Society
di Mattia Nesto 10 Luglio 2018

Tutti i motivi per cui Francia Belgio sarà la partita dell’anno

Francia – Belgio, la semifinale di Russia 2018 che si gioca questa sera è una partita che non vediamo l’ora di vedere

Tra poche ore scenderanno in campo Francia e Belgio, forse le due squadre che in questo Mondiale di Russia 2018 hanno saputo coniugare i risultati con il bel gioco (mentre di solito chi arriva in fondo alla competizione lo fa puntando sulla grinta, l’esperienza e, perché no, una buona dose di fortuna). Belgio e Francia no, sono due formazioni molto giovani (la Francia addirittura ha diversi giocatori della generazione ’98, ventenni nati esattamente quando i loro fratelli maggiori si laureavano Campioni del Mondo) che giocano in maniera spensierato, sembrando davvero di divertirsi sul rettangolo da gioco. Per anni un po’ bistrattate, specie il Belgio, queste due Nazionali stasera, ne siamo sicuri, daranno vita alla partita dell’anno. E qui sotto vi spieghiamo il perché.

Questa è l’Europa che vogliamo: Congo, Marocco, Mali, Guinea, Camerun, Portogallo, Spagna, Martinica e Algeria. Queste le provenienze di molte famiglie dei giocatori che stasera saranno in campo: una specie di interrail del pallone

 

Se prendete il probabile undici della Francia e il probabile undici del Belgio vi renderete conto immediatamente di una cosa. Da un lato Mbappe e Pogba, dall’altro Lukaku e Fellaini solo per citare due sono gli esempi più lampanti dell’Europa che ci piacerebbe: ovvero un continente aperto e accogliente per tutti, che dia possibilità di crescere e riuscire nella vita. Se uno legge i racconti dell’infanzia di Lukaku, il centravanti à la Hulk del Belgio, trascorsa in un piccolo appartamento con la madre che, costretta dalle difficili condizioni economiche, era solita allungare il latte con l’acqua gli si stringe il cuore. Eppure Lukaku, grazie alle numerose scuole-calcio di cui dispone Bruxelles e tutto il Belgio intero è diventato il campione che è e da un angusto locale da dividersi con topi e scarafaggi oggi si giocherà la finale della Coppa del Mondo. Una bella storia no? E che ha pure una colonna sonora perfetta come  Le Jour d’Après / Siku Ya Baadaye (Indépendance Cha-Cha) del rapper belga Baloji il quale ha riadattato portandola a nuovo grande successo una famosa hit della black-music del periodo post colonialista.

 

 

Almost Famous: Hazard e Mbappe, le stelle che sognavano le stelle.

Ci sono certe foto su internet che sembrano fatte ad arte per quanto sono belle. In una di queste si vede Edin Hazard, il funambolico numero dieci dei Diavoli Rossi belgi (dieci dribbling riusciti su dieci nei quarti di finale contro il Brasile) che, nel 2000, posa sorridente assieme agli due fratelli (tra cui Thorgan, suo compagno di nazionale) indossando la maglietta numero dieci di Zinedine Zidane che, in quei mesi, faceva faville nell’Europeo di Belgio e Olando, portando i Blues in finale contro l’Italia (sì, quella persa a causa del golden-goal di David Trezeguet!). L’altra foto cult è quella in cui un quattordicenne Mbappé , attualmente il contropiedista più veloce del mondo e il giocatore che ha spaccato in due la difesa dell’Argentina ai quarti,  sorridere nella sua cameretta, cameretta interamente tappezzato di poster di lui, Cristiano Ronaldo, il cinque-volte Pallone d’Oro. Inutile dirvi che proprio quei due ragazzini sognatori oggi si giocheranno non soltanto l’accesso alla finale ma anche lo stesso Pallone d’Oro.

 

Sfatiamo i luoghi comuni

Tra i belgi peggio delle scimmie, come diceva Baudelaire, e i francesi che sono soltanto degli italiani tristi queste due squadre colorate, divertenti e brillanti stanno sfatando più di un luogo comune. Infatti come dicevamo prima questo Mondiale bello, bellissimo anche senza l’Italia, ci sta regalando due delle più belle squadre della storia del calcio che, in più, almeno fino a stasera, stanno anche raggranellando un successo dietro l’altro. Più giovane e spensierata della Nazionale francese blanc et noir del ’98 e meno miracolosa dei Diavoli Rossi anni Ottanta, Francia e Belgio oggi sono le due nazionali migliori al mondo per qualità di gioco e divertimento degli spettatori non-tifosi. Ovvio che non vediamo l’ora si inizi a giocare in Russia stasera!

 

Birra o vino si beve bene alla fine

Birra trappista o bollicine? Formaggio raffinato o appetitoso waffle? Insomma sia che si tifi Belgio o che si parteggi per la Francia sarà una grande serata anche a livello gastronomico. Perché ok fare il tifo, va bene essere amanti del bel calcio ed ammirare esteticamente le grandi giocate dei campioni in campo, ma iniziando alle 20, quindi in pieno orario da aperitivo, abbinare una partita del genere a due o tre scelte gourmet o meno ci pare la scelta migliore. E Belgio – Francia, pare proprio evidente come possa accontentare proprio tutti i palati, non soltanto quelli degli appassionati di pallone. Insomma se anche il calcio vi fa schifo di fronte ad una birra scura doppio malto anche il più fervido degli antipallonari rischierà di fare la ola tra il primo e il secondo tempo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >