Society
di Simone Stefanini 12 Luglio 2018

Tifavamo Croazia, ma dopo il tweet di Paolo Bargiggia viva la Francia

Il giornalista sportivo di Mediaset, noto per il suo orientamento politico, ha usato la parola “razza” in un tweet contro la Francia

Avete presente Paolo Bargiggia? È il giornalista sportivo barbuto di Mediaset che commenta partite e mercato, ma non solo: spesso sul suo account Twitter si lascia andare a considerazioni politiche molto forti, un po’ come quella volta che si dichiarò apertamente simpatizzante di Casapound:

o quando decise di scrivere nero su bianco tutto quello che non gli piace, in perfetta sintonia con Salvini:

Una tradizione di famiglia che vede anche il figlio Luca prendersi 10 turni di squalifica per aver detto a un avversario in un campo di serie D “Che cazzo vuoi ne*ro di merda, ridammi i marò”. Figlio Luca, dicevamo, che poi è stato squalificato per due anni per essere risultato positivo a un metabolita della cocaina in una partita del 2016, ma questa è un’altra storia.

Insomma, avete capito l’orientamento politico del personaggio. Ieri si è giocata la semifinale del Mondiale di Russia 2018 Croazia-Inghilterra e dopo una gara combattuta col coltello tra i denti, alla fine dei due tempi supplementari ha avuto la meglio la Croazia, che disputerà contro la Francia la finale per la prima volta nella sua storia.

Una favola per una squadra fatta di bravi giocatori che sanno fare gruppo e che non si risparmiano in campo. Per un italiano risulta facile tifare per la Croazia in finale, vista l’atavica inimicizia sportiva che ci lega alla Francia, ma a volte basta un niente per spostare la simpatia. Quel niente in questo caso è l’ennesimo tweet del giornalista sportivo Paolo Bargiggia che commenta così la semifinale:

 

Non soffermatevi sull’errore grammaticale melting pop – melting pot, quello è l’ultimo dei problemi. Bargiggia mette a confronto due idee di Stato, come si trattasse di un’elezione politica, lodando il fatto che i croati siano una nazionale sovranista senza calciatori di seconda generazione, figli di immigrati ma a tutti gli effetti francesi come capita da anni nella nazionale transalpina. Bargiggia parla di razza e questo è inaccettabile. Pur essendo palese il suo orientamento politico, esiste una sola razza ed è quella umana, le differenze etniche sono date, come dice la parola stessa, dall’etnia.

La religione, poi, che discrimine può avere nello sport? Partiamo dal fatto che l’esistenza di Dio neanche è sicura di default e che i croati hanno combattuto una guerra fratricida basata proprio sulle assurde differenze religiose, tirarla in ballo in una finale mondiale è una cosa che non sta né in cielo né in terra. Il concetto di patria sovrana che si difende dall’attacco dello straniero ha fatto più morti delle catastrofi naturali.

In questo senso sposiamo il concetto multiculturale della nazionale francese piena di giocatori giovani e bravi, di etnia e religione diversa, che giocano nello stesso team per lo stesso obiettivo. Niente di personale contro la Croazia, che si goda il sogno fino alla fine, ma non supporteremo mai il pensiero di Paolo Bargiggia. Per quanto sia una banalità, lo sport deve unire, non prestarsi a queste operazioni nostalgia che sembrano provenire dai tempi della Seconda Guerra Mondiale. 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >