Society
di Marcello Farno 11 Maggio 2016

Un studente di 15 anni potrebbe aver scoperto una perduta citta Maya

Ma gli esperti non sono poi così convinti

maya Manuel Marangoni

 

La storia ha insieme dell’incredibile e del paradossale. William Gadoury, studente canadese di appena 15 anni, sembra abbia scoperto una citta maya abbandonata, rimasta sconosciuta fino ad ora. Come ha fatto? Seguendo una sua teoria, nata dall’idea che le popolazioni Maya costruissero le loro città in base alla posizione delle costellazioni.

Non riuscivo a spiegarmi il motivo per cui i Maya edificassero le loro città lontano da fiumi, su terreni poco fertili e perlopiù in montagna” – ha raccontato al Journal de Montréal – “Doveva esserci un altro motivo, e, essendo a conoscenza della loro passione per le stelle, mi è venuta l’idea di verificare la mia ipotesi“. Il giovane William Gadoury ha così scoperto che la posizione di numerose città maya, circa 117, ha una correlazione diretta con le costellazioni della volta celeste.

Allo stesso modo si è reso conto che mancava una città all’appello e ha dedotto che potesse essere in Belize, il paese situato sulla costa orientale dell’America Centrale. William ha presentato la sua ipotesi alla Canadian Space Agency, che ha deciso di sostenerlo: così ha identificato via satellite una serie di strutture geometriche, nascoste sotto la fitta vegetazione della giungla, che, stando alle sue parole, costituirebbero lo scheletro di una delle cinque più grandi città maya mai scoperte. E ovviamente, come consuetudine con tutte le scoperte importanti, ha deciso anche di dare un nome a questa città: K’àak Chi.

 

maya Gizmodo - Le immagini del sito via Google Earth

 

Nessuno ha avuto ancora modo di visitare il sito, anche perché la spedizione potrebbe essere molto costosa, ma è questo l’obiettivo a breve termine di Gadoury. Che punta anche a presentare il suo progetto alla prossima Intel International Science and Engineering Fair, in programma nel 2017 a Los Angeles, che prevede circa 5 milioni di dollari di borsa di studio per tutti gli studenti in età da college.

 

maya Journal de Montréal - Il giovane William Gaudory

 

Naturalmente c’è però chi considera che la scoperta di Gadoury non sia poi così veritiera. Tra di loro alcuni esperti, che affermano che quelle immagini satellitari non raffigurino altro se non un campo abbandonato.

Thomas Garrison, antropologo ed esperto di telerilevamento, scrive su Gizmodo che: “Gli sforzi del giovane ragazzo sono da applaudire, tuttavia bisogna sempre essere in grado di confermare ciò che si identifica in un’immagine satellitare prima di dare per assodato delle scoperte. In questo caso, la forma così come anche la vegetazione secondaria cresciuta all’interno del sito, sono chiari segnali che si tratta di un campo abbandonato da 10-15 anni. È evidente a chiunque abbia speso del tempo sui territori Maya“. E per confermare la sua tesi, mostra anche la foto di un campo abbandonato, molto simile al sito rilevato da Gadoury, nelle zone del Guatemala.

 

maya Gizmodo - Il campo di cui parla Garrison

 

E c’è anche chi si dice scettico sulla premessa che i Maya costruissero le loro città seguendo la posizione delle costellazioni. Erano effettivamente degli ottimi astronomi, ma non esiste un elenco completo delle loro costellazioni e soprattutto, a eccezione di quella dello Scorpione, esse sembrano non avere nessun rapporto con quelle che troviamo sulle mappe moderne.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >