Society
di Simone Stefanini 27 Marzo 2018

Quando ci riprenderemo dall’ora legale?

Ci sono quelli che dal sole si sentono ricaricati e poi tutti gli altri, che vivono i giorni a ridosso del cambio dell’ora come vampiri

 

Lo scorso weekend ci siamo stupiti di come sia facile manipolare il tempo se ci crediamo tutti insieme: erano le 2 di notte, qualcuno era già a dormire, altri fuori a fare la bella vita quando di colpo ci siamo ritrovati tutti proiettati nel futuro. Di appena un’ora, certo, ma tanto basta per impazzire.

È l’ora legale, quella che quando entra in vigore ci fa instupidire per almeno una settimana, abituati com’eravamo al buio dopo le 17. Complice la bella stagione, arrivata in fretta e furia come un ospite che ha perso il treno dopo che i cicli di Burian ci hanno portato temperature polari e tempesta, quest’anno il jet lag da ora legale si fa sentire.

 

 

Ci siamo fatti molto spesso una domanda di quelle da persone umili: perché cambia l’ora? Una volta che ci troviamo bene con il sole in tarda serata, perché doversi riabituare al buio pesto nel pomeriggio e viceversa? Facile: per esigenze lavorative e di consumo. L’ora solare, quella che abbiamo lasciato lo scorso weekend, sfrutta la luce mattutina dell’inverno mentre quella legale, in cui sguazziamo ora, quella estiva della sera.

Tecnicamente è una gran cosa: mettiamo lavoriate dalle 8-9 alle 17-18, orario d’ufficio: grazie al sole fino a tardi, potrete sentirvi attivi dopo il lavoro per tutta una serie di godimenti che vanno dallo sport per rientrare nel costume all’aperitivo vista mare (almeno nella fantasia).

 

 

Il guaio è che quella maledetta ora di sonno che perdiamo durante lo Stargate istituzionale, la recuperiamo dopo giorni e a ridosso del cambio dell’ora siamo zombie instupiditi che odiano la luce e vagano alla ricerca delle tenebre, fatti di antistaminico contro le allergie e di Autan, fino al giorno in cui diventa legale anche nella nostra testa questo cambio repentino di vita.

Cosa fare per evitare il jet lag da cambio dell’ora? Abbiamo letto un articolo su Il Messaggero in cui un esperto risponde ai quesiti riguardanti l’ora legale con consigli di buon senso, purtroppo tutti cinicamente confutabili.

 

 

Dovremmo essere arrivati preparati al cambio dell’ora ma quindi lo scorso weekend avremmo dovuto prendere uno Xanax per andare a letto alle 23? Era pure una bella serata, dai che una bevuta in più ci stava.

Dovremmo fare attività fisica, ma finché non ci siamo ripresi siamo poco più che baccelli ciondolanti e almeno per la prima settimana, dobbiamo concentrarci anche solo per evitare di attraversare la strada col rosso.

 

 

Dovremmo mangiare meno ma non dormiamo granché la notte a causa dei ritmi sballati e l’eccesso di cibo diventa l’unica fonte di energia interessante.

Dovremmo svegliarci presto al mattino ma tornando al discorso di non dormire la notte, insomma, ci stai prendendo in giro?

Che fare dunque? Semplice: provare a dormire quando capita finché non ci sentiamo di nuovo pieni di energia per seguire i consigli dell’esperto e goderci l’estate, oppure stare rintanati nei loculi aspettando di tornare all’ora solare.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >