Society
di Simone Stefanini 19 Novembre 2015

Le scarpe ufficiali di Star Wars esistono e sono davvero assurde

Dalle ballerine con Harrison Ford agli stivali con il pelo di Chewbacca, per i fan più integralisti

The Force Is Strong In These Epic Designer Shoes Irregular Choice

 

Se pensate di essere i fan più hardcore della saga di Star Wars, quelli che hanno tutti i memorabilia più strani, le spade laser originali con cui tagliate la torta di compleanno e gli Ewok che vi aiutano nelle faccende domestiche, allora non potete farvi scappare queste scarpe favolose.

Oddio, favolose è un aggettivone, sicuramente particolari e dedicate ai fan più eccentrici della saga delle saghe, che magari vorranno sfoggiarle in prima linea al cinema il 16 dicembre, per assistere a Star Wars – Il risveglio della forza.

Sono prodotte e disegnate dalla Irregular Choice di Dan Sullivan, un calzaturificio fondato nel 1999, famoso in tutto il mondo per il suo stile appena appena sopra le righe.

Dan (non chiedetemi come) è riuscito a convincere la Disney a collaborare con lui. “La sfida più grande è stata trovare il giusto tono e la dimensione esatta per ogni singolo personaggio”, dice in un’intervista. “Anche far sì che il design fosse legato correttamente agli episodi. Non potevamo fare l’errore di includere il volto di due personaggi in un episodio che non li vede recitare insieme.”

La Disney, proprietaria del franchise, ha dato a Dan carta bianca e lui ne ha fatto un uso molto particolare.  Vediamole nel dettaglio:

1 Irregular Choice

24 Irregular Choice

La scarpa da signora di C1P8 abbina a una fantasia bucolico-spaziale uno stile vittoriano e una suola in apparente metallo, ma non è quello il punto. Al posto del tacco, bello alto in verità, c’è proprio il robottino che si esprime a rumori strani e che si caccia sempre nei guai. Una roba burlesque-cyberpunk proprio niente male.

 

33 Irregular Choice

42 Irregular Choice

Gli stivaletti di Darth Vader e dello Stormtrooper sono un’opera d’arte. Pelle squamata, zeppe giganti sulle punte e due tacchi diversi, uno raffigurante la maschera nera del megacattivone della serie e l’altra quella bianca del suo soldato. Per seguire la via dei Sith.

 

53 Irregular Choice

Gli stivali invernali di Chewbacca? Perfetti per tenerti al caldo con il pelo del copilota del Millennium Falcon. Cioè, non proprio il suo, ma ci siamo capiti. Dietro, per non farsi mancare niente, pure il suo bel faccione.

 

73 Irregular Choice

83 Irregular Choice

Le scarpe col tacco di Yoda, in simil pelle di serpente, con quella forma da educanda gone bad e l’immancabile tacco a forma del saggio Jedi Yoda, che si porta sulla testa tutto il peso della persona. Speriamo che non camminino al contrario.

 

92 Irregular Choice

102 Irregular Choice

Le ballerine di Star Wars, suola con Harrison Ford, punta ricamata con Darth Vader, per essere la più hipster alle feste.

 

112 Irregular Choice

Le scarpe con la spada laser, quelle proprio sobrie. Mega zeppa con carro armato, colore discutibile e tacco illuminato con la Forza, grazie alla spada laser dei guerrieri Jedi in rivolta contro il terribile Imperatore. Diciamolo, sono orribili.

 

12 Irregular Choice

Le scarpe coi robot. Un modello classico, unisex, veramente figo. In punta, le effigi dei due amici C-3PO e C1P8, i due robot più famosi del mondo che nella saga non perdono occasione di comportarsi come Sandra e Raimondo.

 

13 Irregular Choice

Le scarpe con Leila e Han Solo. Per la ragazza che non si vergogna a mostrare a tutti il suo lato romantico e che sfoggia ai piedi, tra fiori e decorazioni, le facce della Principessa Leila e del suo eterno fidanzato, il pilota Han Solo. Ah, l’amore…

FONTE |  sobadsogood.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >