Society
di Marcello Farno 2 Maggio 2016

Lo smart parking rivoluzionerà il nostro modo di parcheggiare

Niente più giri snervanti: basterà un’app sul telefono che ci farà guadagnare tanto tempo

smartapp_header Smart Parking

L’idea a Milano era nell’aria già da qualche anno, ma adesso sembra essere pronta a concretizzarsi sul serio. Lo smart parking rivoluzionerà il nostro modo di parcheggiare, oltre a farci guadagnare una notevole dose di tempo. Secondo le stime gli automobilisti milanesi passano infatti circa 80 ore all’anno a cercare un parcheggio, generando così il 30% del traffico cittadino. Con lo smart parking tutto diventa più facile: una semplice app saprà indicarci quali sono i posteggi liberi in zona, senza farci affannare in giri snervanti.

Stando alle parole di Pierfrancesco Maran, assessore alla mobilità del comune di Milano, la città sarà pronta ad accogliere “una delle sperimentazioni più avanzate d’Europa” entro il 2020. Le parole sono state pronunciate in occasione di Mobility in Italy, evento dedicato alle nuove frontiere dei trasporti e della mobilità in Italia, in cui sono stati anche presentati i sensori che saranno lo strumento dei parcheggi del futuro. Si incastreranno direttamente nell’asfalto, sotto le vetture in sosta, rilevando le percentuali di riempimento delle strade milanesi: “L’importante sarà riuscire a offrire al cittadino una quota indicativa di posteggi liberi in ogni singola strada della nostra metropoli“.

smart-parking-sensor CBC - Uno dei sensori utilizzati per lo smart parking

Per il momento si partirà con mille stalli sperimentali, che coinvolgeranno le aree di carico e scarico merci e i parcheggi riservati ai disabili. Un contesto ridotto che permetterà di testare l’efficacia della tecnologia per poi allargarla anche alle altre zone di posteggio. L’investimento da parte del comune di Milano e del Ministero dei Trasporti sarà di circa 6 milioni di euro.

Esistono già degli esempi di città virtuose che utilizzano il sistema dello smart parking. Tra le più vicine c’è Nizza, in Francia, dove è partita la prima sperimentazione europea, o Londra, dove la tecnologia è sfruttata da più di un anno nel borough di Westminster. A San Francisco il progetto SFPark è attivo addirittura dal 2011. L’intervento in quel caso ha generato una riduzione del traffico cittadino di circa il 50%.

20130208-SF-PARKING-METER-001edit Wired - Uno dei parchimetri utilizzati per lo smart parking a San Francisco

Lo smart parking semplifica ovviamente anche le procedure di pagamento. Le tariffe saranno ricalcolate costantemente in base al tasso di riempimento di una determinata zona, e i pagamenti potranno essere effettuati tranquillamente online. Allo stesso modo i pass dei parcheggi riservati a residenti e disabili verranno dotati di un chip per comunicare con i sensori, portando a una più rapida individuazione di tutti i trasgressori.

Un sistema che riduce il traffico così come l’inquinamento e il consumo di carburante. Ma che non arriverà mai a toccare i vertici di genialità di quest’altro tipo di smart parking.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >