Society
di Simone Stefanini 21 Settembre 2015

La ridicola propaganda anti marijuana degli anni ’30

Film, libri e poster anti marijuana in cui si vedono assurdità di ogni tipo, dalle siringhe alla follia.

Marijuana 1930 Bruceianblock - Locandina del film “Marijuana, l’erbaccia diabolica” di Twain Esper, 1936

 

Negli anni ’30, la marijuana in America era associata al diavolo, alla discesa negli inferi, all’horror in generale. Un celebre film del tempo, “Marihuana, the devil’s weed”, arrivato in Italia col titolo “Marijuana, l’erbaccia diabolica”, già spiegava molto della strana associazione. Diretto da Dwain Esper e scritto dalla moglie, era un exploitation movie, genere che andava forte in quegli anni, tutto sesso e violenza, senza grossa cura per la parte estetica e spesso con un messaggio da veicolare. Tipo, in questo caso, l’erba fa male. Nella pellicola, Burma è una ragazza che, dopo aver fumato, si ritrova in una serie di guai che nemmeno ad andarseli a cercare la notte. Gli slogan parlavano chiaro: l’erba con le radici all’inferno, vergogna, orrore e disperazione.

Ma perché tanto accanimento? La marijuana veniva usata dal 7000 Avanti Cristo ed era riconosciuta come erba medicinale e antidolorifico da Egizi, Cinesi, Greci e Romani, anche se nei libri di storia o nei film in costume difficilmente si vede un Centurione farsi un cannone dopo un crampo.

Come l’oppio e l’eroina, le origini della marijuana sono in Asia, da dove è stata poi esportata in tutto il mondo, diffondendosi negli Stati Uniti durante il proibizionismo, quando non c’era modo di bere un goccio d’alcol e la voglia di riunirsi segretamente, ballare e andare fuori di testa era ai massimi livelli.

Se si era arrivati a proibire l’alcol, immaginate quale potesse essere la preoccupazione dell’F.B.I. per la marijuana: Harry J. Ansliger, ispettore del Bureau of Prohibition, fece creare manifesti, libri e film talmente estremi e spaventosi, nella sua mente, da impaurire i giovani e farli desistere dal divertirsi.  Tipo questo qua sotto, in cui si parla di marijuana ma si mostra una siringa impugnata da un gentiluomo baffuto che guarda lascivo una signorina pronta a sciogliersi  tra le sue braccia, dopo il trattamento. L’importante era impaurire suggerendo situazioni estreme, anche se poco verosimili.

Marijuana 1930 Deathandtaxmag - L’erba con le radici all’inferno.

 

Qui sotto, addirittura, una donna che fuma marijuana seduce il diavolo in persona, colorato di verde, giusto per restare in tema. Peccato, degrado, vizio, follia. Tutto per una canna. Il racket del vizio sta mettendo le mani sui tuoi figli. Gli anni 30 non sono mai stati così terrorizzati.

marijuana 1930  Il raccolto del diavolo.

 

Nel 1936 uscì un film di propaganda anti marijuana, intitolato “Refeer Madness” (oppure “Tell your Children”, oppure “The Burning Question, oppure “Love Madness”). Attori sconosciuti mostravano ciò che succede quando uno studente liceale prova l’erba: un incidente in macchina, un omicidio, uno stupro, poi chiaramente un mare di allucinazioni ed una discesa inesorabile verso gli abissi della pazzia. Tutto, ripetiamo, per una canna. Ok.

Marijuana 1930

 

Anche per il film qui sotto film fu utilizzato il tanto amato diavolo verde. Della propaganda non si butta via niente.

marijuana poster  Sobadsogood - Guarda cosa accade veramente ai giovani!

 

Un altro film, stavolta del 1937, narra le vicende di un giornalista che sgomina una gang di spacciatori. Il titolo, decisamente apocalittico, è “Marihuana, Assassin of Youth”.

Marijuana 1930 Sobadsogood - L’assassina della gioventù.

 

Di quegli anni è anche il libro “Marijuana Girl” di N. R. De Mexico, che parla di Joyce Taylor, una liceale che viene espulsa da scuola, va nella grande città e inizia a fumare come una turca, chiaramente diventando una ragazza facile. Evidentemente negli anni ’30 fumare l’erba cambiava il carattere.

Marijuana 1930 Sobadsogood - La verità senza censure.

 

Sotto, la storia di Lila Leeds, che va esattamente come le altre: quando fumi, ti succedono cose brutte di tutti i tipi. Lo so, vi sembra impossibile, perché siete abituati a sentir parlare di marijuana (di certo non per esperienza diretta, intendiamoci), come di un’erba dalla capacità rilassante, con cui ridi per nulla e poi ti viene una fame incredibile e vorresti andare a far colazione alle 4.20 del mattino con 5 pezzi dolci e 6 salati, ma poi ti ricordi che hai gli occhi gonfi come se ti avessero pestato i bulli e allora eviti e ti addormenti vestito.

Marijuana 1930 Sobadsogood - Ascolta la verità dalla ragazza che ne sa.

 

E invece ti hanno sempre detto una falsità. Nessuna risata, nessuna fame chimica, solo una gran voglia di meretricio e di uccisioni, delle gran paranoie dalle quali non si esce nemmeno dopo il suicidio. La marijuana fa male, malissimo.

Marijuana 1930 Sobadsogood - Una ragazza facile e cattiva che fuma marijuana.

 

Stiamo scherzando chiaramente. Oggi, con la legalizzazione delle droghe leggere in Colorado, sono diminuiti i reati e sono diminuite le tasse, quindi tirando le somme, la scommessa dei 218 parlamentari si è rivelata un buon affare. [fonte]

Un dato che senz’altro fa riflettere e ci fa guardare alla propaganda qua sopra con un sorriso amarissimo.

FONTE |  sobadsogood.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >