Society
di Simone Stefanini 13 Luglio 2017

Ho più di 40 anni ma non ditemi che sono troppo vecchio per fare serata

Uno studio dice che passati i 37 anni siamo troppo vecchi per fare serata, ma non è proprio così.

 digitaldjtips

 

È uscito un articolo rilanciato da ogni webzine del mondo, in cui viene svelata una cruda e triste verità: secondo il Currys PC World, se hai 37 anni sei troppo vecchio per andare in giro a ballare nei club, vedere un concerto o socializzare in mezzo a un torrente di cocktail.

La ricerca scientifica (una serie di interviste) ha dichiarato che già a 31 anni, i ragazzi iniziano a passare le serate in casa: il 14% ama guardare i profili delle altre persone su Facebook, il 37% sta comunque appresso ai social media. Tutti gli altri, indistintamente, svengono sul divano davanti alle maratone di serie tv.  C’è anche un 29% che non ce la fa a sopportare l’hangover del giorno dopo, e lasciatemi dire che solidarizzo solo con questi fratelli e sorelle.

 

 

Sono un rappresentante della categoria over 40 e secondo queste impietose sentenze, durante il weekend dovrei state attaccato a una macchina per la ginnastica passiva mentre guardo le repliche delle interviste del povero Paolo Limiti alle cantanti centoduenni. La realtà è sensibilmente diversa.

Esco e vado in giro per locali, concerti, eventi eccetera proprio perché durante la settimana lavoro, ho una vita sentimentale e non ho bisogno di vestirmi a festa per fare colpo. Esco perché mi piace scendere dal piedistallo del facile brontolare “ai miei tempi”, iniziando a tirare fuori centomila luoghi comuni sugli ’80-’90 e, se riesco, confrontarmi con chi ha una vita diversa dalla mia. Esco perché, tolte quelle 7-8 serie tv assolutamente imperdibili, tutto il resto è noia, una colossale perdita di tempo plasmata sui bisogni di chi non ha più voglia di uscire.

Quando esco, faccio tutto quello che farebbe un giovane senza esserlo più, quindi con un rinnovato senso del limite che mi fa smettere di bere un minuto prima e non un minuto dopo la perdita della dignità e il conseguente raggiungimento del patetismo (questo è ciò che mi piace pensare, perlomeno).

 

 

Ecco, se proprio devo fare un appunto, sorpassati i 40 la capacità di ripiglio il mattino dopo aver fatto serata è minimo dimezzata rispetto alla beata gioventù. Vive della proporzione 1 a 2: a una serata alcolica passata a ballare e far tardi, ne consegue un’intera giornata a trangugiare Aulin e Polase, a lamentare dolori in stile avente diritto delle cure palliative, a succhiare brodino con la cannuccia e ad assopirsi alle 21.30. Se per puro caso andassi a un festival con campeggio della durata di tre giorni, passerebbero sei giorni di depurazione totale, di tisane al finocchio, yoga, docce emozionali e best of di Banana Yoshimoto.

Detto questo esco lo stesso perché, e ora vi toccherete, sorpassati i 40 mi ronza in testa quella poco simpatica consapevolezza di aver già superato la metà del percorso e di avere meno tempo da perdere. Allora le soluzioni sono due: ascoltare in loop Noi non ci saremo e altri classici della jella di Guccini-Nomadi oppure fregarmene delle ricerche scientifiche e muovere il culo, che c’è ancora un bel po’ di tempo prima che diventi troppo pesante per dover essere sollevato con la gru.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >