Society
di Gabriele Ferraresi 23 Agosto 2016

Come smettere di rimandare quello che non vogliamo fare e vivere felici

Smettere di procrastinare è facile, se sai come farlo: qualche consiglio utile per fare tutto quello che faremo domani, e poi non facciamo mai

 

Procrastinators: leaders of tomorrow, dice una maglietta abbastanza simpatica. Ma non è poi così vero: rimandare, procrastinare, continuare a dirci “lo faremo dopo”, e quel “dopo” non arriva mai, può davvero incasinarci la vita e causare danni inenarrabili. Ma ci sono molti modi per smettere di rimandare, basta volerlo: su OpenCulture è uscito qualche giorno fa un lungo articolo in cui si analizzano i motivi per cui si procrastina, dal punto di vista scientifico.

È abbastanza tecnico ma interessante se volete farvi una cultura su come mai il nostro cervello ci porti spesso a rimandare compiti di ogni genere. Le soluzioni per smettere di rimandare sono forse più interessanti, e sono le solite, quelle che ogni buon procrastinatore sa già come eludere. Spezzettate quella cosa che proprio continuate a rimandare in sotto obiettivi, tanto per cominciare. Definite chiaramente il momento in cui comincerete a fare quella cosa lì, e quanto a lungo ci lavorerete sopra, dandovi dei paletti precisi.

 

 

Ma soprattutto: iniziate a farla quella maledetta cosa. Anche senza scrivere una lunga lista di cose da fare, oppure ogni step intermedio, ricordate sempre che concludere un task anche parzialmente aiuta a motivarsi nel futuro, innescando un circolo virtuoso, e che rinviare quel compito che proprio non riusciamo a fare ora non lo renderà in futuro più divertente. Non è che scompare.

Sempre su OpenCulture si suggerisce di “rendersi la vita complicata”, magari rendendosi deliberatamente difficile procrastinare, e infine di darsi ricompense intermedie, oltre che una volta raggiunto l’obiettivo finale. Altre dritte utili su come smettere di procrastinare, erano uscite in un pezzo su Inc.com, qualche anno fa. Lì si riportavano i consigli del motivatore Steve Chandler, che partiva a spiegare la tendenza a rimandare dalla paura.

Rimandiamo compiti, incombenze, doveri, perché ne abbiamo paura. Chandler consiglia la soluzione dei “tre minuti”, per risolvere i drammi della nostra procrastinazione, come funziona? Semplice: secondo Chandler dobbiamo cominciare a pensare a pacchetti di tre minuti, e dire a noi stessi “Che cosa posso fare nei prossimi tre minuti per cambiare qualcosa? Che piccola azione posso compiere nei prossimi tre minuti?“.

 

mente procrastinatore smettere di rimandare WaitButWhy.com

 

Ce n’è di sicuro una che possiamo applicare all’incombenza che stiamo rimandando da troppo tempo. E così via, a pacchetti di tre minuti, verso l’obiettivo da concludere.

Per concludere, sempre a proposito della paura, e di come riesca a costringerci a rimandare l’inevitabile, su Forbes un’altra motivatrice, Margie Warrell, spiegava i vantaggi di imbrigliare la pauraFocalizzatevi su quello che non volete, e riuscirete a imbrigliarla a vostro favore. Scrivete su un foglio come vi sentirete tra un anno se non fate nulla. Siate forti, e onesti con voi stessi riguardo ai costi di una prolungata inazione. Dopotutto, se non cambiate nulla, come potere sperare che cambi qualcosa!“. Già: difficile sperare che le cose cambino, se non facciamo nulla per cambiarle.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >