Society
di Simone Stefanini 6 Ottobre 2015

Buon compleanno alla radio italiana: 91 anni di RAI

Il 6 ottobre 1924 andava in onda la prima trasmissione, da allora quasi un secolo di radio ufficiali e libere

È il 6 ottobre 1924. La violinista Ines Vivian Donarelli si avvicina a un microfono e annuncia: “Uri, Unione Radiofonica Italiana. 1-RO: stazione di Roma. Lunghezza d’onda metri 425. A tutti coloro che sono in ascolto il nostro saluto e il nostro buonasera. Sono le ore 21 del 6 ottobre 1924. Trasmettiamo il concerto di inaugurazione della prima stazione radiofonica italiana, per il servizio delle radio audizioni circolari, il quartetto composto da Ines Viviani Donarelli, che vi sta parlando, Alberto Magalotti, Amedeo Fortunati e Alessandro Cicognani, eseguirà Haydn dal quartetto opera 7 primo e secondo tempo”

È l’inizio della prima trasmissione radiofonica in Italia, avvenuta esattamente 91 anni fa.

Inutile dire che i primi apparecchi radiofonici in realtà erano rivolti ad un pubblico benestante ed erano curati nei minimi particolari. A volte erano rivestiti di legno prezioso, ma i componenti interni e le valvole si guastavano di frequente. Restano comunque bellissimi esemplari da collezionare anche solo come mobiletto portatutto.

 

tumblr_nqtt0xNiEe1u6rygco1_1280 tumblr - Una installazione di radio vintage

 

Nel 1930 gli abbonati alla radio in Italia non raggiungevano quota 100.000. Una buona radio costava solo tre volte meno di una Fiat Balilla. Facendo un rapido calcolo, è come se oggi un apparecchio radio costasse 5000 euro. Dunque gli amici proletari compravano le radio a galena, che potevano ascoltare solo in cuffia. Anzi, se le costruivano, così riuscivano a non pagare gli abbonamenti. Italia, terra, di santi, di navigatori e di hacker.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, la radio trasmette propaganda fascista e notizie dal fronte, fino all’annuncio più atteso: un giovane Corrado (sì, quello che in seguito condurrà la Corrida e Il Pranzo è Servito) che proclama “La guerra è finita!”

 

 

Negli anni in cui la televisione ancora non trasmetteva oppure era davvero solo per pochi, la gente seguiva appassionanti sceneggiati alla radio.Quella qui sotto è la riproposizione televisiva di un radiodramma, cioè di un film alla radio, scritto negli anni ’50 da Friedrich Dürrenmatt, chiamato “Operazione Vega”. Fantascienza al potere, sperimentazione, cose che oggi andrebbero in onda su un oscuro canale satellitare. Ovviamente, il film lo si può anche solo ascoltare, come concepito originariamente.

 

 

E le canzonette?  Quelle che poi faranno la vera fortuna delle radio commerciali, dopo la Seconda Guerra Mondiale tengono incollate all’altoparlante le famiglie italiane, che fanno il tifo per Nilla Pizzi, la vincitrice del primo Festival di Sanremo (1951) con l’eterna melodia di “Grazie dei fiori”, che la farà diventare famosa in tutto il mondo prima e ospite decennale delle trasmissioni di Paolo Limiti poi.

 

Schermata 2015-10-06 alle 09.46.37 federicomariani - Nilla Pizzi in un’illustrazione di Federico Mariani

 

Ma la radio, anzi, la radiolina, vive anche di sport. La radiocronaca di Giri d’Italia soffertissimi o di partite della Nazionale di calcio che sono entrate nella storia. I nostri genitori e i nostri nonni le seguivano ovunque: al mare, in chiesa, a lavoro, mentre giocavano a carte. Per noi diretti discendenti degli anni ’80, le voci calcistiche per eccellenza restano quella bassa e roca di Sandro Ciotti e quella velocissima di Enrico Ameri nella mitica trasmissione “Tutto il calcio minuto per minuto”

 

 

Negli anni ’70 nascono le radio libere per portare avanti la controcultura, per parlare di politica in maniera autonoma e per mettere musica non commerciale. Famosa è la vicenda di Radio Alice, bolognese, sorta nella mitica via del Pratello e portavoce della “comunicazione liberata” che apriva il microfono a chiunque ed organizzava raduni e concerti, poi chiusa con un’rruzione dalla Polizia con l’accusa, poi risultata infondata, di aver diretto gli scontri all’indomani dell’uccisione dello studente Francesco Lorusso da parte dei Carabinieri. Qui sotto, un estratto dal documentario “Alice nel paese delle radio libere” del 1977

 

 

Anche Vasco Rossi è stato un pioniere delle radio libere, con la sua Punto Radio di Zocca, che inizia a trasmettere nel 1975. Lui faceva il dj, intervistava la gente per strada e li faceva parlare senza filtri. In quegli anni metteva i King Crimson e Bruce Springsteen ma anche i Sex Pistols, i Clash o Lou Reed, che ai tempi erano semisconosciuti in Italia.

 

VascoRossi rockstation - Un giovane Vasco Rossi nella sede di Punto Radio

 

Parlando di dj che poi hanno fatto la storia in televisione, tra la fine degli anni 70 e gli anni ’80 c’è il botto: Jocelyn, Red Ronnie e Claudio Cecchetto, che nel 1982 apre la mitica Radio Deejay, la radio commerciale più popolare d’Italia. Il primo dj a parlare da quelle frequenze è stato un magro Gerry Scotti. Poi, grazie anche al programma tv Deejay Television su Italia Uno, sono diventati famosi anche tutti gli altri, sia in voce che in video: Linus, Albertino, Kay Rush, Amadeus, Fiorello e Jovanotti.

 

3931 lo spettacolo - Linus, Claudio Cecchetto e Jovanotti negli anni ’80

 

Il resto è storia moderna: arriva MTV che lancia il pezzo Video killed the radio star” dei Buggles profetizzando la morte della radio e invece, paradossalmente, oggi è proprio MTV a dover cambiare target mentre la radio è dappertutto ed è di tutti, grazie alla possibilità di trasmettere in streaming a costo zero.

La radio come elettrodomestico è ormai diventato un oggetto iconico di modernariato. Guardate quelle qui sotto, non vorreste averle tutte?

 

Unbenannt-1 tumblr - Vorremmo averle tutte

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >