Society
di Simone Stefanini 21 Marzo 2017

La tv di Stato che imita l’internet senza capirlo partorisce mostri

È stato chiuso Parliamone Sabato di Paola Perego, dopo la polemica sulla lista razzista e sessista

Ieri sui social si parlava solo della lista in sei punti sui motivi per scegliere una fidanzata dell’est, andata in onda a Parliamone sabato, condotto da Paola Perego su Rai Uno. Anche noi abbiamo detto la nostra in proposito.

Durante lo scandalo, della durata di un giorno come ogni scandalo web, i dirigenti Rai hanno messo una pezza, ognuno a modo suo: il Direttore Generale Antonio Campo Dall’Orto ha dichiarato “Gli errori si fanno, e le scuse sono doverose, ma non bastano. Occorre agire ed evolversi”, mentre la presidente Rai Monica Maggioni ha così commentato: “Non ho visto la puntata, lo sto scoprendo dai siti. Quello che vedo è una rappresentazione surreale dell’Italia del 2017: se poi questo tipo di rappresentazione viene fatta sul servizio pubblico è un errore folle, inaccettabile. Personalmente mi sento coinvolta in quanto donna, mi scuso”.

Bene, la soluzione in questi casi è telefonata: il programma chiude, chi ci lavora aggiorna il curriculum e l’agente di Paola Perego, Lucio Presta, che commenta così su Twitter:

 

 

Il grande errore del servizio pubblico è tentare di scimmiottare l’internet senza capirne le regole e questi sono i risultati. Gli autori che hanno preso una lista del noto e detestabile sito Oltreuomo, intitolata 20 motivi per farsi una ragazza dell’est, che l’hanno ripulita dalle sconcezze vietate ai minori e che l’hanno pubblicata in una schermata durante il sabato pomeriggio becero per famiglie di La vita in diretta, hanno dimenticato che il target di una lista del genere è ben diverso dal pubblico generalista della Rai.

La lista di Oltreuomo si nutre della cultura LOL, cioè di quel cinismo virale secondo cui sui social pare si possa ridere di tutto, dalla disgrazia ai temi politicamente scorretti, come quello preso in esame.

 oltreuomo

Quel tipo di attitudine  si è servita del linguaggio degli stand up comedian americani più caustici e lo ha fatto deragliare, cambiandone l’intento e sdoganando i troll, i cyberbulli e tutti quei comportamenti antisociali da tenere rigorosamente dietro la tastiera.

Benché sia decisamente opinabile, tale linguaggio ha trovato il suo naturale territorio vergine all’interno del mezzo internet, che sregolato com’è, diventa una sorta di Fight Club in cui la percezione degli utenti è “tutto quello che accade sul web rimane sul web”. Una percezione pericolosa che, come sappiamo, può portare a episodi di vero e proprio bullismo nella vita reale, come accaduto a Vigevano nelle scorse settimane.

In realtà, il linguaggio dei social, a tutti i livelli, dovrebbe essere capito e spiegato di più e meglio, anche dalla tv.

 

 

Con tutto il rispetto, Paola Perego è una professionista dell’intrattenimento televisivo classico, non è adatta a contestualizzare un linguaggio distante anni luce, come quello della cultura LOL, al pubblico del pomeriggio di Rai Uno.

Alcuni hanno parlato a sproposito di infotainment, cioè dell’informazione spettacolo che ha fatto la fortuna di siti come Buzzfeed, ma una lista di Oltreuomo e Buzzfeed non sono parenti neanche alla lontana, benché si servano degli stessi mezzi.

La più importante differenza, in questo caso, è l’offesa. Buzzfeed, che ha diffuso l’infotainment in tutto il mondo, fa anche veri reportage giornalistici e si attiene alla deontologia professionale, non pubblicando mai contenuti offensivi. Presta molta attenzione al sociale, prima ancora che al social. Nei sei punti della lista mandata in onda su RaiUno, la donna è trattata da schiava compiaciuta. Questo non dovrebbe avvenire in nessun modo, e nel caso si voglia parlare della lista di Oltreuomo, si dovrebbe fare spiegando storia e difetti della cultura LOL, che spesso partorisce mostri.

 

 vice

 

La televisione di Stato non dovrebbe cercare audience fingendosi l’internet o prendendo una lista trucida di un sito trash e facendola parlare a nome di milioni di italiani, senza dare al suo pubblico i mezzi per comprendere la complessità e la pericolosità di tale linguaggio e già che ci siamo, dovrebbe  prendere le distanze dal talk show della tv commerciale, che vive del dolore, della polemica gratuita e dei bassi instinti.

Dal momento che paghiamo il canone fin da quando abbiamo abitato la nostra prima casa da soli, ci sembra giusto pretendere dalla Rai anche una funzione didattica, aggiornata al 2017 se possibile.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >