3 3
Society
di Marco Villa 10 Novembre 2014

I tedeschi sono stati il popolo più felice della Terra e per questo li invidio

Qual è l’evento degli ultimi tre decenni che dovrebbe renderci felici di essere italiani?

Fall of the Berlin Wall in 1989

Qual è l’evento degli ultimi tre decenni che dovrebbe renderci felici di essere italiani?
Non parlo di orgoglio, di onore, di amor patrio (aggiungete pure altri termini altisonanti pescati dall’apposita urna che trovate all’ingresso), parlo di felicità.

Sono nato nel 1982 e non ho memoria di un solo momento in cui mi sia potuto sentire contento in quanto parte di una collettività. I primi ricordi che ho di storia italiana sono gli arresti di Tangentopoli, con conseguente messa in stato di accusa di un’intera classe dirigente e di mezzo secolo scarso di storia politica repubblicana. In un colpo solo scoprivo non solo che i vertici del mio paese erano da buttare, ma che tutto era marcio da decenni. Da lì, tutta una parata di eventi e fatti che, nella migliore delle ipotesi, mi hanno deluso e nella peggiore mi hanno fatto vergognare, rendendo l’ipotesi della felicità qualcosa di utopico.

Non è una sparata a vuoto, è una cosa pensata, ponderata. Mi sono impegnato, ma davvero non ho trovato un giorno in cui mi sono detto che sì, pur tra mille problemi e difetti, ero felice di essere italiano.

Ecco perché invidio i tedeschi. Non per la loro economia o la loro efficienza. Anche per quello intendiamoci, ma in misura minore. Io invidio i tedeschi della mia età perché, seppur da bambini, hanno avuto un momento in cui si sono sentiti parte di qualcosa e hanno avvertito che tutto stava cambiando in positivo. Mi riferisco ovviamente alla caduta del Muro di Berlino, a quelle giornata di 25 anni fa in cui tutto è tornato al proprio posto e chiunque si è sentito parte di un sentimento più grande e condiviso. Un momento in cui sono stati felici insieme, anzi: in cui sono stati – semplicemente – il popolo più felice della terra.

Non sono pazzo: mi accontenterei di qualcosa di meno, di estremamente più piccolo.
Qualcosa che possa compensare almeno in parte tutto il brutto che ho visto in 32 anni.
Nel frattempo, non posso che continuare a invidiarli e a sperare che l’Europa diventi qualcosa in grado di toccarci anche a livello emotivo.

p.s. No, la vittoria di un mondiale di calcio non può e non deve rientrare in questo discorso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >