Society
di Eva Cabras 10 Gennaio 2018

Catherine Deneuve rivendica la libertà di essere importunata

In una lettera a Le Monde, Catherine Deneuve e altre cento donne francesi parlano del rovescio della medaglia delle denunce post-Weinstein

deneuve vogue

 

In una lettera pubblicata dal quotidiano francese Le Monde, l’attrice Catherine Deneuve e altre cento firmatarie esprimono la propria opinione sulla reazione a catena delle denunce di molestia post caso Weinstein. In particolare, il gruppo si focalizza sulla diversificazione tra aggressione e abbordaggio, scagliandosi contro la presunta caccia alle streghe che i movimenti #MeToo e Time’s Up, protagonisti assoluti degli ultimi Golden Globes, hanno avviato attraverso i social network. Se una distinzione tra comportamenti sociali è più che sensata, l’approccio decisamente retrò al concetto di seduzione ha fatto sgranare gli occhi a parecchie persone. A buona ragione.

Nella lettera che ha Catherine Deneuve come portavoce viene comunque riconosciuta la legittimità delle condanne, delle denunce in nome della sicurezza delle donne nel mondo e sul posto di lavoro, senza esclusioni. Il rovescio della medaglia del movimento #MeToo starebbe invece nella facilità della denuncia, nella presunta leggerezza con cui tante donne oggi denunciano molestie, che vengono liquidate come semplice corteggiamento: un bacio imposto, una mano sul ginocchio, una conversazione imbarazzante. Per il collettivo francese queste non sono molestie, ma tecniche più o meno maldestre di seduzione, non paragonabili allo stupro e assolutamente indispensabili per conservare la libertà sessuale conquistata con fatica dalle nostre antenate. Considerare molesta qualsiasi forma di avance non desiderata sarebbe controproducente per le donne, totalmente capaci di difendersi anche senza l’indignazione mediatica del mondo e la condanna senza possibilità di replica a soggetti che stavano soltanto esprimendo la propria voracità sessuale, “per natura offensiva e selvaggia”.

 

 

La sovrabbondanza di denunce starebbe quindi portando a una nuova era di puritanesimo, nel quale le donne tornano a essere soggetti fragili e deboli da proteggere dalle insidie della vita, mentre gli uomini sarebbero tutti maiali da mandare al macello per i propri appetiti. Deneuve pensa che un uomo debba essere libero di importunare una donna, preservandone i diritti a un’equa interazione sessuale, come se le pulsioni “offensive e selvagge” fossero socialmente tollerabili solo perché naturali. No, grazie.

È proprio qui che il ragionamento delle firmatarie s’inceppa. Importunare significa letteralmente infastidire, assillare, creare disagio. Che bisogno c’è di essere importunate per rimanere libere? Sarà mica che tra le righe aleggia ancora la concezione che vuole l’attenzione (anche non richiesta) maschile come conferma e convalida della propria qualità di donna? Se guardiamo alle più fiere sostenitrici dei movimenti #MeToo, Time’s Up e #quellavoltache per l’Italia, vediamo una schiera di donne di ogni età e provenienza, con una larga fetta di giovani e giovanissime, fortunatamente. Tra le firmatarie della lettera a Le Monde, Repubblica cita diverse intellettuali e professioniste della cultura francese, ma nessuna sotto i 50 anni. L’età non sminuisce certo le loro rivendicazioni, ma il dubbio che la loro possa essere una concezione datata della sessualità è quantomeno plausibile.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >