origine Befana avrebbe indicato il fantoccio da esporre nel corso della dodicesima notte trascorsa dopo il giorno del Sol Invictus, a testimoniare la fine del delicato periodo di passaggio seguito al solstizio invernale e l’inizio ufficiale del nuovo corso solare ed annuale.

Lo sapevi che il capodanno è una festività romana?

Nel VII secolo i pagani delle Fiandre, seguaci dei druidi, avevano il costume di festeggiare il passaggio al nuovo anno. Per i babilonesi, il nuovo anno cominciava con la rinascita della Terra, cioè con la primavera.  Ma allora come si è arrivati a festeggiare il Capodanno in inverno inoltrato, il primo di Gennaio? Il Capodanno risale alla festa del dio romano Giano. Giano (latino: Ianus) è il dio degli inizi, materiali e immateriali, ed è una delle divinità più antiche e più importanti della religione romana, latina e italica. Fu Giulio Cesare, nel 46 a.C., a creare quello che ancora oggi è conosciuto come il calendario Giuliano, che stabiliva l’inizio dell’anno per il primo di gennaio.

Perché mangiamo lenticchie e cotechino e facciamo i botti a Capodanno?

La tradizione di mangiare lenticchie ha origine dall’antica usanza romana di regalare una “scarsella”, ovvero una borsa di cuoio, legata alla cintura e contenente lenticchie, con l’augurio che si trasformassero in monete sonanti. Il nome lenticchia, infatti, deriva dalla particolare forma a lente di questi legumi, che ricorda quella di una moneta. Anche i “botti” di Capodanno sono la manifestazione della volontà di allontanare le forze del male e gli spiriti maligni che si scatenano in un momento di passaggio dal vecchio al nuovo anno, dalla fine all’inizio del tempo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >