43 anni fa usciva Fantozzi, il capro espiatorio delle nostre frustrazioni

Fantozzi fa sempre ridere amaro ma oggi più che mai fa riflettere e ci mette di fronte ai nostri comportamenti peggiori

Il 27 marzo del 1975 usciva in tutta Italia il film Fantozzi, per la regia di Luciano Salce. È stato il capostipite della saga sul ragioniere più sfigato della nazione, tratta dai best seller di Paolo Villaggio Fantozzi e Il secondo tragico Fantozzi, scritti tra il 1971 e il 1974.

Per capire bene le vicende iperboliche, grottesche e tragicomiche del ragioniere piccolo borghese al massimo della sua assenza di gloria, dobbiamo capire i tempi, gli albori del boom economico in cui un impiegato, col duro lavoro poteva comprarsi casa, fare le vacanze al mare, fare carriera all’interno di un’azienda, crearsi una famiglia e puntare alla pensione. Un paradiso perduto.

 

 

La Megaditta nell’epica di Fantozzi ricopre il ruolo della religione, i cui santi laici sono i grandi capi e i superiori. La vita sociale, tolta quella con la famiglia, è spesa tutta nell’azienda: cene aziendali, viaggi aziendali, sport aziendali.

Fantozzi Rag. Ugo è l’ultimo degli ultimi e la prima volta che appare sullo schermo, interpretato magistralmente dal suo creatore Paolo Villaggio, è murato vivo nei vecchi gabinetti dell’azienda per 18 giorni senza che nessuno dei colleghi se ne accorga. Subisce sempre e non si ribella mai, parla sgrammaticato e non ha alcuna aspirazione. Ti viene voglia di prenderlo a sberle, come faresti con te stesso quando non reagisci alle avversità.

 

 

Fantozzi fa ridere amarissimo, perché si ride di lui, e al contempo si diventa cattivi. È il capro espiatorio di tutte le nostre frustrazioni quotidiane, del mobbing sul lavoro, della triste vita familiare e dei sogni mediocri, che comunque non riusciamo neanche ad avverare.

Pensate alla famiglia di Fantozzi, la moglie Pina e la figlia Mariangela, così brutte da diventare proverbiali e al suo sogno nascosto, quella signorina Silvani interpretata perfettamente da Anna Mazzamauro che non è certo Scarlett Johansson, eppure nella mente del rag. Ugo diventa bellissima ed angelicata nonostante nella realtà sia nettamente il contrario.

 

 

Anche i colleghi di Fantozzi sono caricaturali ma somigliano a quelli che si possono trovare negli uffici ancora oggi: dall’iperattivo Filini al fancazzista borioso Calboni, che bullizza Fantozzi in ogni modo ma riesce anche ad affascinarlo.

 

 

C’è tanto da imparare sul senso della vita, guardando Fantozzi a 43 anni dalla sua uscita. Se abbiamo un minimo sentore che le sue sfighe siano anche le nostre, occorre assolutamente cambiare strategia e attuare il piano B prima che sia troppo tardi.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >