TV e Cinema
di Eva Cabras 27 Marzo 2018

La decisione del Festival di Cannes di bandire dai concorsi i film Netflix è un errore

 wikimedia commons

 

Il mondo dell’audiovisivo sta cambiando velocemente, ma non tutto ciò che gravita intorno all’audiovisivo sta mantenendo lo stesso ritmo. Mentre il concetto di cinema si trasforma ripensando la propria distribuzione, il Festival di Cannes fa la voce grossa e detta le regole scegliendo la tradizione. A Cannes 2018 non potranno partecipare in concorso i film prodotti da Netflix. Potranno essere proiettati, ma per loro è esclusa la possibilità del premio. Giusto per farci capire l’andazzo, sul red carpet della kermesse sono banditi anche i selfie, accusati di degradare uno dei momenti più sacri della manifestazione.

Il radicalizzarsi delle posizioni a Cannes è perfettamente in linea con l’atteggiamento tenuto negli anni scorsi. Al direttore artistico Thierry Fremaux si spezzava il cuore ogni volta che vedeva una star sul tappeto rosso mentre si sparava un selfie e infatti ne sconsigliava caldamente la pratica, senza ricevere particolare considerazione. Anche la questione Netflix era già stata trattata con cautela. L’anno scorso c’erano in concorso al Festival ben due film prodotti dal colosso dello streaming: Okja di Bong Joon-ho e The Meyerowitz Stories di Noah Baumbach. La loro presenza in cartellone era stata un segno di apertura, apparentemente, ma sotto sotto Fremaux sperava che per partecipare in concorso Netflix fosse disposto a far distribuire i due titoli anche nelle sale cinematografiche francesi, cosa che non è accaduta.

All’Hollywood Reporter il Direttore ha detto che “Netflix vorrebbe essere presente con altri film, ma capirà che l’intransigenza della sua politica è l’opposto della nostra”. Detta così sembra un po’ che la parte dell’intransigente tocchi tutta quanta a Netflix, ma in realtà la medesima cosa si potrebbe dire del Festival di Cannes e della sua politica sala-centrica. A sostenere la politica del nuovo Cannes c’era già stato Pedro Almodóvar, presidente della giuria della scorsa edizione, affiancato dalle più recenti dichiarazioni di Steven Spielberg, secondo cui i film prodotti per il passaggio in tv non dovrebbero poter ricevere Premi Oscar.

 

 

Probabilmente, da due autori della vecchia scuola come Almodóvar e Spielberg potevamo aspettarci posizioni del genere. Meno scontato era l’irrigidirsi delle politiche del Festival di Cannes, che avrebbe potuto cogliere l’occasione per puntare più sulla qualità e meno sul formato. Nonostante tutto, a Netflix difficilmente verrà meno il sonno per l’affronto subito. La compagnia ha infatti già annunciato di aver in serbo qualcosa come 700 titoli originali, tra film, serie tv e documentari, da rilasciare nel corso del 2018, dopo un investimento di 8 miliardi di dollari. La diffidenza da parte dei circuiti festivalieri classici è certamente qualcosa che era già stata messa in conto e non sorprende più di tanto che Netflix sia concentrato soprattutto sulle produzioni di genere, dal thriller al film in costume.

Gran parte dei film originali Netflix sono infatti raramente materia da festival. Nel 2017 oltre ai due partecipanti a Cannes uscirono il mistico La Scoperta, l’adattamento di Death Note, il fantascientifico Bright e ben due trasposizioni da Stephen King, Il Gioco di Gerald e 1922. Ma pensiamo soltanto ai primi titoli originali usciti nei primi mesi del 2018: The Open House (thriller), Mute (fanta-thriller), Game Over, Man (commedia) e The Ritual (horror). Nei prossimi mesi la situazione rimane similare, con in arrivo quattro titoli tra thriller e post-apocalittico, due commedie e un film in costume.

L’oltranzismo sbandierato da Cannes in nome della purezza del cinema in sala rischia di farne, ancora di più, un’isola inavvicinabile e, francamente, pretenziosa che si allontana dalla fruizione quotidiana del cinema stesso. La salvaguardia della visione sul grande schermo è sacrosanta, ma privarsi a prescindere di determinate opere solo perché arrivano da un sistema produttivo e distributivo diverso potrebbe non essere una soluzione lungimirante. Semplicemente, Cannes fa la figura del vecchio reazionario.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >