Society
di Marco Villa 17 Novembre 2016

Quella sul referendum è la peggiore campagna elettorale di sempre

Asini, cani e tanta confusione

anteprima_casta_refere

Quella sul referendum costituzionale del 4 dicembre è la peggiore campagna elettorale italiana di sempre. Ci sentiamo di dirlo con una certa sicurezza, non tanto perché siamo dei super-esperti degli ultimi trent’anni di comunicazione politica del nostro paese, ma perché ci sembra francamente impossibile che in precedenza si sia scesi così in basso in quanto a qualità.

Partiamo da un presupposto: nessuno parla di quello che dovremmo andare a votare. È vero, il tema è molto tecnico e gli italiani sanno essere un popolo di 50 milioni di commissari tecnici di calcio, ma un po’ meno un popolo di 50 milioni di costituzionalisti. In più, da anni la discussione sui programmi è stata oscurata dallo scontro tra personaggi. L’insieme di queste distorsioni ha condotto a una campagna elettorale schizofrenica, interamente concentrata su un giudizio sul Presidente del Consiglio e su due narrazioni antitetiche delle conseguenze del voto.

Partiamo da Matteo Renzi, perché tutto in fondo nasce dalla sua scellerata idea di personalizzare il referendum, mettendo in gioco il proprio nome e il proprio governo e trasformando la consultazione in una sorta di referendum sul proprio operato. Renzi ha poi provato a ritrattare, ma ormai il danno era fatto e da lì in avanti è diventato impossibile invertire la rotta. Il passo successivo è stato infatti quello di dipingere due scenari completamente differenti in caso di vittoria del Sì o del No, con futuri paradisiaci o infernali a seconda del successo di uno schieramento o di un altro.

 

A testimonianza di questa follia, le relative campagne elettorali. Ad esempio uno spot del Comitato per il No, in cui un ragazzo chiede accoratamente ai genitori di votare No perché “io non ho un lavoro, lui (il padre, NdR) non ha i soldi per il cardiologo, lei (la madre, NdR) non sa quando andrà in pensione”. Tutte motivazioni che ovviamente non hanno il minimo legame con il quesito referendario e con la riforma della costituzione, ma che invece hanno molto a che vedere con la volontà di mandare un segnale contro il governo Renzi. Oltre a questo messaggio, nel video colpisce anche il tono eccessivamente teatrale della recitazione, ai limiti della parodia.

 

natale_con_la_casta Bastaunsi.it

 

Del resto riferimenti cinematografici non mancano anche nella campagna per il sì. Ad esempio questo post pubblicato sul sito Bastaunsi.it e intitolato Natale con la casta. Si riferisce a uno scenario legato a una vittoria del No e presenta un’immagine in bianco e nero in cui sono presenti facce dello schieramento per il No, genericamente indicati come casta: da Renato Brunetta a Massimo D’Alema, da Lamberto Dini a Pippo Civati. Il cortocircuito è doppio: da una parte chi è al governo indica l’opposizione come casta e già questo non è male come salto logico. Il capolavoro però arriva con la definizione “Natale con la casta”, che in realtà è una citazione di Boris – Il film, pellicola che nel 2011 portò al cinema i personaggi dell’omonima serie di Fox ambientata nel dietro le quinte della tv italiana. Ora: io sono un grandissimo fan di Boris, davvero entusiasta. Mi è piaciuto tutto di Boris, perfino il film, quello che non ha visto praticamente nessuno. Sì, perché fu un flop clamoroso al cinema, uno degli esempi più chiari dello scollamento tra hype online e paese reale. Tiro le somme: un partito accusato di essere lontano dal sentire del paese accusa l’opposizione di essere casta e per farlo cita un film che è l’emblema della distanza tra cultura elitaria e nazionalpopolare. Boooom. Inception è più lineare a confronto.

 

https://www.youtube.com/watch?v=E52q3PSTdyM

Ah, visto che stiamo parlando di Bastaunsi.it, non si può non citare l’epic fail più grosso di questa campagna elettorale, ovvero le milioni di lettere spedite dal PD agli elettore dall’estero, dove è stato indicato come sito di riferimento www.bastausi.it. Esatto, senza la N. Errore di battitura clamoroso non solo perché spedito a milioni di persone, ma anche perché alcuni sostenitori del No hanno registrato quel dominio errato e adesso reindirizza a un sito che invita appunto a opporsi al referendum.

 

m5s-manifesti-referendum-asino-1

 

La chiusura di questa breve panoramica è però dedicata al Movimento 5 Stelle e in particolare a due manifesti. Protagonisti sono due animali: un asino e un cane (ma anche un agnellino e un pesce rosso, in altri manifesti della campagna). Nel primo si chiede di votare no con il messaggio “Una riforma che ci resta sul groppone? #Iodicono”, nel secondo “Un popolo al guinzaglio? #Iodicono”. Il messaggio di fondo, ovviamente, è: “se vuoi evitare di essere trattato come un asino/cane vota No”, ma è evidente che quello che passa al primo sguardo è che “Io voto no” sia la frase pronunciata dal soggetto del manifesto. Ovvero: chi vota no è un asino o un cane al guinzaglio.

 

m5s-manifesti-referendum-asino-2

 

Il problema, ovviamente, non è solo tecnico, non è solo riferito alla qualità della comunicazione, ma anche alla qualità dell’informazione: gran parte dei siti e dei quotidiani sta realizzando articoli e video per spiegare nel merito il referendum, ma si tratta di contenuti che vengono sepolti da qualsiasi dichiarazione sopra le righe. Il risultato di tutto questo si trova nelle conversazioni in strada e nei bar, ascoltate per caso: “non ho capito, ma quindi se vince il No Renzi deve dimettersi e andarsene?”. Ecco, proprio così.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >