Society
di Raffaele Portofino 2 Febbraio 2015

Il presidente Sergio Mattarella è rettiliano? Ecco le prove.

Un sito non proprio attendibile ci dimostra con le prove (e che prove) che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sia indubbiamente un rettiliano.

[WARNING: QUESTO ARTICOLO CONTIENE IRONIA]

Andiamo per ordine: cos’è un rettiliano? Attenendoci a quel cervellone che si vanta di essere Wikipedia, “Gli uomini rettile o uomini serpente sono creature leggendarie menzionate nella mitologia e nel folclore di varie culture, aventi fattezze di rettile umanoide. In epoca contemporanea sono anche presenti nella fantascienza, nell’ufologia e nelle teorie del complotto, che per descriverli usano anche i termini di rettiloiderettilianoumanoide rettilianodinosauroidesaurianouomo lucertolaHomo saurus e popolo lucertola.”

Una cosa tipo i Visitors (serie tv americana del 1984), lucertoloni a sangue freddo, più intelligenti e potenti degli uomini, che vivono sulla terra mimetizzato da esseri umani, per prenderne il controllo e dominarla. Un plot cinematografico sfruttato fino all’osso, eppure, tra i complottasti di quelli arciconvinti, c’è pure chi crede a questa teoria. I potenti sono tutti rettiliani e si eleggono tra di loro per conquistare il mondo. Obama, Renzi, la Merkel, tutti Visitors. Quindi, secondo loro, logicamente, anche il neo Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

mattareptile

 

Esiste un sito chiamato chiaveorgonica.altervista.org, che ospita le più strampalate teorie aliene, supportate dall’autorevole esperienza di Peppe Pluton, contattista sardo, uno che si presenta così: “Amore e pace fratelli umani, sono Peppe Pluton, discendente della stirpe di Davide e intercessore dei pleiadiani.” FONTE | chiaveorgonica.altervista.org e che già aveva redatto, sempre per lo stesso sito, la Guida al riconoscimento di un rettiliano, di cui vi citiamo volentieri alcune parti:

“Ad un occhio non abituato i rettiliani appaiono in tutto e per tutto come dei normali esseri umani, grazie alla loro tecnologia e ai loro poteri mentali, tramite i quali sfruttano il nostro limitatore, è molto semplice per loro mimetizzarsi. Basta però aprire la nostra mente alla possibilità che esistano (a quanto pare per via del limitatore qualcuno non ne ha la capacità) per spezzare l’incantesimo, notando così i piccoli particolari che contraddistinguono i draconiani. Il dettaglio più inconfutabile e senz’altro la membrana x, che copre i loro occhi mascherandoli da occhi umani. Tale membrana copre quasi tutto l’occhio, ad eccezion fatta della parte centrale nera, che è ben visibile quando assume la forma di X, V o Y, dovuta al movimento della membrana. […] Degne di nota sono le abitudini sessuali dei rettiliani, tramite le quali sono facilmente riconoscibili. A questo proposito dobbiamo ringraziare l’enorme contributo di Peppe Pluton, che da ragazzo ha subito violenze dal rettiliano conosciuto come Solange in vacanza in Sardegna. I rettiliani non provano desiderio sessuale nei confronti degli umani, non sono infatti in grado di procreare con loro, bensì provano un innato piacere nel sodomizzarli e sottometterli. ” [fonte]

Benché piuttosto scossi dall’orribile esperienza di Peppe, andiamo a capire perché Sergio Mattarella  sarebbe un rettiliano, secondo le teorie di chiaveorgonica.altervista.,org: FONTE | chiaveorgonica.altervista.org

Gli occhi dell’ex DC hanno la terza palpebra, la membrana X. Ci tengono a dire che di persona è difficile notare questo dettaglio per via (e di cosa sennò?) delle interferenze mentali, ma in foto si sgama facile:

Schermata 2015-02-02 alle 11.04.59

 

“Se osserviamo bene altre fotografie potremo facilmente notate che nonostante il nostro neo presidente abbia occhi chiari essi appaiono scuri, soprattutto se fotografati dietro ai suoi occhiali (che potrebbero essere un dispositivo di cammuffamento). Come già detto in precedenza, il vero colore delle orbite rettiliane è nero.”

occhi2

 

“Altro segnale che fa scattare il campanello di allarme è la forma dei denti e della bocca. Come ben saprete i rettili, a differenza di noi mammiferi, non presentano diversificazione nei denti (niente incisivi, canini o molari) ma sono tutti di forma più o meno uguale e conica. Infatti i rettili non masticano, ma ingoiano il cibo intero.”

denti-225x300

 

Dunque pensavate che l’elezione del nuovo Presidente fosse solo un’abile mossa politica? Non c’avete capito proprio nulla. Mattarella conquisterà il mondo attraverso i suoi poteri di persuasione e di controllo mentale e, già che c’è, ingerirà parecchio cibo crudo, che dice faccia anche bene alla salute. Il tutto, perché indossa gli occhiali e non ha i denti perfetti come la dentiera di George Clooney. Confutare le tesi dell’esperto Peppe Pluton sembra talmente difficile che non ci proviamo nemmeno, consci del fatto che, nel 2015, sappiate benissimo distinguere un umano da un rettiliano e che non abbiate davvero bisogno dei nostri avvertimenti.

Ricordatevi solo una cosa: se Sergio Mattarella vi inviterà mai a cena, non andate, la pietanza principale potreste essere voi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >