Society
di Sandro Giorello 5 Febbraio 2016

La moda degli open space sta distruggendo i nostri uffici

Il Washington Post ha dedicato un articolo all’argomento analizzando un recente studio

open-space huffpost.com - Un ufficio degli anni 80

 

L’idea che strutturare l’ufficio in un unico open space sia utile, innovativo e produttivo, è un mito che ci portiamo dietro da fin troppo tempo. Secondo quanto riporta la Facility Management Association, il 70% delle aziende americane adottano questo tipo di disposizione e per anni è stato il simbolo di molti dei nomi più importanti della Silicon Vallery, a partire da Google fino ad arrivare a Facebook (Zuckerberg chiese esplicitamente al famoso architetto di Frank Gehry di creare il più grande piano di lavoro del mondo).

I motivi per cui l’open space è così amato – in particolare dai capi delle aziende – sono facilmente intuibili: si sfrutta al massimo lo spazio abbattendo i costi, i dipendenti si sentono costantemente sotto controllo evitando così di frequentare social network (o peggio ancora) e riducendo le lunghe chiamate personali al cellulare. Certo ha anche i suoi lati negativi, e pure parecchi.

 

facebook washingtonpost.com/ - Uno degli uffici di Facebook

 

Il Washington Post ha dedicato un articolo all’argomento: in uno studio del 2013 si è scoperto che quasi il 50% del campione intervistato si lamentava di questo metodo di lavoro e dei propri risultati in termini produttivi e circa il 30% soffriva della mancanza di privacy. Se uno dei punti di forza dell’open space è sempre stato quello di facilitare la comunicazione tra i dipendenti, il sondaggio affermava invece che, per tutti i tipi di lavoratori, solo il 10% lo vedeva come un vero problema, a prescindere dal tipo di ufficio in cui si trovava.

Di contro, una ricerca del New Yorker afferma che il clima rilassato e incline al cazzeggio può creare con facilità un certo tipo di cameratismo che porta a giustificare le inefficienze e gli scarsi risultati in nome dell’innovazione e della possibilità di comunicare più liberamente. Il senso di riservatezza, invece, può spingere il dipendente ad ottenere performance migliori. Per non parlare della musica: è una delle prime fonti di distrazione e, secondo quanto afferma lo studio, il calo di produttività “raddoppia negli spazi completamente aperti rispetto agli uffici singoli”.

 

open-plan office theguardian.com - Foto di Photofusion/Rex Features

 

Se un manager vuole davvero che i suoi dipendenti lavorino tutti insieme, è necessario che imponga delle regole che regolino i rapporti tra chi condivide quello spazio: che si tratti del ridurre al minimo la musica ed il rumore, fino a creare angoli dove chi lavora possa trovare un minimo di privacy. Oppure può sperimentare il lavoro da casa – noi di Dailybest possiamo dire che funziona – trasmetterà un senso di fiducia e, al contempo, noterà che la produttività aumenterà perché, come dice questo studio, a casa le pause si fanno più brevi, le distrazioni spariscono e il dipendente lavora meglio.

 

FONTE |  washingtonpost.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >