Society
di Marcello Farno 11 Maggio 2016

Un studente di 15 anni potrebbe aver scoperto una perduta citta Maya

Ma gli esperti non sono poi così convinti

maya Manuel Marangoni

 

La storia ha insieme dell’incredibile e del paradossale. William Gadoury, studente canadese di appena 15 anni, sembra abbia scoperto una citta maya abbandonata, rimasta sconosciuta fino ad ora. Come ha fatto? Seguendo una sua teoria, nata dall’idea che le popolazioni Maya costruissero le loro città in base alla posizione delle costellazioni.

Non riuscivo a spiegarmi il motivo per cui i Maya edificassero le loro città lontano da fiumi, su terreni poco fertili e perlopiù in montagna” – ha raccontato al Journal de Montréal – “Doveva esserci un altro motivo, e, essendo a conoscenza della loro passione per le stelle, mi è venuta l’idea di verificare la mia ipotesi“. Il giovane William Gadoury ha così scoperto che la posizione di numerose città maya, circa 117, ha una correlazione diretta con le costellazioni della volta celeste.

Allo stesso modo si è reso conto che mancava una città all’appello e ha dedotto che potesse essere in Belize, il paese situato sulla costa orientale dell’America Centrale. William ha presentato la sua ipotesi alla Canadian Space Agency, che ha deciso di sostenerlo: così ha identificato via satellite una serie di strutture geometriche, nascoste sotto la fitta vegetazione della giungla, che, stando alle sue parole, costituirebbero lo scheletro di una delle cinque più grandi città maya mai scoperte. E ovviamente, come consuetudine con tutte le scoperte importanti, ha deciso anche di dare un nome a questa città: K’àak Chi.

 

maya Gizmodo - Le immagini del sito via Google Earth

 

Nessuno ha avuto ancora modo di visitare il sito, anche perché la spedizione potrebbe essere molto costosa, ma è questo l’obiettivo a breve termine di Gadoury. Che punta anche a presentare il suo progetto alla prossima Intel International Science and Engineering Fair, in programma nel 2017 a Los Angeles, che prevede circa 5 milioni di dollari di borsa di studio per tutti gli studenti in età da college.

 

maya Journal de Montréal - Il giovane William Gaudory

 

Naturalmente c’è però chi considera che la scoperta di Gadoury non sia poi così veritiera. Tra di loro alcuni esperti, che affermano che quelle immagini satellitari non raffigurino altro se non un campo abbandonato.

Thomas Garrison, antropologo ed esperto di telerilevamento, scrive su Gizmodo che: “Gli sforzi del giovane ragazzo sono da applaudire, tuttavia bisogna sempre essere in grado di confermare ciò che si identifica in un’immagine satellitare prima di dare per assodato delle scoperte. In questo caso, la forma così come anche la vegetazione secondaria cresciuta all’interno del sito, sono chiari segnali che si tratta di un campo abbandonato da 10-15 anni. È evidente a chiunque abbia speso del tempo sui territori Maya“. E per confermare la sua tesi, mostra anche la foto di un campo abbandonato, molto simile al sito rilevato da Gadoury, nelle zone del Guatemala.

 

maya Gizmodo - Il campo di cui parla Garrison

 

E c’è anche chi si dice scettico sulla premessa che i Maya costruissero le loro città seguendo la posizione delle costellazioni. Erano effettivamente degli ottimi astronomi, ma non esiste un elenco completo delle loro costellazioni e soprattutto, a eccezione di quella dello Scorpione, esse sembrano non avere nessun rapporto con quelle che troviamo sulle mappe moderne.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >