Society
di Elisabetta Limone 26 Agosto 2019

Tinte per Capelli: come colorare i capelli senza danneggiarli

Le tinte per capelli classiche a base di ammoniaca possono rovinare i capelli, danneggiandone la struttura. Ecco come colorare la chioma in sicurezza.

Le tinte per capelli possono rovinarli, ma esistono colorazioni più delicate e adatte anche a un uso frequente.

Colorare i capelli è quasi una mania, che sia per dover mascherare i capelli bianchi o per voler provare un nuovo look. Le tinte disponibili in commercio sono diverse e cambiano per promesse dei risultati che si otterranno così come per gli elementi di cui sono composte. A volte, infatti, gli agenti utilizzati per colorare il capello possono essere aggressive e, alla lunga, rovinare i capelli. Fra shampoo, phon, piastra, lacca e acconciature varie, i capelli già subiscono una dose abbondante di stress ed è meglio evitare di peggiorare la situazione utilizzando prodotti aggressivi per la tintura. Una delle differenze fondamentali per la colorazione della chioma è se il prodotto è a base di ammoniaca o meno. Quali sono le differenze tra le tinture con ammoniaca e quelle senza? Garantiscono gli stessi risultati? Sono ugualmente aggressivi? Meglio scoprire nel dettaglio le differenze, per poter continuare a tingere i capelli senza paura di danneggiarli e rovinarli eccessivamente.

Tinta senza ammoniaca, pregi e difetti

La tinta senza ammoniaca è stata finora malvista perché ha goduto della cattiva fama di non mantenere la colorazione a lungo. Se ciò poteva essere vero in tempi più remoti, dove l’alternativa alla colorazione senza ammoniaca era l’henné (tinta naturale ma dalla durata breve), al giorno d’oggi esistono in commercio delle soluzioni che, pur non includendo l’ammoniaca, riescono a garantire dei buoni risultati e anche abbastanza duraturi. Se questa descrizione ha conquistato la tua curiosità, scopri i prodotti migliori per colorare i capelli senza aggredirli.

Come fa la tinta senza ammoniaca a colorare i capelli senza rovinarli? Per capirlo, occorre prima avere bene chiaro in mente come funziona l’ammoniaca. Questa sostanza viene utilizzata nelle colorazioni perché la sua funzione è quella di aprire le squame dei capelli, in modo da far entrare il colore in profondità. Per tale ragione le colorazioni con ammoniaca (sconsigliate se si è in gravidanza) risultano più intense: il capello viene difatti colorato fin nella sua struttura.

Ciò che è pericoloso di questa sostanza è il suo odore, ma le esalazioni, seppur tossiche, sono molto volatili, per cui una tintura non pregiudica la salute. Il problema è però l’azione che l’ammoniaca svolge sulla chioma. La sua duratura è garantita per via della sua capacità di penetrazione, per cui si avrebbe bisogno di una frequenza di tinte meno intensa. D’altro canto, la ricrescita del capello rende necessaria la ripetizione della colorazione: la conseguenza è che l’effetto corrosivo dell’ammoniaca dovrebbe essere contrastato dalla minor frequenza con cui viene effettuata, ma l’allungamento della chioma e la comparsa della radice di diverso colore, vanificano la possibilità di avere parentesi di tempo più lunghe tra una tinta e l’altra.

Prodotti, invece, come il Casting Crème Gloss sono invece più delicati per i capelli e hanno una durata non da poco (circa 30 shampoo). La loro formulazione dona alla chioma maggiore lucentezza, un risultato che con le tinte con ammoniaca viene raggiunto solo con trattamenti nutrienti per i capelli da dover eseguire dopo la colorazione. Una tinta senza ammoniaca è consigliata per chi usa le tinture in modo frequente ed è solita/o cambiare colore ai capelli.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >