Society
di Simone Stefanini 21 Settembre 2015

La ridicola propaganda anti marijuana degli anni ’30

Film, libri e poster anti marijuana in cui si vedono assurdità di ogni tipo, dalle siringhe alla follia.

Marijuana 1930 Bruceianblock - Locandina del film “Marijuana, l’erbaccia diabolica” di Twain Esper, 1936

 

Negli anni ’30, la marijuana in America era associata al diavolo, alla discesa negli inferi, all’horror in generale. Un celebre film del tempo, “Marihuana, the devil’s weed”, arrivato in Italia col titolo “Marijuana, l’erbaccia diabolica”, già spiegava molto della strana associazione. Diretto da Dwain Esper e scritto dalla moglie, era un exploitation movie, genere che andava forte in quegli anni, tutto sesso e violenza, senza grossa cura per la parte estetica e spesso con un messaggio da veicolare. Tipo, in questo caso, l’erba fa male. Nella pellicola, Burma è una ragazza che, dopo aver fumato, si ritrova in una serie di guai che nemmeno ad andarseli a cercare la notte. Gli slogan parlavano chiaro: l’erba con le radici all’inferno, vergogna, orrore e disperazione.

Ma perché tanto accanimento? La marijuana veniva usata dal 7000 Avanti Cristo ed era riconosciuta come erba medicinale e antidolorifico da Egizi, Cinesi, Greci e Romani, anche se nei libri di storia o nei film in costume difficilmente si vede un Centurione farsi un cannone dopo un crampo.

Come l’oppio e l’eroina, le origini della marijuana sono in Asia, da dove è stata poi esportata in tutto il mondo, diffondendosi negli Stati Uniti durante il proibizionismo, quando non c’era modo di bere un goccio d’alcol e la voglia di riunirsi segretamente, ballare e andare fuori di testa era ai massimi livelli.

Se si era arrivati a proibire l’alcol, immaginate quale potesse essere la preoccupazione dell’F.B.I. per la marijuana: Harry J. Ansliger, ispettore del Bureau of Prohibition, fece creare manifesti, libri e film talmente estremi e spaventosi, nella sua mente, da impaurire i giovani e farli desistere dal divertirsi.  Tipo questo qua sotto, in cui si parla di marijuana ma si mostra una siringa impugnata da un gentiluomo baffuto che guarda lascivo una signorina pronta a sciogliersi  tra le sue braccia, dopo il trattamento. L’importante era impaurire suggerendo situazioni estreme, anche se poco verosimili.

Marijuana 1930 Deathandtaxmag - L’erba con le radici all’inferno.

 

Qui sotto, addirittura, una donna che fuma marijuana seduce il diavolo in persona, colorato di verde, giusto per restare in tema. Peccato, degrado, vizio, follia. Tutto per una canna. Il racket del vizio sta mettendo le mani sui tuoi figli. Gli anni 30 non sono mai stati così terrorizzati.

marijuana 1930  Il raccolto del diavolo.

 

Nel 1936 uscì un film di propaganda anti marijuana, intitolato “Refeer Madness” (oppure “Tell your Children”, oppure “The Burning Question, oppure “Love Madness”). Attori sconosciuti mostravano ciò che succede quando uno studente liceale prova l’erba: un incidente in macchina, un omicidio, uno stupro, poi chiaramente un mare di allucinazioni ed una discesa inesorabile verso gli abissi della pazzia. Tutto, ripetiamo, per una canna. Ok.

Marijuana 1930

 

Anche per il film qui sotto film fu utilizzato il tanto amato diavolo verde. Della propaganda non si butta via niente.

marijuana poster  Sobadsogood - Guarda cosa accade veramente ai giovani!

 

Un altro film, stavolta del 1937, narra le vicende di un giornalista che sgomina una gang di spacciatori. Il titolo, decisamente apocalittico, è “Marihuana, Assassin of Youth”.

Marijuana 1930 Sobadsogood - L’assassina della gioventù.

 

Di quegli anni è anche il libro “Marijuana Girl” di N. R. De Mexico, che parla di Joyce Taylor, una liceale che viene espulsa da scuola, va nella grande città e inizia a fumare come una turca, chiaramente diventando una ragazza facile. Evidentemente negli anni ’30 fumare l’erba cambiava il carattere.

Marijuana 1930 Sobadsogood - La verità senza censure.

 

Sotto, la storia di Lila Leeds, che va esattamente come le altre: quando fumi, ti succedono cose brutte di tutti i tipi. Lo so, vi sembra impossibile, perché siete abituati a sentir parlare di marijuana (di certo non per esperienza diretta, intendiamoci), come di un’erba dalla capacità rilassante, con cui ridi per nulla e poi ti viene una fame incredibile e vorresti andare a far colazione alle 4.20 del mattino con 5 pezzi dolci e 6 salati, ma poi ti ricordi che hai gli occhi gonfi come se ti avessero pestato i bulli e allora eviti e ti addormenti vestito.

Marijuana 1930 Sobadsogood - Ascolta la verità dalla ragazza che ne sa.

 

E invece ti hanno sempre detto una falsità. Nessuna risata, nessuna fame chimica, solo una gran voglia di meretricio e di uccisioni, delle gran paranoie dalle quali non si esce nemmeno dopo il suicidio. La marijuana fa male, malissimo.

Marijuana 1930 Sobadsogood - Una ragazza facile e cattiva che fuma marijuana.

 

Stiamo scherzando chiaramente. Oggi, con la legalizzazione delle droghe leggere in Colorado, sono diminuiti i reati e sono diminuite le tasse, quindi tirando le somme, la scommessa dei 218 parlamentari si è rivelata un buon affare. [fonte]

Un dato che senz’altro fa riflettere e ci fa guardare alla propaganda qua sopra con un sorriso amarissimo.

FONTE |  sobadsogood.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >