Society
di Sandro Giorello 5 Febbraio 2016

La moda degli open space sta distruggendo i nostri uffici

Il Washington Post ha dedicato un articolo all’argomento analizzando un recente studio

open-space huffpost.com - Un ufficio degli anni 80

 

L’idea che strutturare l’ufficio in un unico open space sia utile, innovativo e produttivo, è un mito che ci portiamo dietro da fin troppo tempo. Secondo quanto riporta la Facility Management Association, il 70% delle aziende americane adottano questo tipo di disposizione e per anni è stato il simbolo di molti dei nomi più importanti della Silicon Vallery, a partire da Google fino ad arrivare a Facebook (Zuckerberg chiese esplicitamente al famoso architetto di Frank Gehry di creare il più grande piano di lavoro del mondo).

I motivi per cui l’open space è così amato – in particolare dai capi delle aziende – sono facilmente intuibili: si sfrutta al massimo lo spazio abbattendo i costi, i dipendenti si sentono costantemente sotto controllo evitando così di frequentare social network (o peggio ancora) e riducendo le lunghe chiamate personali al cellulare. Certo ha anche i suoi lati negativi, e pure parecchi.

 

facebook washingtonpost.com/ - Uno degli uffici di Facebook

 

Il Washington Post ha dedicato un articolo all’argomento: in uno studio del 2013 si è scoperto che quasi il 50% del campione intervistato si lamentava di questo metodo di lavoro e dei propri risultati in termini produttivi e circa il 30% soffriva della mancanza di privacy. Se uno dei punti di forza dell’open space è sempre stato quello di facilitare la comunicazione tra i dipendenti, il sondaggio affermava invece che, per tutti i tipi di lavoratori, solo il 10% lo vedeva come un vero problema, a prescindere dal tipo di ufficio in cui si trovava.

Di contro, una ricerca del New Yorker afferma che il clima rilassato e incline al cazzeggio può creare con facilità un certo tipo di cameratismo che porta a giustificare le inefficienze e gli scarsi risultati in nome dell’innovazione e della possibilità di comunicare più liberamente. Il senso di riservatezza, invece, può spingere il dipendente ad ottenere performance migliori. Per non parlare della musica: è una delle prime fonti di distrazione e, secondo quanto afferma lo studio, il calo di produttività “raddoppia negli spazi completamente aperti rispetto agli uffici singoli”.

 

open-plan office theguardian.com - Foto di Photofusion/Rex Features

 

Se un manager vuole davvero che i suoi dipendenti lavorino tutti insieme, è necessario che imponga delle regole che regolino i rapporti tra chi condivide quello spazio: che si tratti del ridurre al minimo la musica ed il rumore, fino a creare angoli dove chi lavora possa trovare un minimo di privacy. Oppure può sperimentare il lavoro da casa – noi di Dailybest possiamo dire che funziona – trasmetterà un senso di fiducia e, al contempo, noterà che la produttività aumenterà perché, come dice questo studio, a casa le pause si fanno più brevi, le distrazioni spariscono e il dipendente lavora meglio.

 

FONTE |  washingtonpost.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >