Society
di Simone Stefanini 10 Gennaio 2018

Coi Social Credit nel 2020 la Cina diventerà un episodio di Black Mirror

Da tempo si parla di social credit in Cina, un sistema che mira a rendere lo Stato tecnologico, sofisticato e controllato in maniera impressionante. Molto simile a un episodio di Black Mirror che abbiamo visto tutti. Vediamo di fare chiarezza.

Black Mirror 3×01

 

L’episodio in questione d’intitola Nosedive, tradotto con Caduta libera, è scritto dal fido Charlie Brooker ed è interpretato da Bryce Dallas Howard. Parla di una ragazza che vive in un presente distopico in cui tutti hanno un’app sullo smartphone che permette di dare (e ricevere) voti per ogni interazione con gli altri. Questi voti serviranno poi come una sorta di curriculum sociale che permetterà o meno di accedere a casa, lavoro, servizi sanitari e attività ricreative. La nostra protagonista, manco a dirlo, sarà felice solo dopo aver gettato al vento la sua vita ed essere riuscita a dire un sacco di parolacce, simbolo di libertà, dietro le sbarre della prigione.

 

Cosa sono i social credit?

social credit cina visiontimes

Già nel 2014, il Consiglio di Stato cinese  aveva rilasciato un documento che riguardava la possibile istituzione del sistema di Social Credit, che servirà per valutare i propri cittadini (e sono tanti, 1miliardo e 300 milioni) e costruire una cultura della sincerità basata in realtà sul controllo.

In pratica, il governo classificherà ogni cittadino ma anche ogni ente e società con un sistema di voti. Grazie a importanti collaborazioni con China Rapid Finance (servizi di chat), Sesame Credit (assicurazioni), AliPay (bancomat), Didi Chuxing (servizio tipo Uber), Baihe (incontri online) e altri grandi brand attivi sul territorio cinese, il governo saprà tutto dei suoi cittadini, che saranno misurati su una scala che va da 350 a 950 punti.

 

Il metro di giudizio dei social credit

 

I cittadini (ma anche le aziende) saranno giudicati secondo cinque diversi fattori:

Caratteristiche personali: controlli incrociati con informazioni personali, indirizzo, numero di cellulare, tessera sanitaria e tutte le altre tracce lasciate in giro.

Credito: quanto guadagnano? Riescono a pagare in tempo bollette, rate, affitto?

Occupazione: che lavoro fanno? Riescono ad adempiere agli obblighi contrattuali?

Comportamento: sei genitore oppure un perdigiorno? Compri i pannolini o stai ore davanti ai videogiochi?

Relazioni interpersonali: i compagni di vita, la scelta dei propri amici online, i commenti sui social.

Chi sarà ritenuto affidabile avrà dei premi graditi: dai buoni spesa ai prestiti agevolati, fino ai check in veloci in alberghi di lusso. Inutile dirlo che chi avrà dei cattivi punteggi sarà spronato dal governo a fare di più, oppure dovrà subire delle sanzioni.

 

La fiducia non c’entra niente

Questo sistema, oltre a essere agghiacciante, a seconda del governo ha a che fare con la fiducia. Non quella dei cittadini nelle istituzioni, badate bene, ma il contrario: quella del governo nei  confronti dei cittadini. In questi mesi prima dell’entrata in vigore dei social credit obbligatori, molti volontari stanno provando il nuovo sistema e tra chi si vanta sui social cinesi di essere un cittadino modello (ogni status positivo sul governo fa punteggio), c’è già chi vende finti crediti per alzare il proprio punteggio.

Ciò che sta per accadere non ha niente a che vedere con la fiducia, piuttosto col controllo, in una delle nazioni più forti e meno democratiche del pianeta.

FONTE | Wired

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >