Society
di Simone Stefanini 19 Gennaio 2015

Secondo questo sito, Raffaella Carrà inneggia a Satana

In questi giorni, le bufale del web sono tornate prepotentemente di moda. Si parla di quei siti in cui una notizia è del tutto inventata, oppure riportata tendenziosamente, in modo da far sembrare la sostanza ben diversa dalla realtà. Di solito sono siti ospitati dall’hosting .altervista.org ed in molti utenti, sui social, condividono le false notizie. L’ultimo caso è quello riguardante l’onorevole Gasparri che su Twitter prende una bufala riguardante il rapimento di Greta e Vanessa per vera e ci fa una figuraccia colossale, oltre a diffondere una calunnia. Su come capire se una notizia sia attendibile oppure no, ne abbiamo parlato qui, quindi purtroppo dobbiamo supporre che l’onorevole non legga Dailybest. Peccato.

Di stampo simile e di altrettanta pericolosità, sono i siti religiosi. Ce n’è uno in particolare, www.lalucedimaria.it, che oltre alle varie news riguardanti il Papa, i Santi e il Vaticano, ogni tanto tira fuori delle perle di rara, subdola maestria umoristica. Che sia voluta o no, non è dato sapere, ma visto il tenore piuttosto austero del sito, è probabile che a quello che scrivono, ci credano davvero. Ecco il titolo:

[immagini e testo citato via]

Schermata 2015-01-19 alle 15.27.51

 

Boom. Il titolo non lascia possibilità di dubbio. La Raffa, la star bionda e un po’ naif, su Rai Uno avrebbe inneggiato a Satana. Concetto piuttosto interessante. Vediamo lo svolgimento:

“In questo video vi mostriamo la famosissima Raffaella Carra nell’altrettanto programma famoso molto in voga un po’ di anni fa “Carramba che fortuna”. Il programma esordisce con il balletto di Raffaella mentre canta una canzone totalmente dedicata al “principe di questo mondo”, intitolata satana. I riferimenti in questo caso sono totalmente espliciti con frasi del tipo ” satana portami all’inferno, fallo per amore, lascio tutto e vengo via con te”. Se solo pensiamo che questa esibizione, se così si può chiamare, (forse meglio inneggiamento al demonio) è stata eseguita sul primo canale nazionale di fronte a milioni di persone e bambini questo ce la dice lunga su come siamo messi e che siamo, o vorremmo essere per qualcuno, il frutto di una manipolazione di massa.
Cosa ne dite?”

Poi segue il video incriminato:

Un pezzaccio latino-americano nel quale la Raffa si è innamorata di un tipo con gli occhi blu, che l’ha stregata e dal quale si farebbe fare di ogni, che lei chiama affettuosamente “satana”. Il solito balletto con la mossa della Carrà e via. Questo per noi. Invece per l’articolista del sito si tratta addirittura di messaggi subliminali volti alla manipolazione di massa. Tutti satanisti, dopo aver visto la Carrà. Ma certo. Non contento, mostra in guisa di prova, uno screen preso chissà dove (non mi stupirei l’avesse fatto lui), in cui la Raffa ha gli occhi bianchi come nel film “Il villaggio dei dannati” e accanto al volto ha scritto SATANA in stile logo true black metal:

Schermata 2015-01-19 alle 15.36.40

Ora che avete tutti i dati in vostro possesso, che ne dite? Raffaella Carrà è la nuova Manson o possiamo procedere oltre?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >