Society
di Simone Stefanini 5 Marzo 2015

I più assurdi ritratti di persone con gli oggetti inanimati

Forse perché negli anni 80 i soldi giravano e la gente amava gli oggetti. Altrimenti non si spiega perché da piccoli ci facessero fare le foto con le cose.

Questa strana moda andava un casino negli anni ’80. Farsi le foto con le cose, con gli oggetti inanimati. Sarà perché  in quel momento l’economia girava bene, la tecnologia entrava nelle case di tutte le famiglie, anche di quelle proletarie, che finalmente potevano avere televisione, elettrodomestici, giocattoli, informatica, cose così. Non solo tecnologia però: hobbistica, superfluo, inutilità di ogni genere. Quindi perché non farsi i ritratti ufficiali insieme ai tanto amati oggetti?

Dev’essere quello che è venuto in mente a questi soggettoni qui sotto,  tra i quali spicca una foto d’annata (o dannata) dell’autore stesso di questo articolo, a testimonianza che a nessuna latitudine del mondo si è salvi di fronte al trasse.

FONTE | awkwardfamilyphotos.com

Lui, lei e una bella motoslitta, fornita persino di neve finta. La foto di fidanzamento invidiata da tutto il mondo:

39996450

 

“Dove la sistemiamo la bambina vestita da carnevale di Rio?” “Accanto al bidone della monnezza, ci sta una crema.”

174899987

 

Faccia da pervertito spaziale, tuta da pervertito spaziale, indispensabile triangolo che emette suoni in grado di riportarlo sul pianeta dal quale è venuto:

593962424

 

La bambina al primo saggio di danza, usata come porta asciugamani. Fa sempre piacere.

693349255

 

Vorrei trovare un senso a questa foto, ma anche questa foto, un senso non ce l’ha.

766544050

 

“Evviva! Il mio migliore amico è un brezel gigante!”

796382738

 

“Evviva! La mia migliore amica è un manufatto antropomorfo visibilmente tirato via!”

923800904

 

La posa da contorsionista era più che sufficiente, ma il succo all’albicocca cambia la prospettiva sulle cose.

968112172

 

Questi un po’ li capisco, che soddisfazione portare in casa il primo computer e iniziare la Royal Rumble su chi l’avrebbe usato per primo…

1140019751

 

IDOLO, l’avrei fatto anch’io.

1490888849

 

Si notino: mazzi di soldi falsi disposti tipo le carte, pistole false, buontempone che mostra la gambetta. Oppure: soldi del narcotraffico, armi pericolosissime e spietato killer che mostra l’arto artificiale:

1750319776

 

 

Collega del tipo di prima, mediante il suono dei piattini, ritorna da dove è venuto:

1779313972

 

Un fan dei Piccoli Brividi sarà sempre un mio fratello.

1791162581

 

Dio, quanta tenerezza, la foto abbracciato all’aspirapolvere <3

1832412478

 

Altro collega dei tipi fantascientifici, ma con la faccia di chi ha visto anche le donne nude:

1931973206

 

Lui, lei ed il loro amato scheletro di ratto gigante. 

1959689930

 

A pescare nel mondo fatato dei dolci e delle caramelle gommose:

1991482286

 

Anche le rockstar hanno iniziato così:

2294428479

 

La famiglia sportiva, a parte la mamma che, emarginata, fa le parole crociate:

2325963542

 

Quando fece outing, nessuno rimase colpito:

2436731744

 

Il più figo di tutti:

2469723291

 

Un giocattolo affatto pericoloso da regalare a tuo figlio:

2486186651

 

Quando vinse la coppa per la combo “peggior acne unita all’apparecchio più vistoso”, la sua vita cambiò radicalmente.

2961116413

 

Dalle facce, sembrano entrambi soddisfatti della perversione appena avvenuta:

3006541211

 

Uccello tropicale, tazzina di cianuro, libri sulla supremazia degli Stati Uniti, bandiera americana, tastiera del computer. E poi lui:

3405146213

 

“Grazie a questa tastiera ho limonato la prima volta.”

3453913778

 

Comoda.

3468728585

 

Il vento sta portando via il suo ombrello, ma a lui che importa? Ha già vinto il premio come bambino con la peggior lordosi:

3730092785

 

“Non è possibile sia stato lui, salutava sempre.”

4084212825

 

Ah, la foto ricordo prima dell’impiccagione.

4190009416

 

Questo ha portato gli 80s nei 10s, mostrandosi entusiasta di fronte ad uno smartphone di quelli a sconto da Expert a 89€:

4251048393

 

Lui spegne ogni genere di entusiasmo nei suoi confronti:

4278136298

 

Pettinatura Avalon, abbraccio alla tv che trasmette Arnold, recante soprammobile di badante dentro la plastica. Combo devastante.

580385_4643924425614_1899422611_n

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >