Society
di Gabriele Ferraresi 23 Agosto 2016

Come smettere di rimandare quello che non vogliamo fare e vivere felici

Smettere di procrastinare è facile, se sai come farlo: qualche consiglio utile per fare tutto quello che faremo domani, e poi non facciamo mai

 

Procrastinators: leaders of tomorrow, dice una maglietta abbastanza simpatica. Ma non è poi così vero: rimandare, procrastinare, continuare a dirci “lo faremo dopo”, e quel “dopo” non arriva mai, può davvero incasinarci la vita e causare danni inenarrabili. Ma ci sono molti modi per smettere di rimandare, basta volerlo: su OpenCulture è uscito qualche giorno fa un lungo articolo in cui si analizzano i motivi per cui si procrastina, dal punto di vista scientifico.

È abbastanza tecnico ma interessante se volete farvi una cultura su come mai il nostro cervello ci porti spesso a rimandare compiti di ogni genere. Le soluzioni per smettere di rimandare sono forse più interessanti, e sono le solite, quelle che ogni buon procrastinatore sa già come eludere. Spezzettate quella cosa che proprio continuate a rimandare in sotto obiettivi, tanto per cominciare. Definite chiaramente il momento in cui comincerete a fare quella cosa lì, e quanto a lungo ci lavorerete sopra, dandovi dei paletti precisi.

 

 

Ma soprattutto: iniziate a farla quella maledetta cosa. Anche senza scrivere una lunga lista di cose da fare, oppure ogni step intermedio, ricordate sempre che concludere un task anche parzialmente aiuta a motivarsi nel futuro, innescando un circolo virtuoso, e che rinviare quel compito che proprio non riusciamo a fare ora non lo renderà in futuro più divertente. Non è che scompare.

Sempre su OpenCulture si suggerisce di “rendersi la vita complicata”, magari rendendosi deliberatamente difficile procrastinare, e infine di darsi ricompense intermedie, oltre che una volta raggiunto l’obiettivo finale. Altre dritte utili su come smettere di procrastinare, erano uscite in un pezzo su Inc.com, qualche anno fa. Lì si riportavano i consigli del motivatore Steve Chandler, che partiva a spiegare la tendenza a rimandare dalla paura.

Rimandiamo compiti, incombenze, doveri, perché ne abbiamo paura. Chandler consiglia la soluzione dei “tre minuti”, per risolvere i drammi della nostra procrastinazione, come funziona? Semplice: secondo Chandler dobbiamo cominciare a pensare a pacchetti di tre minuti, e dire a noi stessi “Che cosa posso fare nei prossimi tre minuti per cambiare qualcosa? Che piccola azione posso compiere nei prossimi tre minuti?“.

 

mente procrastinatore smettere di rimandare WaitButWhy.com

 

Ce n’è di sicuro una che possiamo applicare all’incombenza che stiamo rimandando da troppo tempo. E così via, a pacchetti di tre minuti, verso l’obiettivo da concludere.

Per concludere, sempre a proposito della paura, e di come riesca a costringerci a rimandare l’inevitabile, su Forbes un’altra motivatrice, Margie Warrell, spiegava i vantaggi di imbrigliare la pauraFocalizzatevi su quello che non volete, e riuscirete a imbrigliarla a vostro favore. Scrivete su un foglio come vi sentirete tra un anno se non fate nulla. Siate forti, e onesti con voi stessi riguardo ai costi di una prolungata inazione. Dopotutto, se non cambiate nulla, come potere sperare che cambi qualcosa!“. Già: difficile sperare che le cose cambino, se non facciamo nulla per cambiarle.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >