43 anni fa usciva Fantozzi, il capro espiatorio delle nostre frustrazioni

Fantozzi fa sempre ridere amaro ma oggi più che mai fa riflettere e ci mette di fronte ai nostri comportamenti peggiori

Il 27 marzo del 1975 usciva in tutta Italia il film Fantozzi, per la regia di Luciano Salce. È stato il capostipite della saga sul ragioniere più sfigato della nazione, tratta dai best seller di Paolo Villaggio Fantozzi e Il secondo tragico Fantozzi, scritti tra il 1971 e il 1974.

Per capire bene le vicende iperboliche, grottesche e tragicomiche del ragioniere piccolo borghese al massimo della sua assenza di gloria, dobbiamo capire i tempi, gli albori del boom economico in cui un impiegato, col duro lavoro poteva comprarsi casa, fare le vacanze al mare, fare carriera all’interno di un’azienda, crearsi una famiglia e puntare alla pensione. Un paradiso perduto.

 

 

La Megaditta nell’epica di Fantozzi ricopre il ruolo della religione, i cui santi laici sono i grandi capi e i superiori. La vita sociale, tolta quella con la famiglia, è spesa tutta nell’azienda: cene aziendali, viaggi aziendali, sport aziendali.

Fantozzi Rag. Ugo è l’ultimo degli ultimi e la prima volta che appare sullo schermo, interpretato magistralmente dal suo creatore Paolo Villaggio, è murato vivo nei vecchi gabinetti dell’azienda per 18 giorni senza che nessuno dei colleghi se ne accorga. Subisce sempre e non si ribella mai, parla sgrammaticato e non ha alcuna aspirazione. Ti viene voglia di prenderlo a sberle, come faresti con te stesso quando non reagisci alle avversità.

 

 

Fantozzi fa ridere amarissimo, perché si ride di lui, e al contempo si diventa cattivi. È il capro espiatorio di tutte le nostre frustrazioni quotidiane, del mobbing sul lavoro, della triste vita familiare e dei sogni mediocri, che comunque non riusciamo neanche ad avverare.

Pensate alla famiglia di Fantozzi, la moglie Pina e la figlia Mariangela, così brutte da diventare proverbiali e al suo sogno nascosto, quella signorina Silvani interpretata perfettamente da Anna Mazzamauro che non è certo Scarlett Johansson, eppure nella mente del rag. Ugo diventa bellissima ed angelicata nonostante nella realtà sia nettamente il contrario.

 

 

Anche i colleghi di Fantozzi sono caricaturali ma somigliano a quelli che si possono trovare negli uffici ancora oggi: dall’iperattivo Filini al fancazzista borioso Calboni, che bullizza Fantozzi in ogni modo ma riesce anche ad affascinarlo.

 

 

C’è tanto da imparare sul senso della vita, guardando Fantozzi a 43 anni dalla sua uscita. Se abbiamo un minimo sentore che le sue sfighe siano anche le nostre, occorre assolutamente cambiare strategia e attuare il piano B prima che sia troppo tardi.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >