Society
di Simone Stefanini 9 Settembre 2015

Regina Elisabetta II, tutti i look impossibili di 63 anni di Regno

Oggi la Regina Elisabetta II d’Inghilterra batte ogni record di longevità sul trono. Questa è la sua storia attraverso i look più allucinanti.

071815160-c73f3119-db7b-46e4-917a-6f5f4cc0e3f1

 [© reuters]

Oggi Sua Maestà la regina Elisabetta II entra nella storia: è la monarca che ha governato più lungo nella storia inglese, per la bellezza di 63 anni. La regina supererà in questa classifica la regina Vittoria, sul trono per 63 anni, 7 mesi e due giorni a cavallo tra ‘800 e ‘900.

Nella foto sopra, possiamo osservarla mentre apre la valigetta di Pulp Fiction per depositarvi alcuni documenti segretissimi, ricette ed alchimie per l’immortalità. Eh no, in realtà la moglie del fine umorista Filippo di Edimburgo posa per i fotografi proprio per celebrare il suo record e la valigetta è quella usata per portarle documenti sensibili da leggere e controllare. Per portarsi avanti coi tempi e in barba alla scaramanzia, la foto è stata scattata nel luglio scorso.

In questa 60ina e passa di anni di regno, Elisabetta ne ha cambiati di look, rimanendo sempre fedele al suo stile sobrio ma multicolor, decorato da cappelli impossibili.

 

1953-xlarge

[© Getty Images]

La Regina Elisabetta viene incoronata nel 1953, con un abitino senza pretese, di quelli che si indossano per stare in casa, uno scettro totale di Sailor Moon e un SuperTele in oro massiccio in mano.

 

1954-xlarge

[© Getty Images]

Bellissima, ritratta nel 1954 durante una visita in Australia a fianco del Principe Filippo. Si noti il colore dell’abito regale: verde speranza che il compagno non faccia gaffe. La fece di lì a poco, chiedendo candidamente se da quelle parti si tirassero ancora le frecce. Che caro, il Principe Filippo.

 

1958-xlarge

[© Getty Images]

1958, la regina sorride indossando una bella sciarpetta in puro leopardo, che tiene tanto caldo coi primi freschi. Quella accanto è la Principessa Anna, che poi si è un po’ sciupata con la crescita.

 

1961-xlarge

[© Getty Images]

Ah gli anni 60, in giro per il Pakistan vestita di lastre d’oro e corona di piume di fenice.

 

1962-xlarge

[© Getty Images]

Ah, gli anni 60, a scansar nemici armati di arco e frecce, che inevitabilmente rimanevano impigliate nell’immancabile cappello…

 

1967-xlarge

[© Getty Images]

Posso tranquillamente giurarvi che la stessa cuffia la usa mia nonna per fare acquagym.

 

1974-xlarge
[© Getty Images]

Gli anni ’70 si aprono in modo sobrio. Qui la Regina sfoggia il prototipo del primo costume di Batman.

 

1977-xlarge

[© Getty Images]

1977, anno del punk. La regina si domanda cosa sia questo robo giallo che non si può incastonare sulla collana.

 

1979-xlarge

[© Getty Images]

La regina coi sultani, con lo sguardo tranquillo di chi non teme assolutamente l’appoggio.

 

1984-xlarge

[© Getty Images]

Con gli anni ’80 la Regina si tranquillizza e decide di non indossare colori che perforino le rètine.

 

1987-xlarge

[© Getty Images]

“Sì, ho capito che ci devo andare piano con Carlo, che non c’è abituato. Senti, ma cosa mi dici di quella Camilla?”

 

1991-xlarge

[© Getty Images]

A casa, riparata dagli occhi indiscreti, si veste come un incrocio tra una comparsa del Rocky Horror Picture Show e il Joker di Batman.

 

1993-xlarge-1

[© Getty Images]

Sempre attenta alle superstizioni, non se ne andrebbe mai vestita di viola in teatro. Qui ritratta negli anni 90, vestita di viola mentre si appresta ad entrare nel Dominion Theatre per la Royal Variety Performance. Per la gioia di tutta la compagnia.

 

1995-xlarge

[© Getty Images]

Scarpe e borsa argentata, mantello, corona in testa e via a bailar Enrique Iglesias nei dancing di tutta Londra.

 

1999-xlarge

[© Getty Images]

Con gli anni 2000 e la crisi alle porte, anche la Regina ha deciso di darci un taglio con gli sfarzi e mostrarsi più sobria ai suoi sudditi. Vestita da Arlecchino.

 

2012-xlarge

[© Getty Images]

Ed eccoci finalmente arrivati ai giorni nostri. La Regina, ormai anziana, viene usata come parabola dai sudditi che non prendono Sky.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >