TV e Cinema
di Eva Cabras 3 Ottobre 2017

Il gioco di Gerald, il matrimonio perfetto tra Netflix e Stephen King

Una storia claustrofobica che si svolge tutta nella camera da letto in cui è ammanettata una donna

Mentre in Italia stiamo ancora aspettando di vedere It, il film di Andres Muschietti basato sul capolavoro di Stephen King, arriva in sordina su Netflix un altro adattamento del multiverso di SK: Il gioco di Gerald. Dopo le cocenti delusioni avute con la serie tv The Mist e con il lungometraggio La Torre Nera, la versione filmica del libro datato 1992 costituisce una botta di vita niente male. Ottimi attori, ottimo script, ottima gestione della tensione, il tutto tenuto insieme dalla regia di Mike Flanagan. Se King sostiene di amarlo potete fidarvi, almeno stavolta.

Il film racconta della fuga romantica di Jesse e del marito Gerald, alla ricerca di un’intimità sessuale perduta. I due scelgono un cottage sul lago, appartato e silenzioso, ma sin dalle prime immagini, disseminate di strategici indizi, riusciamo a percepire che il romanticismo non avrà lunga vita. La coppia è alienata dall’impotenza di Gerald, curata a colpi di Viagra e, sorpresa, dalle fantasie di stupro che l’uomo ha in mente di concretizzare sulla moglie. Ammanettata al letto, Jesse si sente immediatamente a disagio e comincia a dissotterrare i segnali di un trauma sepolto nel passato. Quando Gerald sarà colto da un infarto, Jesse si ritroverà sola ad affrontare lo scorrere del tempo, la disidratazione e i mostri generati dalla sua mente sotto stress.

 

 

Il punto forte di Il gioco di Gerald sta proprio nel labirinto di proiezioni della mente che la protagonista creerà per non impazzire. Senso di colpa, istinto di sopravvivenza e paranoia prendono corpo, alternandosi in un mix tra sogni, allucinazioni e ricordi. Le interpretazioni di Carla Gugino e Bruce Greenwood mantengono la qualità della recitazione a livelli altissimi, aggiungendo valore a un thriller che gestisce la tensione in maniera eccellente. Non mancano momenti genuinamente ansiogeni con brevi attimi di paura, cortesemente concessi dal background horror di Flanagan, già regista di Oculus, Somnia, Il terrore del silenzio e Ouija – Le origini del male.

 

 

Come sta andando, quindi, la corsa all’adattamento kinghiano? Facciamo un riepilogo. Per il cinema abbiamo La Torre Nera (male malissimo), It (campione d’incassi record) e Il gioco di Gerald (benone), mentre per la tv abbiamo The Mist (abominio) e Mr. Mercedes (molto bene). In futuro su grande schermo ci aspettano il nuovo Children of the corn, 1922 e il secondo capitolo di It, più l’allettantissima serie Castle Rock, che promette di contenere tutto l’universo di SK. Poteva andarci peggio.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >