Society
di Mattia Nesto 10 Luglio 2018

Tutti i motivi per cui Francia Belgio sarà la partita dell’anno

Francia – Belgio, la semifinale di Russia 2018 che si gioca questa sera è una partita che non vediamo l’ora di vedere

Tra poche ore scenderanno in campo Francia e Belgio, forse le due squadre che in questo Mondiale di Russia 2018 hanno saputo coniugare i risultati con il bel gioco (mentre di solito chi arriva in fondo alla competizione lo fa puntando sulla grinta, l’esperienza e, perché no, una buona dose di fortuna). Belgio e Francia no, sono due formazioni molto giovani (la Francia addirittura ha diversi giocatori della generazione ’98, ventenni nati esattamente quando i loro fratelli maggiori si laureavano Campioni del Mondo) che giocano in maniera spensierato, sembrando davvero di divertirsi sul rettangolo da gioco. Per anni un po’ bistrattate, specie il Belgio, queste due Nazionali stasera, ne siamo sicuri, daranno vita alla partita dell’anno. E qui sotto vi spieghiamo il perché.

Questa è l’Europa che vogliamo: Congo, Marocco, Mali, Guinea, Camerun, Portogallo, Spagna, Martinica e Algeria. Queste le provenienze di molte famiglie dei giocatori che stasera saranno in campo: una specie di interrail del pallone

 

Se prendete il probabile undici della Francia e il probabile undici del Belgio vi renderete conto immediatamente di una cosa. Da un lato Mbappe e Pogba, dall’altro Lukaku e Fellaini solo per citare due sono gli esempi più lampanti dell’Europa che ci piacerebbe: ovvero un continente aperto e accogliente per tutti, che dia possibilità di crescere e riuscire nella vita. Se uno legge i racconti dell’infanzia di Lukaku, il centravanti à la Hulk del Belgio, trascorsa in un piccolo appartamento con la madre che, costretta dalle difficili condizioni economiche, era solita allungare il latte con l’acqua gli si stringe il cuore. Eppure Lukaku, grazie alle numerose scuole-calcio di cui dispone Bruxelles e tutto il Belgio intero è diventato il campione che è e da un angusto locale da dividersi con topi e scarafaggi oggi si giocherà la finale della Coppa del Mondo. Una bella storia no? E che ha pure una colonna sonora perfetta come  Le Jour d’Après / Siku Ya Baadaye (Indépendance Cha-Cha) del rapper belga Baloji il quale ha riadattato portandola a nuovo grande successo una famosa hit della black-music del periodo post colonialista.

 

 

Almost Famous: Hazard e Mbappe, le stelle che sognavano le stelle.

Ci sono certe foto su internet che sembrano fatte ad arte per quanto sono belle. In una di queste si vede Edin Hazard, il funambolico numero dieci dei Diavoli Rossi belgi (dieci dribbling riusciti su dieci nei quarti di finale contro il Brasile) che, nel 2000, posa sorridente assieme agli due fratelli (tra cui Thorgan, suo compagno di nazionale) indossando la maglietta numero dieci di Zinedine Zidane che, in quei mesi, faceva faville nell’Europeo di Belgio e Olando, portando i Blues in finale contro l’Italia (sì, quella persa a causa del golden-goal di David Trezeguet!). L’altra foto cult è quella in cui un quattordicenne Mbappé , attualmente il contropiedista più veloce del mondo e il giocatore che ha spaccato in due la difesa dell’Argentina ai quarti,  sorridere nella sua cameretta, cameretta interamente tappezzato di poster di lui, Cristiano Ronaldo, il cinque-volte Pallone d’Oro. Inutile dirvi che proprio quei due ragazzini sognatori oggi si giocheranno non soltanto l’accesso alla finale ma anche lo stesso Pallone d’Oro.

 

Sfatiamo i luoghi comuni

Tra i belgi peggio delle scimmie, come diceva Baudelaire, e i francesi che sono soltanto degli italiani tristi queste due squadre colorate, divertenti e brillanti stanno sfatando più di un luogo comune. Infatti come dicevamo prima questo Mondiale bello, bellissimo anche senza l’Italia, ci sta regalando due delle più belle squadre della storia del calcio che, in più, almeno fino a stasera, stanno anche raggranellando un successo dietro l’altro. Più giovane e spensierata della Nazionale francese blanc et noir del ’98 e meno miracolosa dei Diavoli Rossi anni Ottanta, Francia e Belgio oggi sono le due nazionali migliori al mondo per qualità di gioco e divertimento degli spettatori non-tifosi. Ovvio che non vediamo l’ora si inizi a giocare in Russia stasera!

 

Birra o vino si beve bene alla fine

Birra trappista o bollicine? Formaggio raffinato o appetitoso waffle? Insomma sia che si tifi Belgio o che si parteggi per la Francia sarà una grande serata anche a livello gastronomico. Perché ok fare il tifo, va bene essere amanti del bel calcio ed ammirare esteticamente le grandi giocate dei campioni in campo, ma iniziando alle 20, quindi in pieno orario da aperitivo, abbinare una partita del genere a due o tre scelte gourmet o meno ci pare la scelta migliore. E Belgio – Francia, pare proprio evidente come possa accontentare proprio tutti i palati, non soltanto quelli degli appassionati di pallone. Insomma se anche il calcio vi fa schifo di fronte ad una birra scura doppio malto anche il più fervido degli antipallonari rischierà di fare la ola tra il primo e il secondo tempo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >